Fauci, il super virologo  degli Stati Uniti (e l’unico  che tiene a bada Trump)

Pubblicato sabato, 21 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Silenzio, parla Fauci. È il più importante virologo del Paese, il più esperto e il più libero. Da qualche settimana è anche il talismano dell’America, per acclamazione. Alla fine Donald Trump si è rassegnato: può solo aggiustargli il microfono, cedergli la parola e annuire vistosamente quando questo uomo minuto, con la zazzera bianca e gli occhialini anni Settanta, gli sta dicendo con garbo: ma allora non hai capito un tubo. Anthony Fauci, 79 anni, è il direttore del National Institute of Allergy and Infectious diseases, con sede a Bethesda, a un passo da Washington. Dal 30 gennaio, quando il leader americano lo ha chiamato nella task force anti-virus della Casa Bianca, ha ridotto da cinque a quattro le ore di sonno e ha rinunciato alla camminata quotidiana di 3 chilometri. Nella sua carriera ha lavorato per sei presidenti, da Ronald Reagan a Trump, e fronteggiato numerose malattie infettive, dall’Aids a Ebola. Ma è lui stesso a dire che questa epidemia è potenzialmente la più pericolosa, la più devastante per gli Stati Uniti e per il mondo.



«Sono di New York, come si può capire dal mio accento», dice con il vezzo di molti abitanti della Grande Mela. Come dire: non ho pregiudizi, mi interessano i fatti, i risultati. È nato a Brooklyn. Il bisnonno era arrivato a New York alla fine dell’Ottocento da Sciacca, in Sicilia. Suo padre possedeva una farmacia che impegnava tutta la famiglia. La madre e la sorella stavano al banco. Tony faceva le consegne nel pomeriggio quando era un liceale e poi tra un esame e l’altro alla Cornell University Medical College. Ha sempre lavorato per il governo. A 28 anni entra nel National Institutes of Health e a 44 anni diventa direttore del National Institute of Allergy. Ed è ancora lì, in queste ore, a vagliare le ipotesi per trovare una terapia e un vaccino per sconfiggere il Covid-19. I primi tempi i reporter della Casa Bianca gli chiedevano se il presidente «gli avesse messo la museruola». E il dottor Fauci, con «The Donald» che lo scrutava da almeno mezzo metro più in alto, rispondeva: «Non porto museruole». Il team d’emergenza, però, sembra funzionare. Il vice presidente Mike Pence prende appunti su un grande block notes, cerchiando e sottolineando le frasi di Fauci, le filtra con gli umori trumpiani e le trasforma nella «strategia» per contenere il coronavirus. Il «dottore» vorrebbe ancora di più: da giorni, per esempio, raccomanda di interrompere tutti i collegamenti aerei interni nel Paese. Una decisione traumatica, visto che per gli americani i voli sono come i treni per gli italiani. Ma probabilmente anche in questo caso si farà come vuole «Tony».

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Dalla setta australiana detta «Chiesa della Salute», finita in un’inchiesta per avere venduto come «Miracolosa soluzione minerale» anti-Covid una bibita a base di candeggina; alla Corea del Sud, dove i seguaci del culto Shincheonji, 300 mila...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

La wagon del Leone sta vivendo (bene) l’ultima parte di carriera: il prossimo anno dovrebbe essere presentata la nuova generazione, molto probabilmente con il debutto dell’ibrido. Intanto continua a riscuotere successo per la linea piacevole e un...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un bambino di tre anni è caduto, intorno alle 10 di lunedì, dal balcone di casa, al quinto piano. È accaduto in una palazzina di via Cavallotti, a Casalpusterlengo, nel Lodigiano. Lo ha reso noto l’Areu, spiegando che il piccolo è stato soccorso in ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il Coronavirus ha dato una forte spallata a tutti i settori economici, ma l'alimentare è quello che si è maggiormente trovato coinvolto nel cambiamento repentino delle abitudini dei cittadini, anche per via delle restrizioni e delle misure di sicurezza ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

L’11 maggio era un lunedì. «Fine del lockdown per noi professionisti. Sono risalito in sella a Ciconicco, frazione di Fagagna, Udine, dove mi ero chiuso a casa della mia fidanzata Elena (Cecchini, ndr). Qualche pedalata, una sensazione stranissima,...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

«È chiaro che io vorrei evitare chiusure a tutela di chi sta lavorando, però è altrettanto chiaro che questo weekend non è stato “sereno” e che non possiamo immaginarne un altro così». Beppe Sala tra poche ore incontrerà il prefetto di Milano ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Si parla molto di assembramenti e luoghi a rischio contagio e non a torto si citano casi di focolai originatisi in chiese, palestre, ristorantie, in genere, luoghi chiusi e affollati dove si rimane per un certo periodo di tempo. Un gruppo di casi di...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il libro Poter capire, voler spiegare. Walter Tobagi quarant’anni dopo, dedicato al giornalista ucciso dai terroristi il 28 maggio 1980, viene presentato in anteprima lunedì 25 maggio a Milano (ore 17) con un incontro, presso la Sala Buzzati, tramesso ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Potrebbe essere un’incredibile storia di guerra. Oppure un’avvincente spy story, un intrigo internazionale. O forse il racconto di una sopravvivenza in condizioni al limite dell’impossibile. Di certo Saturn, alligatore di 84 anni morto l’altro...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Gli alunni che hanno frequentato quest’anno ormai giunto alle fasi finali sono dunque ammessi alla classe successiva, ha sancito l’ordinanza ministeriale del 16 maggio, anche quelli con insufficienze più o meno numerose o gravi, per i quali i...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il test di Medicina quest’anno si farà sotto casa:«Stiamo mettendo a punto un sistema per cui gli studenti iscritti alla prova di ingresso possano svolgere il test nelle università della propria regione di residenza senza doversi spostare». Lo...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un pollo è un pollo, qualcuno potrebbe pensarla semplicemente così. Ma per molte persone assume invece grande importanza il modo con cui è stato allevato. E per tanti motivi: etici, compassionevoli, salutistici o per la tutela dell'ambiente. Per...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Nei parchi, nelle spiagge libere e nelle zone della movida: un esercito di sessantamila volontari sta per essere schierato a vigilare «con gentilezza» nelle zone più a rischio assembramenti di città e luoghi di vacanza e sostenere la parte più...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il rombo cupo e ritmato come il battito cardiaco non c’è più. Soppiantato da un ronzio più simile a un sibilo. L’Harley Davidson del futuro è silenziosa come un oggetto tecno a batteria. Si chiama LiveWire, ha un motore a magneti permanenti che...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Attualmente, in italia, abbiamo tre situazioni pensionistiche: con la riforma Dini, chi alla fine del 1995 aveva almeno 18 anni di contributi è rientrato nel sistema retributivo e, per la riforma Fornero, ha il calcolo della pensione contributiva solo a ...