Germania, trova 4 quadri di Richter nei rifiuti e li rivende: accusa di furto

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Il sommo Michelangelo, poco prima di congedarsi dal mondo, diede alle fiamme la maggior parte dei suoi schizzi. Non voleva che i Medici ne venissero in possesso. Gerhard Richter, che probabilmente è il più grande pittore vivente e per nostra fortuna è ancora in buona salute, è stato un po’ meno attento e sistematico. Richter, nato a Dresda nel 1932 e passato all’Ovest nel 1961, due mesi prima della costruzione del Muro, è sempre stato un artista molto esigente in primo luogo con se stesso. Raccontano che nel corso della sua attività artistica abbia distrutto centinaia di sue opere, molte perfino completate ma non ritenute da lui soddisfacenti.
Richter aveva fatto così anche con quattro schizzi, messi giù nel 2016 ma non considerati all’altezza e per questo gettati da lui nel contenitore della raccolta differenziata riservato alla carta nel giardino di casa sua a Colonia. Soltanto che poco dopo era passato di là un certo Michael W., il quale accortosi degli schizzi nella spazzatura, aveva pensato bene di raccoglierli e portarseli a casa.



Michael W. è stato condannato martedì a pagare un’ammenda di 3150 euro da un giudice di Colonia, che lo ha riconosciuto colpevole di furto. A esporre denuncia era stato lo stesso Gerhard Richter. Il processo della città renana ha avuto un’eco nazionale, sia per la celebrità dell’artista, sia per la complessità delle questioni giuridiche sollevate: è furto prendersi la spazzatura di qualcun altro? A chi appartiene la spazzatura di un artista? Detto altrimenti, l’atto di disfarsi di qualcosa, fosse anche un’opera d’arte, fa cessare la proprietà, materiale o intellettuale?
Ricostruiamo la vicenda. Stando alla versione fornita dall’imputato in aula, egli si accorse che il contenitore era stato rovesciato da una folata di vento, lo aveva rimesso in piedi e raccolto la carta sparsa per il giardino. Una buona azione insomma. Solo allora aveva notato gli schizzi, che aveva preso per sé, all’evidenza considerandoli «res nullius». Cosa ci faceva nel cortile dei Richter Michael W.? Aveva bussato poco prima alla loro casa, almeno così ha raccontato alla giudice, poiché avrebbe voluto vendere alla moglie dell’artista, Sabine Moritz, anche lei pittrice, una cartella di disegni contenente alcuni suoi lavori giovanili. La signora però non era in casa.
Non era comunque la prima volta che il nostro aveva cercato i Richter. In un’altra occasione aveva parlato con Gerhard in persona, uscendo però, parole sue, «irritato» dal breve colloquio. Due anni dopo, siamo nel 2018, gli schizzi vennero offerti dall’imputato a una casa d’aste di Monaco, ai cui responsabili Michael W. raccontò di averli avuti da un artista, il quale a sua volta li aveva avuti in regalo da Richter. La verifica presso la Fondazione Richter di Dresda produsse due risultati: gli schizzi erano autentici, ma Richter non avrebbe mai permesso che lasciassero il suo atelier senza firma né cornice. La storia del regalo è una balla, inventata a uso e consumo della casa d’asta. Il valore resta incerto. Secondo l’accusa siamo intorno ai 60 mila euro: nulla rispetto ai 32 milioni di dollari pagati per un quadro di Richter a un’asta di Sotheby’s nel 2018, ma niente male per Michael W. che è disoccupato.
«Ho provato più volte a mettermi in contatto con Richter per chiarire se avesse qualcosa contro il mio comportamento. Non sono un criminale», ha detto sconsolato l’imputato. Richter, che non era in aula, aveva fatto una dichiarazione giurata alla polizia: «Io non voglio che questi schizzi esistano sul mercato dell’arte». Katharina Potthoff, la giudice, gli ha dato ragione: «Anche se nel contenitore della spazzatura, gli schizzi erano ancora di proprietà dell’artista. La sua volontà era di sbarazzarsene». Curiosità: tre degli schizzi sono stati sequestrati dall’autorità giudiziaria. Del quarto non si hanno notizie.

