«Ho cercato per due mesi papà, disperso sulla Norman Atlantic» 

Pubblicato lunedì, 17 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

«Ho cercato mio padre per due mesi e mezzo. Ho speso tutti i miei soldi per cercarlo e ho sperato fino all’ultimo di trovare qualcosa. Anche una scarpa mi sarebbe bastata. Lungo le coste albanesi mi sono fatto venti chilometri di scogliera rocciosa centimetro per centimetro. Sono andato a parlare con decine di testimoni ma niente: la verità è che non sono arrivato a nessuna traccia. Solo ipotesi e tante domande senza risposta». Mario Balzano, 42 anni, parla al telefono da un luogo affollato di Napoli. La sua voce emerge dal brusio di sottofondo mentre racconta che suo padre Carmine «era un uomo perbene, che avrebbe fatto qualsiasi cosa per la famiglia». Carmine Balzano, 55 anni, è uno dei quattro italiani morti nel disastro del traghetto Norman Atlantic, la sera del 28 dicembre del 2014. Tutti e quattro autotrasportatori, due ritrovati, lui e un altro invece dispersi. Prima di diventare un fantasma Carmine chiamò sua moglie Maria: «Non ti preoccupare, ora si risolve tutto e poi ti richiamo».
C’erano fiamme altissime che venivano dai garage, c’era il mare in tempesta e c’erano i passeggeri nel panico. E poi la ressa per salire sulle scialuppe, persone che cadevano in acqua andando incontro all’assideramento certo e altre che salivano verso il punto più alto del traghetto per provare a sfuggire al fuoco. Ma tutto questo Maria e i tre figli di Carmine l’hanno saputo dopo, quando ormai lui non rispondeva più al telefono. Mercoledì 26 febbraio, a Bari, comincerà il processo di primo grado contro i 32 imputati chiamati a rispondere di quel disastro: il comandante Argilio Giacomazzi, i membri dell’equipaggio, la compagnia di navigazione italiana Visemar e la società greca Anek Line che aveva noleggiato il traghetto, partito da Igoumenitsa e diretto ad Ancona (a bordo 443 passeggeri, 56 membri dell’equipaggio e almeno sei clandestini). In quelle ore disperate, fra le fiamme del Norman o nelle acque gelide davanti a Valona, persero la vita 31 persone, 19 delle quali mai ritrovate. Delle vittime recuperate una non è mai stata identificata, né si conosce il nome di uno dei dispersi, di cui esiste soltanto il racconto di alcuni testimoni che come lui erano clandestini.



La verità è che sul Norman Atlantic c’era un numero imprecisato di clandestini e che quindi l’elenco reale dei morti non si conoscerà mai. «Cercherò di essere in aula mercoledì prossimo» annuncia Mario Balzano. «Cercherò di farlo per mia madre che dopo la morte di mio padre si è ammalata in modo grave. In questi cinque anni siamo rimasti soli, mai che nessuno ci abbia chiesto se avessimo bisogno di una mano, una parola di conforto. Al dolore per la perdita di papà si sono aggiunte difficoltà sempre più grandi. Io per cercare lui mi sono separato, ho perso il lavoro e oggi viviamo di piccoli lavoretti saltuari». Giovanni De Teresa, avvocato civilista della moglie di Carmine, conferma che «la signora vive una sofferenza psicofisica clamorosa». Renata è una delle sorelle di Carmine. «Senza di lui siamo rimasti in cinque, quattro sorelle e un fratello, e al processo ci saremo tutti», dice.
Gli avvocati che difendono lei e una quarantina di altri parenti di vittime (Alessandra Guarini, Massimiliano Gabrielli e Cesare Bulgheroni) hanno fatto due conti sulle possibili prescrizioni di questo processo. Non c’è rischio per il reato più grave, e cioè omicidio colposo plurimo aggravato. Ma se entro giugno del 2022 non sarà pronunciata la sentenza di primo grado — eventualità più che probabile dato il numero degli imputati, le quasi 200 parti offese, le centinaia di testimoni da sentire e tutto il resto —, sono a rischio prescrizione gran parte dei capi di imputazione: per esempio il naufragio, la violazione del codice della navigazione riguardo all’abbandono della nave, all’abbandono del proprio posto durante il servizio di sicurezza o all’inosservanza degli ordini. Per dirla con Renata: «Le questioni giuridiche le lasciamo ai giudici. Per noi la sola cosa che non passerà mai è aver perduto Carmine».

