Germania, trova 4 quadri di Richter nei rifiuti e li rivende: accusa di furto

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Il sommo Michelangelo, poco prima di congedarsi dal mondo, diede alle fiamme la maggior parte dei suoi schizzi. Non voleva che i Medici ne venissero in possesso. Gerhard Richter, che probabilmente è il più grande pittore vivente e per nostra fortuna è ancora in buona salute, è stato un po’ meno attento e sistematico. Richter, nato a Dresda nel 1932 e passato all’Ovest nel 1961, due mesi prima della costruzione del Muro, è sempre stato un artista molto esigente in primo luogo con se stesso. Raccontano che nel corso della sua attività artistica abbia distrutto centinaia di sue opere, molte perfino completate ma non ritenute da lui soddisfacenti.
Richter aveva fatto così anche con quattro schizzi, messi giù nel 2016 ma non considerati all’altezza e per questo gettati da lui nel contenitore della raccolta differenziata riservato alla carta nel giardino di casa sua a Colonia. Soltanto che poco dopo era passato di là un certo Michael W., il quale accortosi degli schizzi nella spazzatura, aveva pensato bene di raccoglierli e portarseli a casa.



Michael W. è stato condannato martedì a pagare un’ammenda di 3150 euro da un giudice di Colonia, che lo ha riconosciuto colpevole di furto. A esporre denuncia era stato lo stesso Gerhard Richter. Il processo della città renana ha avuto un’eco nazionale, sia per la celebrità dell’artista, sia per la complessità delle questioni giuridiche sollevate: è furto prendersi la spazzatura di qualcun altro? A chi appartiene la spazzatura di un artista? Detto altrimenti, l’atto di disfarsi di qualcosa, fosse anche un’opera d’arte, fa cessare la proprietà, materiale o intellettuale?
Ricostruiamo la vicenda. Stando alla versione fornita dall’imputato in aula, egli si accorse che il contenitore era stato rovesciato da una folata di vento, lo aveva rimesso in piedi e raccolto la carta sparsa per il giardino. Una buona azione insomma. Solo allora aveva notato gli schizzi, che aveva preso per sé, all’evidenza considerandoli «res nullius». Cosa ci faceva nel cortile dei Richter Michael W.? Aveva bussato poco prima alla loro casa, almeno così ha raccontato alla giudice, poiché avrebbe voluto vendere alla moglie dell’artista, Sabine Moritz, anche lei pittrice, una cartella di disegni contenente alcuni suoi lavori giovanili. La signora però non era in casa.
Non era comunque la prima volta che il nostro aveva cercato i Richter. In un’altra occasione aveva parlato con Gerhard in persona, uscendo però, parole sue, «irritato» dal breve colloquio. Due anni dopo, siamo nel 2018, gli schizzi vennero offerti dall’imputato a una casa d’aste di Monaco, ai cui responsabili Michael W. raccontò di averli avuti da un artista, il quale a sua volta li aveva avuti in regalo da Richter. La verifica presso la Fondazione Richter di Dresda produsse due risultati: gli schizzi erano autentici, ma Richter non avrebbe mai permesso che lasciassero il suo atelier senza firma né cornice. La storia del regalo è una balla, inventata a uso e consumo della casa d’asta. Il valore resta incerto. Secondo l’accusa siamo intorno ai 60 mila euro: nulla rispetto ai 32 milioni di dollari pagati per un quadro di Richter a un’asta di Sotheby’s nel 2018, ma niente male per Michael W. che è disoccupato.
«Ho provato più volte a mettermi in contatto con Richter per chiarire se avesse qualcosa contro il mio comportamento. Non sono un criminale», ha detto sconsolato l’imputato. Richter, che non era in aula, aveva fatto una dichiarazione giurata alla polizia: «Io non voglio che questi schizzi esistano sul mercato dell’arte». Katharina Potthoff, la giudice, gli ha dato ragione: «Anche se nel contenitore della spazzatura, gli schizzi erano ancora di proprietà dell’artista. La sua volontà era di sbarazzarsene». Curiosità: tre degli schizzi sono stati sequestrati dall’autorità giudiziaria. Del quarto non si hanno notizie.