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Uno dei leader delle proteste di Hong Kong, Jimmy Sham, è stato aggredito da un gruppo di quattro o cinque uomini armati di martello nel distretto di Mong Kok, nella penisola di Kowloon. L'attivista, classe 1987, è rimasto ferito alla testa, ma sarebbe ...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Che cosa ci fanno centinaia balle di rifiuti ammassate in un’ex stazione di servizio di Gliwice, cittadina della Polonia Meridionale, anziché in un impianto regolarmente autorizzato? E, soprattutto, cosa ci fanno lì in mezzo rifiuti...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Comincia nel migliore dei modi l’avventura europea dell’Italia sull’anello di Apeldoorn, in Olanda. Merito di Elia Viviani (foto Afp) che ha conquistato oro e titolo europeo nel torneo dell’eliminazione. Il campione veronese ha corso con...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Una vicenda giudiziaria che ha «devastato la loro vita». E ora «va resa giustizia a Stefano, ma anche a chi è stato accusato ingiustamente». I tre agenti della polizia penitenziaria, assolti in maniera definitiva nel primo processo sulla morte di...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Omicidio mercoledì sera a Cernusco sul Naviglio, nel Milanese. Un uomo di 63 anni, italiano, è stato ucciso a colpi di pistola nei box di un palazzo di via don Lorenzo Milani. La vittima è stata colpita da diversi proiettili in tutto il corpo. Sul...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Il campione Nba Michael Jordan ha messo in vendita la sua scenografica villa in stile moderno e su tre piani di Park City, esclusiva località sciistica nelle montagne dello Utah, per 7,5 milioni di dollari (6,8 milioni di euro), come riporta il «LA...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Chi ha intenzione di festeggiare Halloween, andando a un party o a una serata in discoteca, sta già pensando al travestimento da indossare. Che non deve per forza far paura. Per la notte delle streghe si può puntare su costumi da comprare già pronti...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Stavolta è lei accusata di tormentare lui, con continue richieste di ricominciare una relazione che si era interrotta n el 2017. E lil gup — una donna, Vilma Passamonti — a lui ha dato ragione: Valentina Pizzale, la donna finita ai domiciliari per...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bolzano, Walter Pelino, ha disposto mercoledì un ulteriore supplemento di perizia sul caso di doping che coinvolge l’ex marciatore altoatesino Alex Schwazer, positivo ad un controllo a sorpresa...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Nelle stesse ore in cui la cantante Lady Gaga si domandava cosa fosse Fortnite su Twitter, in Italia è esploso il caso CiccioGamer. Lo youtuber, uno dei punti di riferimento online per gli appassionati di videogiochi, è stato tirato in ballo durante la ...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

L’Inter perde Alexis Sanchez per almeno tre mesi. Questo l’esito del consulto a Barcellona cui si è sottoposto l’attaccante cileno dopo l’infortunio subito in Nazionale. Aveva infatti riportato la lussazione del tendine peroneo lungo della...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

«La riconoscenza non ha scadenze io ho mantenuto la promessa che avevo fatto a mio nonno prima che morisse, ho ringraziato personalmente dopo tanti anni la famiglia di chi lo aveva salvato». A parlare è Biagio Cimini, giornalista appassionato Elio...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Arriverà domani a Palermo la salma di Sebastiano Tusa. L’archeologo siciliano, che era anche assessore regionale ai Beni culturali, morì nella sciagura aerea del 10 marzo scorso in Etiopia. Le autorità del Paese africano hanno consegnato ai...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Maturità, si cambia di nuovo. Il neo ministro Fioramonti aveva promesso che non ci sarebbero stati stravolgimenti, ma ha anche fatto capire che alcune migliorie erano possibili, anzi necessarie. C’è in sospeso la questione se reintrodurre o meno la...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Cristiano Ronaldo ha guadagnato più di tutti su Instagram durante lo scorso anno, doppiando il suo eterno rivale Leo Messi (finito al secondo posto) e staccando nettamente anche celebrità del calibro delle sorelle Kendall e Kylie Jenner...