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Le previsioni del tempo sono un argomento classico di discussione. In giorni normali vogliamo sapere se a Pasqua si potrà andare al mare. Oggi ci chiediamo se il caldo primaverile ucciderà il coronavirus? Non è un argomento da bar (d’altra parte i...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Un’applicazione per verificare le code davanti ai supermercati che utilizza lo stesso principio di Waze, l’app più conosciuta per monitorare le file in autostrada grazie alla collaborazione degli automobilisti che le segnalano. Quella che può...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

A Liverpool, Bill Shankly è entrato direttamente nella leggenda. Qui da noi, l’allenatore che tra il 1959 e il 1974 portò i Reds dalla Seconda Divisione alla grandezza mai più tramontata, è entrato solo nella storia per una frase: «Alcuni credono...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Cosa si può fare ma soprattutto cosa non si può fare nell’intimità durante l’emergenza che stiamo vivendo? Se lo chiedono in molti: abbiamo girato le domande più comuni a due esperti, la sessuologa Roberta Rossi, presidente della Federazione...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Bari. Pausa pranzo. Una vocina mi dice di non essere sarcastico sull’essenzialità del mio lavoro, quindi scriverò semplicemente che sono in ufficio. Stamattina sveglia presto, ho infornato il pane che avevo preparato ieri e l’ho portato caldo e...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Quando esplodono drammi impensati e dirompenti, capaci di stravolgere le nostre attività quotidiane, lo spavento, l’ansia e la visione catastrofica del domani spazzano via tutto, circondando di ombre letali anche le cose che fino al giorno prima...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

La Lega perde 2 punti in 2 mesi, cioè da quando è scattata l’emergenza Coronavirus, e ora si attesta al 26,5%. Italia viva, il partito dell’altro Matteo (Renzi), crolla al 2,2%. Il Pd, nello stesso arco di tempo, rosicchia quasi altri 3 punti ed...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il 25 marzo del 1300 iniziava il viaggio ultraterreno dell’Alighieri nell’aldilà (data concordata dagli studiosi) attraverso il capolavoro senza tempo della Commedia. E in quella stessa data inizia il viaggio del Dantedì, la prima giornata...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il Papa tutti i giorni su Rai1. Nei momenti duri, si sa, in tanti riscoprono la preghiera e le chiese tornano a riempirsi. Ma in questo caso per legge le chiese devono restare vuote e dunque, grazie alla tecnologia, chiese e preghiere entrano nelle case, ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

«Il coronavirus? Come essere travolti da un camion», dice adesso Pepe Reina, ancora sconvolto dall’esperienza. Tra i calciatori che in Europa sono stati contagiati c’è anche l’ex portiere spagnolo di Napoli e Milan, oggi in Premier League...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il co-design coordinator del team Luna Rossa Prada Pirelli Horacio Carabelli che spiega come è nato (e come è stato sviluppato) il progetto del battello che, Coronavirus permettendo, parteciperà alla Coppa America nel 2021. Poi dei documentari che...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

E’ presto per fare un bilancio sulla pandemia scatenata dal virus Sars-Cov-2 a partire dalla fine di dicembre. Ma alcune cose le abbiamo già imparate. Fra queste sicuramente l’importanza dei dati e delle tecnologie di «contact tracing»,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il blocco dei rifornimenti finirebbe per paralizzare quei trasporti necessari per tenere in piedi il Paese. Un problema serissimo. Il Garante per gli scioperi chiede di revocare la protesta, ma i sindacati rispondono che non si tratta di uno sciopero,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

L’immagine di una bimba di quattro anni che bacia il suo papà attraverso il vetro di una finestra è diventata l’emblema dell’importanza dell’isolamento nella lotta al coronavirus. Lei si chiama Mila Sneddon, abita con la famiglia a Falkirk, in...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Si chiama Aurora e pesa 3 chili e mezzo la bambina più piccola di Moncenisio, il comune meno popoloso d’Italia, trentanove abitanti più una neonata, la figlia di Jonida ed Enrico Perottino, l’escavatorista della zona. Il primo fiocco rosa dopo...