I 2.500 capolavori rubati dai nazisti agli ebrei in mano al governo tedesco

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

 Più di 70 anni dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale il governo tedesco è ancora in possesso di migliaia di opere d’arte, quasi sicuramente rubate dai nazisti in Germania e in tutta l’Europa, in grandissima parte a famiglie ebraiche. Come ha confermato il ministero delle Finanze tedesco a Bild Zeitung, sono esattamente 2.500 i capolavori non ancora restituiti ai legittimi proprietari che attualmente si trovano in musei statali, nei ministeri o nel deposito federale delle opere d’arte di Weissensee, a Berlino.
La notizia emerge sull’onda delle rinnovate polemiche suscitate dall’appello del direttore della Galleria degli Uffizi, Eike Schmidt, che ha chiesto la restituzione del «Vaso di Fiori» di Jan van Huysum, un olio del Settecento trafugato al museo fiorentino dalle truppe hitleriane e attualmente in possesso di una famiglia tedesca. Ma se nel caso del dipinto olandese siamo di fronte a un privato, con tutte le difficoltà legali di una eventuale restituzione, in quello del governo tedesco c’è anche un problema di azione insufficiente e di lentezza burocratica. Non che Berlino non abbia fatto o faccia nulla per attivarsi nella ricerca dei proprietari o dei loro eredi. Nell’agosto del 2018, la Germania ha rinnovato il suo impegno a rispettare e tradurre in pratica i cosiddetti accordi Washington, firmati nel 1998, in cui 40 nazioni si impegnarono a far luce sull’arte rubata dai nazisti in guerra e a rintracciare gli eredi per restituire «in tutti i casi nei quali è possibile» le opere trafugate.


«La soluzione dei furti d’arte dei nazionalsocialisti è un dovere permanente, in particolare per la Germania. Noi non abbandoneremo questa responsabilità», aveva dichiarato la ministra federale per la Cultura, Monika Gruetters. Gli accordi di Washington non comportano alcuna regola giuridicamente vincolante, ma si basano sulla volontà politica dei Paesi che vi aderiscono. Anche perché, secondo il codice civile tedesco, la restituzione non è obbligatoria essendo passati più di 35 anni. Il problema è che in venti anni, sono stati restituiti appena 54 tra dipinti e sculture. Attualmente, sempre secondo informazioni della Bild, il governo tedesco ha in corso trattative per la restituzione di una dozzina di opere. Poco rispetto alla mole del deposito.
Lunedì scorso, la ministra Gruetters ha personalmente consegnato agli eredi il «Ritratto di una giovane donna seduta» del pittore francese Thomas Couture, appartenuto a un ex ministro dell’Interno francese Georges Mandel, condannato all’ergastolo dal regime collaborazionista di Vichy. L’opera faceva parte della collezione di Cornelius Gurlitt, il mercante d’arte che l’aveva ereditata dal padre, il quale grazie ai suoi rapporti con i gerarchi nazisti era riuscito ad impossessarsi, spesso pagandoli pochissimo, di centinaia di capolavori, fra cui opere di Max Liebermann, Chagall, Picasso, Otto Dix, Emil Nolde e Ernst Ludwig Kirchner.
Forte di oltre 1.200 lavori, venne scoperta per caso nel 2012 durante una ispezione fiscale in un appartamento di Monaco di Baviera e in seguito sequestrata dalle autorità tedesche. Da sola, la collezione Gurlitt ha praticamente raddoppiato il numero delle opere d’arte rubate ora nella disponibilità del governo tedesco. Secondo gli storici, furono almeno 5 milioni le opere d’arte sottratte dai nazisti ai loro proprietari, soprattutto ebrei, durante la Seconda Guerra Mondiale. Ma per anni in Germania il tema è stato tabù. A musei e case d’asta non interessò mai la provenienza delle opere, pur di assicurarsele.

