F1, a Baku la Ferrari si gioca tutto: anticipati gli sviluppi

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Stavolta ci si gioca il tutto per tutto. A Baku, dove domenica si correrà il Gp dell’Azerbaigian, la Ferrari punta solo alla vittoria. Un nuovo k.o. avrebbe infatti risultati disastrosi in termini di punteggio e morale sul prosieguo del Mondiale. Se si guarda alla storia della F1 dobbiamo risalire al 1992 per trovare tre doppiette consecutive nei primi 3 Gran Premi. Dominava la Williams di Mansell e Patrese con il britannico in grado di vincere il Mondiale già a fine luglio.
Non certo un precedente di buon auspicio per la Ferrari che, proprio per questo, ha deciso di accelerare i tempi e si presenta a Baku con un primo, importante, aggiornamento della SF90, un upgrade uscito da Maranello in anticipo sul previsto. Spiega il team principal del Cavallino Mattia Binotto: «A Baku porteremo alcuni aggiornamenti che rappresentano un primo passo nella direzione dello sviluppo della SF90. Ci siamo preparati al meglio, analizzando tutti i dati sin qui disponibili, cercando di individuare le aree di miglioramento e di adattare il nostro assetto e la gestione della power unit a quelle che sono le caratteristiche della pista».
Gli aggiornamenti riguardano soprattutto l’aerodinamica della vettura, con nuovi bargeboard (piccole appendici) e deviatori di flusso, oltre a un’evoluzione dell’alettone posteriore, per ovviare a quella mancanza di carico che fa perdere tempo prezioso nelle curve alla Rossa. Funzioneranno? Sulle rive del Mar Caspio entrambi i piloti Ferrari si sono detti fiduciosi di poter schierare a Baku una vettura più competitiva. «Abbiamo portato un nuovo pacchetto — spiega Charles Leclerc — e tutto dovrebbe andare meglio». Più analitico Sebastian Vettel: «Questa è una pista diversa rispetto alle altre, ma se migliori la macchina, va meglio in qualsiasi circuito. Noi c’eravamo posti l’obiettivo di avere pezzi nuovi per rendere la vettura più veloce, puntiamo a ritrovare in gara gli stessi risultati rilevati nella galleria del vento, sperando che i numeri coincidano, poi capiremo sul circuito di quanto riusciremo a progredire».
Il problema è che in pista non si è mai da soli e a un miglioramento della Ferrari potrebbe contrapporsi un progresso della capolista Mercedes. «Non so se siamo superiori — si schermisce Hamilton — se andiamo a vedere, in una gara, in termini di passo, ci hanno spazzato via e poi sono stati sfortunati per affidabilità. Nella prima gara non so invece cosa hanno fatto. Noi però abbiamo fatto tre doppiette, questo dimostra la forza del pacchetto nel suo complesso: non solo la macchina, ma anche i piloti». Già, i piloti, l’altro punto caldo in casa Ferrari. Sia Sebastian che Charles puntano alla vittoria: e non solo nella gara di domenica, ma anche a fine stagione. «Credo ancora di poter diventare campione del mondo» sostiene senza batter ciglio Vettel. «Se penso di poter battere in pista Seb? Sì, senza dubbio» replica Leclerc, che però fin qui è stato frenato dal team. Comunque vada la gara, in pista (prima o poi) saranno scintille.

Tag: #Sport

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Incidente mortale nel circuito di motocross di Cavallara, a Mondavio (Pesaro Urbino) nel corso della manifestazione valevole come quarta prova del Campionato Italiano Senior di Motocross. Nel corso del primo giro della prima manche, il pilota Raffaele...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Nel gp in corso a Montecarlo, un errore nei calcoli del remote garage ha portato alla qualifica disastrosa di Charles Leclerc, subito eliminato. Nel 2012 il Corriere della Sera è entrato proprio in quella stanza segreta di Maranello e ha vissuto da lì...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Nelle prime file e su su per la collinetta, ancora intrisa di fango, cantano tutti. Eppure il ragazzo in questione che sta incantando tutti dal palco non ha ancora pubblicato un album vero e proprio, non ha fatto promozione massiccia di sé e dei suoi...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

La produzione delle ciliegie è quella che sta soffrendo di più, con oltre il 50% del prodotto in prima raccolta andato distrutto per effetto del maltempo che ha colpito le principali regioni produttrici, dalla Puglia all’Emilia Romagna alla Campania...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Un terremoto di magnitudo 8 è stato registrato in un’area disabitata del Perù, nella regione amazzonica del Paese, secondo quanto riferisce l’Istituto geofisico americano. Il sisma è avvenuto alle 02:41 ora locale (le 09:41 in Italia) ad una...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Aveva paura del sovraffollamento, per cui aveva cambiato i suoi programmi e spostato la data della scalata: «Sono sicuro che andare il 25 significherà trovare meno persone, a meno che non facciano tutti lo stesso calcolo», aveva scritto sui social...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

E’ morto Vittorio Zucconi, giornalista e scrittore: aveva 74 anni. Lo ha annunciato Repubblica sul suo sito. E’ stato anche corrispondente per il Corriere della Sera da Mosca durante la Guerra Fredda. Modenese di Bastiglia Zucconi, che era nato il 16 ...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Seggi aperti alle 7 in tutta Italia per l’election day per eleggere 76 deputati europei (tre dei quali si insedieranno solo dopo la Brexit), i sindaci di 3.812 Comuni, tra i quali 27 capoluoghi, il presidente della Regione Piemonte e i consiglieri...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

«Non posso raccomandare agli ebrei tedeschi di indossare la kippah in qualsiasi momento». A dirlo, in un’intervista ai giornali del gruppo Funke, non è una persona qualunque ma l’incaricato del governo federale per la lotta all’antisemitismo,...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Prendi una tappa del Giro d’Italia 102 (la 15ª, da Ivrea a Como) i cui ultimi 80 chilometri sono la replica perfetta di quelli del Giro di Lombardia, con le scalate al Ghisallo, alla Colma di Sormano e al Civiglio prima della picchiata sul lago di...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Due rimonte da meno quindici per approdare a un successo (100-94) che vale la vittoria in gara 6, la chiusura sul 4-2 nella finale Est contro i Milwaukee Bucks e, soprattutto, un aggancio con la storia: Toronto porta infatti per la prima volta il Canada...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

È ancora un caso aperto quello della professoressa sospesa dall’ufficio scolastico provinciale di Palermo per 14 giorni per un lavoro realizzato dai suoi alunni che avevano tracciato un parallelo tra le leggi razziali del ‘38 e il decreto sicurezza...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Ognuno arriva con il suo progetto nel taschino. C’è quello che ha solo una bella idea e vuole imparare le regole del gioco dell’industria editoriale per confezionarla. Oppure quello cha ha concepito racconti, ma vorrebbe partorire un romanzo. O chi...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

L'ultima giornata di campionato - che si giocherà sabato 25 e domenica 26 maggio - sarà decisiva per alcune squadre di serie A, ancora alle prese con le qualificazioni di Champions League (Atalanta, Inter, Milan e Roma) e la lotta salvezza (Genoa,...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Nei ricordi d’infanzia (a tavola) di Neri Marcorè c’è una nonna che stranamente cucinava peggio della mamma — «Comprava solo muggine, perciò da ragazzino il pesce non mi piaceva proprio: ora invece lo amo» — tanti, tanti, vincisgrassi, le...