I 2.500 capolavori rubati dai nazisti agli ebrei in mano al governo tedesco

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

 Più di 70 anni dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale il governo tedesco è ancora in possesso di migliaia di opere d’arte, quasi sicuramente rubate dai nazisti in Germania e in tutta l’Europa, in grandissima parte a famiglie ebraiche. Come ha confermato il ministero delle Finanze tedesco a Bild Zeitung, sono esattamente 2.500 i capolavori non ancora restituiti ai legittimi proprietari che attualmente si trovano in musei statali, nei ministeri o nel deposito federale delle opere d’arte di Weissensee, a Berlino.
La notizia emerge sull’onda delle rinnovate polemiche suscitate dall’appello del direttore della Galleria degli Uffizi, Eike Schmidt, che ha chiesto la restituzione del «Vaso di Fiori» di Jan van Huysum, un olio del Settecento trafugato al museo fiorentino dalle truppe hitleriane e attualmente in possesso di una famiglia tedesca. Ma se nel caso del dipinto olandese siamo di fronte a un privato, con tutte le difficoltà legali di una eventuale restituzione, in quello del governo tedesco c’è anche un problema di azione insufficiente e di lentezza burocratica. Non che Berlino non abbia fatto o faccia nulla per attivarsi nella ricerca dei proprietari o dei loro eredi. Nell’agosto del 2018, la Germania ha rinnovato il suo impegno a rispettare e tradurre in pratica i cosiddetti accordi Washington, firmati nel 1998, in cui 40 nazioni si impegnarono a far luce sull’arte rubata dai nazisti in guerra e a rintracciare gli eredi per restituire «in tutti i casi nei quali è possibile» le opere trafugate.


«La soluzione dei furti d’arte dei nazionalsocialisti è un dovere permanente, in particolare per la Germania. Noi non abbandoneremo questa responsabilità», aveva dichiarato la ministra federale per la Cultura, Monika Gruetters. Gli accordi di Washington non comportano alcuna regola giuridicamente vincolante, ma si basano sulla volontà politica dei Paesi che vi aderiscono. Anche perché, secondo il codice civile tedesco, la restituzione non è obbligatoria essendo passati più di 35 anni. Il problema è che in venti anni, sono stati restituiti appena 54 tra dipinti e sculture. Attualmente, sempre secondo informazioni della Bild, il governo tedesco ha in corso trattative per la restituzione di una dozzina di opere. Poco rispetto alla mole del deposito.
Lunedì scorso, la ministra Gruetters ha personalmente consegnato agli eredi il «Ritratto di una giovane donna seduta» del pittore francese Thomas Couture, appartenuto a un ex ministro dell’Interno francese Georges Mandel, condannato all’ergastolo dal regime collaborazionista di Vichy. L’opera faceva parte della collezione di Cornelius Gurlitt, il mercante d’arte che l’aveva ereditata dal padre, il quale grazie ai suoi rapporti con i gerarchi nazisti era riuscito ad impossessarsi, spesso pagandoli pochissimo, di centinaia di capolavori, fra cui opere di Max Liebermann, Chagall, Picasso, Otto Dix, Emil Nolde e Ernst Ludwig Kirchner.
Forte di oltre 1.200 lavori, venne scoperta per caso nel 2012 durante una ispezione fiscale in un appartamento di Monaco di Baviera e in seguito sequestrata dalle autorità tedesche. Da sola, la collezione Gurlitt ha praticamente raddoppiato il numero delle opere d’arte rubate ora nella disponibilità del governo tedesco. Secondo gli storici, furono almeno 5 milioni le opere d’arte sottratte dai nazisti ai loro proprietari, soprattutto ebrei, durante la Seconda Guerra Mondiale. Ma per anni in Germania il tema è stato tabù. A musei e case d’asta non interessò mai la provenienza delle opere, pur di assicurarsele.