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Se il clima di aggressività e intolleranza ci pervade al punto da essere percepito anche al di là del muro di un convento di clausura, ci sia permesso dire che la situazione è seria. Ed è esattamente per questo che le cinque suore del monastero delle ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

La lettera, redatta su iniziativa dell’organizzazione commerciale The Footwear Distributors and Retailers of America (Fdra), arriva dopo che la settimana scorsa la Casa Bianca ha pubblicato una nuova lista in cui circa 300 miliardi di dollari di beni...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

— Mercoledì 22 maggio escono in esclusiva per Audible tre audiolibri prodotti da Mondadori: quello del libro di auto-aiuto Autostima fai da te, scritto e letto dallo psicologo e psicoterapeuta Gerry Grassi; quello - letto dall'attrice, doppiatrice e...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

L’Accademia Nazionale dei Lincei sostiene il rilancio del progetto Riace. Il premio Antonio Feltrinelli per «un’impresa eccezionale di alto valore morale e umanitario» è stato conferito alla Associazione RETE DEI COMUNI SOLIDALI (ReCoSol). La...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Cesare Battisti dovrà scontare l’ergastolo. La pena è stata confermata, mercoledì mattina, dalla Corte d’Assise d’Appello di Milano. Ma il terrorista tra meno di quattro anni potrà già chiedere dei permessi per uscire di cella. Si trattava del ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Violentata all’alba di domenica nei pressi di una discoteca di fronte allo Stadio Olimpico frequentata da giovani della Roma bene e anche rampolli stranieri. Un incubo per una ragazza etiope di 21 anni che ha chiesto aiuto alle quattro circa al...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Come combattere efficacemente contro uno dei tumori più diffusi, quello che colpisce i polmoni: se ne parla nel forum tematico di Corriere Salute, rinnovato nella grafica. Rispondono ai lettori due specialisti dell’Istituto Clinico Humanitas di...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Il Cacciatore di talenti, il Mago delle plusvalenze. Il Profeta, perfino. Una cosa è certa: a Luis Campos le etichette non mancano. Ma più che per i soprannomi, il Milan sempre più targato Elliott lo vuole perché lo considera l’uomo giusto al...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Dopo l’ennesima porta in faccia ricevuta, ha scritto un post sui social per sfogarsi. «Questo mese ho girato come una matta per trovare un lavoro, ma ho incontrato solo gente, che io reputo ignorante, che mi ha guardata e mi ha detto che ho un aspetto ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

«Se il rendimento dei titoli di Stato italiani si abbassa al livello di quelli spagnoli (circa 150 punti base in meno) già il prossimo anno si potrebbero risparmiare 5 miliardi di euro in spesa per interessi»., ha anche detto Boccia. «Se la crescita...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Nei giorni scorsi è stata firmata una circolare da parte dell’Ispettorato nazionale del lavoro, organo controllato dal ministero del Lavoro e quindi dal relativo ministro, Luigi Di Maio. La circolare dà la sua interpretazione sui criteri che gli...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Un altro grande gruppo tecnologico cinese sotto la lente di osservazione (mirino) negli Stati Uniti. La Hikvision di Hangzhou, 34 mila dipendenti, produce telecamere di sorveglianza. Ne ha piazzate centinaia di milioni in Cina e ne ha vendute in tutto il ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Black Mirror tornerà tra pochissimo: l'appuntamento con la quinta stagione è fissato per il 5 giugno su Netflix. Dopo l'esperimento Bandersnatch, il primo contenuto interattivo «per grandi» a esistere sulla piattaforma di streaming, la nuova stagione ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Due ore e mezza di coda (per fortuna sotto un cielo non più piovoso) per conquistare un posto alla prima mondiale del nuovo Quentin Tarantino, Once Upon a Time… in Hollywood, C’era una volta a… Hollywood, in Italia da metà settembre. Ne valeva la ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

«Perché i coach di The Voice Of Italy indossano gli stessi abiti in tutte le puntate delle Blind Audition?». Questa domanda non ha fatto dormire i telespettatori di «The Voice Of Italy» per settimane. Il mistero è presto svelato: esigenze di...