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Cardinal Ravasi, lei è del 1942. Cosa ricorda della guerra?«Luci rossastre nella notte: i bombardamenti su Milano». La sua famiglia è brianzola. «Sono nato a Merate, ma con mia mamma sfollammo a Santa Maria Hoè. Passai il primo anno...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Alice Galtrucco, 23enne di Milano, si considera già una veterana, avendo iniziato cinque mesi fa. «Non vedevo l’ora di usarlo — racconta —, eppoi con il bel tempo direi che è il massimo». Il «massimo» è il monopattino elettrico, cioè una...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

«Quando vedi le cose da lontano puoi pensare che chi fa certe azioni sia un eroe, che serva coraggio. Ma quando capita a te, pensi solo a quello che puoi fare». Gli eroi sono tutti giovani e belli cantava Guccini. Ma alcuni indossano una t-shirt bianca ...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

A lanciare l’accusa è il principe ereditario Mohamed bin Salman in un’intervista ad Asharq al-Awsat. «Il regime iraniano non ha rispettato la presenza a Teheran del premier giapponese, anzi ha risposto ai suoi sforzi di mediazione attaccando le due ...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Lei non doveva venire, noi non dovevamo andare. «Giornalista? Venga, se la vuole vedere deve passare da qui...» Amanda Knox è seduta in fondo a una sala sotterranea del Forum Monzani. A gentile richiesta, viene offerta ai cronisti presenti uno...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Corriere.it

«Questa onorificenza che il capo dello Stato ha voluto concedermi mi onora moltissimo. E mi commuove anche perché rappresenta, ai miei occhi, un risarcimento dello Stato italiano nei confronti di mio nonno Riccardo, rabbino capo di Genova, che fu...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Corriere.it

La sindaca di Torino Chiara Appendino è indagata per concorso in peculato. Ad annunciarlo è stata lei stessa, con un post su FAcebook. «Per trasparenza nei confronti dei cittadini vorrei rendere noto che ho ricevuto un avviso di garanzia con...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Corriere.it

ROMA Nicola Zingaretti prova a riportare sui binari il treno del Pd, che rischia di deragliare per la bufera che ha investito le procure. Il leader vara la nuova segreteria, de-renzizzata e de-lottizzata e si mostra concentrato sulla sfida al governo,...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Corriere.it

REIMS C’è una foto, la sesta pepita della notte di Reims contro la Giamaica, che vale più di tante parole. Un mucchio azzurro, sparpagliato per terra, sull’erbetta fresca di imprese. Calzettoni tirati su fino alle ginocchia come autoreggenti...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Corriere.it

NAPOLI- Un colpo di pistola al petto. Si è ucciso così il docente di matematica del liceo classico «Gian Battista Vico» agli arresti domiciliari da mercoledì scorso con l’accusa di aver abusato sessualmente di due sue ex allieve quindicenni. Il...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Corriere.it

ROMA — L’accordo per la spartizione delle Procure non prevedeva solo i magistrati da nominare, ma anche le date in cui il Consiglio superiore della magistratura doveva decidere. Per le poltrone più importanti — Roma, Perugia, Torino, Brescia —...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Corriere.it

1 Cosa è la Sea Watch?La Sea Watch è un’ organizzazione non governativa umanitaria tedesca, senza scopo di lucro, fondata a Berlino a fine del 2014 da Harald Höppner. Nel suo sito (Sea-Watch.org) dichiara di avere come scopo la «ricerca e...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Corriere.it

La Roma romana e romanista non esiste più. Via Daniele De Rossi, a cui non è stato rinnovato il contratto. Via Claudio Ranieri, al termine del suo periodo in panchina da traghettatore. Via Francesco Totti, che domani alle 14 spiegherà nel Salone...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Con le sue strade medioevali coperte di porfido e i suoi edifici art nouveau, più che una città è un set cinematografico naturale. Wes Anderson ci ha girato The Grand Budapest Hotel. Tarantino l’ha scelta per Inglourious Basterds e Stephen Daldry...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Corriere.it

MOSCAIl risultato della feroce battaglia politica consumatasi in queste settimane in Moldova è certamente eccezionale, con la formazione di una coalizione tra il partito filorusso e quello pro-Europa che è stata subito accolta con entusiasmo da Mosca,...