I 2.500 capolavori rubati dai nazisti agli ebrei in mano al governo tedesco

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

 Più di 70 anni dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale il governo tedesco è ancora in possesso di migliaia di opere d’arte, quasi sicuramente rubate dai nazisti in Germania e in tutta l’Europa, in grandissima parte a famiglie ebraiche. Come ha confermato il ministero delle Finanze tedesco a Bild Zeitung, sono esattamente 2.500 i capolavori non ancora restituiti ai legittimi proprietari che attualmente si trovano in musei statali, nei ministeri o nel deposito federale delle opere d’arte di Weissensee, a Berlino.
La notizia emerge sull’onda delle rinnovate polemiche suscitate dall’appello del direttore della Galleria degli Uffizi, Eike Schmidt, che ha chiesto la restituzione del «Vaso di Fiori» di Jan van Huysum, un olio del Settecento trafugato al museo fiorentino dalle truppe hitleriane e attualmente in possesso di una famiglia tedesca. Ma se nel caso del dipinto olandese siamo di fronte a un privato, con tutte le difficoltà legali di una eventuale restituzione, in quello del governo tedesco c’è anche un problema di azione insufficiente e di lentezza burocratica. Non che Berlino non abbia fatto o faccia nulla per attivarsi nella ricerca dei proprietari o dei loro eredi. Nell’agosto del 2018, la Germania ha rinnovato il suo impegno a rispettare e tradurre in pratica i cosiddetti accordi Washington, firmati nel 1998, in cui 40 nazioni si impegnarono a far luce sull’arte rubata dai nazisti in guerra e a rintracciare gli eredi per restituire «in tutti i casi nei quali è possibile» le opere trafugate.


«La soluzione dei furti d’arte dei nazionalsocialisti è un dovere permanente, in particolare per la Germania. Noi non abbandoneremo questa responsabilità», aveva dichiarato la ministra federale per la Cultura, Monika Gruetters. Gli accordi di Washington non comportano alcuna regola giuridicamente vincolante, ma si basano sulla volontà politica dei Paesi che vi aderiscono. Anche perché, secondo il codice civile tedesco, la restituzione non è obbligatoria essendo passati più di 35 anni. Il problema è che in venti anni, sono stati restituiti appena 54 tra dipinti e sculture. Attualmente, sempre secondo informazioni della Bild, il governo tedesco ha in corso trattative per la restituzione di una dozzina di opere. Poco rispetto alla mole del deposito.
Lunedì scorso, la ministra Gruetters ha personalmente consegnato agli eredi il «Ritratto di una giovane donna seduta» del pittore francese Thomas Couture, appartenuto a un ex ministro dell’Interno francese Georges Mandel, condannato all’ergastolo dal regime collaborazionista di Vichy. L’opera faceva parte della collezione di Cornelius Gurlitt, il mercante d’arte che l’aveva ereditata dal padre, il quale grazie ai suoi rapporti con i gerarchi nazisti era riuscito ad impossessarsi, spesso pagandoli pochissimo, di centinaia di capolavori, fra cui opere di Max Liebermann, Chagall, Picasso, Otto Dix, Emil Nolde e Ernst Ludwig Kirchner.
Forte di oltre 1.200 lavori, venne scoperta per caso nel 2012 durante una ispezione fiscale in un appartamento di Monaco di Baviera e in seguito sequestrata dalle autorità tedesche. Da sola, la collezione Gurlitt ha praticamente raddoppiato il numero delle opere d’arte rubate ora nella disponibilità del governo tedesco. Secondo gli storici, furono almeno 5 milioni le opere d’arte sottratte dai nazisti ai loro proprietari, soprattutto ebrei, durante la Seconda Guerra Mondiale. Ma per anni in Germania il tema è stato tabù. A musei e case d’asta non interessò mai la provenienza delle opere, pur di assicurarsele.