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Corsa contro il tempo per l’apertura di Matera 2019 Open Future. Turni rinforzati per concludere i lavori e prove in piazza per la serata evento di Raiuno, in diretta a partire dalle 18.55, nella quale il presidente della Repubblica Sergio Mattarella,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Atteggiamento spocchioso», «Parole disarmanti», «Frase stupida», «C’è tutto il fallimento del Pd», «Si calpestano gli italiani», «Non sa che cosa vuol dire povertà e disperazione». Sono alcuni dei 2.270 commenti che su Twitter Maria...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sarà Roberto Tomasi, già direttore generale, il nuovo amministratore delegato di Autostrade per l’Italia (Aspi), al posto di Giovanni Castellucci, dimissionario, dopo la catastrofe del crollo del Ponte Morando di Genova. Alla nomina procederà il...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Siamo europei. Il destino dell’ Europa è il destino dell’Italia». Così si apre il «Manifesto per la costituzione di una lista unica delle forze politiche e civiche europeiste alle elezioni europee» di Carlo Calenda. Con il sottotitolo-slogan:...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Alvaro Lojacono, uno dei due brigatisti rossi condannati per la strage di via Fani e l’omicidio Moro fino a oggi sfuggiti alla giustizia italiana (l’altro è Alessio Casimirri) rompe il suo silenzio: lo fa con un’intervista esclusiva pubblicata dal ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il corpo carbonizzato di una donna è stato trovato venerdì pomeriggio nella campagne di Erbusco, paese bresciano della Franciacorta, terra di pregiati vitigni. È stato un uomo che faceva jogging lungo via Lovere a lanciare l’allarme dopo aver...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Kalidou Koulibaly resta squalificato: respinto il ricorso dopo l’espulsione di San Siro. Il difensore del Napoli, che salterà il confronto di domenica sera con la Lazio, aveva perso la testa, a suo dire, per i cori razzisti subiti a San Siro durante...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Prima di tutto occorre sfatare il preconcetto che gli hotel di fascia alta siano immuni dai micro-organismi e che se si paga di più per una stanza, si ha la certezza di averla più pulita. «In realtà i reporter investigativi hanno scoperto che non è...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il settore degli smartwatch non è mai realmente esploso. Però ci sono delle compagnie, come Fossil, che con la tecnologia al polso sono riuscite a diversificare la produzione. Il lavoro della texana è andato talmente avanti che un big dell’hi-tech...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un uomo di 55 anni si è dato fuoco a Praga in piazza San Venceslao. Secondo alcuni testimoni, si è cosparso di un liquido infiammabile e poi ha acceso il rogo. Le fiamme sono state spente dai passanti. L’uomo è stato soccorso e portato in ospedale, ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sono stati condannati a pene comprese tra i 5 e i 9 anni di carcere i quattro giovani imputati per l’aggressione a coltellate, calci e pugni ai danni di Niccolò Bettarini, dello scorso 1° luglio davanti alla discoteca «Old Fashion» di Milano. Lo ha ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un decreto che scontenta tutti, al netto dei tassisti. Si tratta della riforma della disciplina degli «autoservizi pubblici non di linea» immaginata dal governo. Impone una serie di vincoli al noleggio con conducente che penalizza la concorrenza,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Per i genitori di Mario, che non hanno mai creduto alla tesi del suicidio, è la notizia più attesa. Svolta nel caso della morte di Mario Biondo, il cameraman italiano trovato impiccato a Madrid nel maggio del 2013. Sarà indagato il medico legale che...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

LIVORNO – Sarà giudicata il 1 marzo Fausta Bonino, l’infermiera accusata di aver ucciso con iniezioni di eparina dieci pazienti ricoverati all’ospedale di Piombino. E’ stata l‘avvocato della Bonino, Cesarina Barghini, a chiedere e ottenere al...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Vedendo la foto sui social, in molti hanno pensato che il 71enne Arnold Schwarzenegger avesse deciso di accettare la #10YearsChallenge, postando un'immagine di se stesso in versione bodybuilder. Un errore del tutto comprensibile, visto che la posa e i...