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

L’unico caso del passato assimilabile (la spagnola Operación Puerto) si trascina da 14 anni nei tribunali e sui giornali senza che ancora si siano dati dei nomi (presumibilmente illustri) a molte delle sacche di sangue che la Guardia Civil recuperò...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Un esponente di massimo livello all’interno di Cosa nostra e un rappresentante di massimo livello all’interno della politica italiana. Un pregiudicato che alla fine si è pentito e un latitante che non ha mai fatto ammenda. Gli anni Ottanta e Novanta ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Ancora un incidente nella metro di Roma. È accaduto intorno alle 10 di giovedì mattina. L’ultimo gradino di una delle scale mobili della stazione Barberini della linea A si è infatti accartocciato su se stesso e poi si è sollevato. Tanta la paura...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Perchè P&G ha intrapreso questa iniziativa? “Vogliamo permettere ai nostri dipendenti di poter trascorrere un periodo di tempo significativo con i propri neonati, rimuovendo la barriera dalla retribuzione ridotta che in molti casi ne impedisce la...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Il processo d’integrazione da cui è nata l’Unione Europea comincia con le trattative che portano al trattato della Comunità europea del carbone e dell’acciaio (Ceca), sottoscritto a Parigi il 18 aprile 1951 dai rappresentanti del sei Paesi...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Una melodia aperta e fischiettata per un pezzo protofemminista che leggero non è. Questo è infatti il primo pezzo femminista della storia della canzone italiana e probabilmente, in certi termini così acuti, ironici e spietati, resta episodio...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

LA BREXIT È ALLUCINOGENA: la gente la sfiora e comincia a fare cose strane. Sono a Parigi, diretto a Londra. Arrivo alla Gare du Nord, ho il biglietto per l’Eurostar, che passa sotto la Manica e in due ore e quindici minuti porta alla stazione di King ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

L’appuntamento è alla Pinetina alle 11 di giovedì, orario fissato per la ripresa degli allenamenti. Mauro Icardi e Luciano Spalletti si troveranno di fronte per la prima volta da quando l’argentino ha comunicato attraverso l’avvocato Nicoletti la ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Lo aveva promesso e lo ha fatto. La premier neozelandese ha annunciato la messa al bando con effetto immediato di tutte le armi da fuoco semiautomatiche e l’avvio di un programma governativo di riacquisto di tutte le armi di quel tipo gia’ acquistate ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Il Mondiale extralarge in autunno e la Champions extralusso al sabato. La sintesi del calcio del futuro — brutale ma efficace — è questa. L’obiettivo comune è uno solo, che si discuta sulla quantità di partite da aumentare già a Qatar 2022 o...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

ROMA «Ma vorrei vedere voi... Alla fine si vota su di te, su una scelta che hai fatto. Su una cosa che ti riguarda e che può cambiarti la vita... ». Matteo Salvini esce dall’Aula tra le pacche sulle spalle dei senatori leghisti che lo prendono...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Quanto tiramisù mangiano gli italiani all'anno? Tanto. Basti pensare che solo quello ordinato e consegnato a domicilio equivale a una super teglia da 18 mila chilogrammi lunga 10 chilometri. Un dolce intramontabile che trova fan in Italia ed è...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Un giorno in cui siete al supermercato e avete qualche minuto da perdere, fateci caso: tra gli scaffali hanno cominciato a comparire sempre di più prodotti con l’indicazione «ricco di proteine» o «high protein». Cibi naturali, come formaggi,...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Non sarà solo un mezzo ecologico all'avanguardia con un design iper-moderno. La nuova bici elettrica U-feel, sul mercato dalla primavera del 2020, avrà anche un super-condensatore che permetterà di accumulare energia senza dover ricaricare la...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Google celebra Johan Sebastian Bach con l'intelligenza artificiale. In occasione del compleanno del compositore, nato il 31 marzo 1685 a Eisenach, in Germania, il motore di ricerca offre per la prima volta un doodle intelligente. Come si vede andando sul ...