Europarlamentarie, voti dimezzati e tanti no per varare le liste M5S. L’ombra di un’inchiesta

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Per i falchi del Movimento e per una parte dei candidati doveva essere un voto «politico» sulla leadership di Luigi Di Maio. Il terzo turno delle Europarlamentarie Cinque Stelle, quello dedicato alla ratifica della selezione delle capilista indicate dal leader M5S, non è una sfida all’Ok Corral a colpi di clic ma poco ci manca. Alla fine prevale nel braccio di ferro il vicepremier: le sue scelte vengono approvate dalla base (che sul blog si è lamentata per i problemi con il voto e della opportunità politica di indicare i capilista). Ma l’esito del voto fotografa una situazione fragile. I votanti sono passati dai 37mila del primo turno ai 32mila del secondo fino ad arrivare ai 20mila del terzo (nel complesso 12.909 i voti favorevoli e 7.632 quelli contrari). Le attese della vigilia, all’interno del Movimento, erano per una affluenza intorno ai 25 mila clic. Un dimezzamento quasi rispetto alla prima consultazione che ha rischiato di avere ripercussioni anche sulla ratifica di qualche capolista. Nelle Isole l’amministratore delegato di Olidata, Alessandra Todde, la spunta per soli 388 voti. Al Sud la docente Chiara Maria Gemma riceve oltre 2169 no (record negativo), ma riesce a passare il turno con 3468 sì.
Non solo. I 2822 voti nel Nord-Est segnano il punto più basso nelle circoscrizioni del Movimento, indicando la zona a trazione leghista come il possibile tallone d’Achille dei pentastellati alle prossime Europee. Non a caso in cima alle liste in quella circoscrizione ci sarà la giornalista Sabrina Pignedoli, che viene dall’Emilia Romagna, territorio in cui Il Movimento ha radici più profonde (anche storicamente) che nel resto della circoscrizione. Nel Centro Italia passa Daniela Rondinelli, mentre nel Nord-Ovest si apre il caso di Mariangela Danzì. La neo-capolista è finita nel mirino in seguito a una indagine dalla procura della Repubblica di Brindisi per un intervento eseguito dall’Autorità di Sistema Portuale per delimitare il circuito doganale. Si tratta di un reato che non rientra nella «black list» dei reati M5S e i pentastellati definiscono il coinvolgimento della capolista come «irrilevante». I fatti si riferiscono a quando Danzì era sub commissario prefettizio di Brindisi. La candidata al momento non avrebbe ricevuto informazioni di garanzia, ma il suo nome è contenuto in un invito a comparire destinato a un altro indagato, il dirigente comunale Fabio Lacinio.



All’interno del Movimento il clima è infuocato. A partire dagli attivisti. «Il livello di tensione è tra i più alti degli ultimi mesi», dice un pentastellato. Ma Di Maio decide di testare il placet alle sue decisioni. Già di prima mattina chiarisce in un post la sua linea: «I capilista, secondo il regolamento, devo sceglierli io come capo politico e ho deciso di mettere a disposizione il posto di capilista nelle 5 circoscrizioni in tutta Italia per eccellenze di vari ambiti del nostro Paese». L’esito gli dà ragione, ma apre nuovi fronti, che probabilmente sfoceranno nel dibattito sulla scelta della nuova struttura dei Cinque Stelle. C’è chi dice: «Dobbiamo comprendere quali siano gli equilibri e i meccanismi che possono giovare di più al Movimento». L’ala movimentista attende. Beppe Grillo è impegnato in Giappone e dall’Oriente torna a far sentire la sua voce. In una conferenza alla Camera Alta del Parlamento giapponese dove ha parlato di democrazia diretta il garante punge: «Come vedete, la rivoluzione oggi in Italia la fa un uomo di settant’anni». E ironizza: in Giappone «non ho visto spazzatura. Dovete venire in Italia a fare un corso di spazzatura». Poi parla del Movimento. «Siamo passati dall’essere un partito di opposizione, di grido contro la politica a trovarci a farla la politica, una politica nuova. E adesso, in setto otto mesi, stiamo portando a casa dei risultati straordinari», dice.

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Dal «boss dell’energia eolica» sospettato di mafia, Vito Nicastri, sono arrivati «elementi utili» a sostenere l’accusa di corruzione contro il senatore ex sottosegretario leghista Armando Siri e l’imprenditore Paolo Arata, che di Nicastri è...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

È un regno di cioccolata e glassa, profuma di zucchero, cacao e cannella, quello di Elisa e Marylise. Tra panna, creme, mousse, muffin e biscotti, la vita per loro è ricominciata a 40 anni. Amiche da sempre, complici nei momenti difficili, ora socie...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, nella sua risposta a Pietro Murialdo lei argomenta in modo efficace la sua avversione per fascismo e comunismo. In larga misura comprendo e condivido le sue ragioni. Ciononostante mi sento idealmente comunista, per quella radice che...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Contro la leucemia la determinazione da sola non basta. La mia partita la sto giocando. Dura più di novanta minuti ma sono in vantaggio. Pensiamo insieme a portare a casa il risultato». È l’incoraggiamento inviato attraverso YouTube da Niccolò...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Chi non è contento degli Stati Uniti, può anche andarsene». Donald Trump va allo scontro totale con «le quattro parlamentari socialiste»: Alexandria Ocasio Cortez, distretto di New York; Rashida Tlaib del Michigan; Ayanna Pressley del...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Io valgo. Valgo. Ho capito che ce la posso fare pure io». I grandi occhi di Giorgio non ce l’hanno fatta a contenere le lacrime. Sgorgavano come un torrente in piena. Seduto in cima alla duna di sabbia, dopo uno sforzo per lui immane, le onde...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

SCICLI (RAGUSA) Era andata a lavorare come ogni sera in quel ristorante di Cava d’Aliga, una frazione marinara di Scicli, nel Ragusano. Aveva terminato il turno da cameriera e in compagnia di un collega stava andando a buttare la spazzatura caricata su ...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Il tormento e l’estasi. Il panico e il giubilo nei tinelli della nazione. Ieri l’Inghilterra celebrava un traguardo agognato per anni: e non perché avessero finalmente portato a compimento la Brexit. Ma perché per la prima volta la nazionale,...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

BERLINO Per essere il capo di Siemens, una delle aziende simbolo del sistema Germania, Joe Kaeser è un’eccezione fra i grandi manager tedeschi. Non parliamo qui delle sue capacità imprenditoriali, che sono notevoli, riconosciute e non dissimili da...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«È chiaro che il migliore di ogni tempo deve uscire dalla terna Djokovic, Federer e Nadal. Ma come si fa a non considerare Rod Laver? E Ken Rosewall dove lo mettiamo? E Bill Tilden, che dominò gli Anni 20 e 30? Sa cosa le dico: facciamo che il più...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Aveva salutato la squadra il giorno della partenza per Bormio, dove ieri è salito a far sentire il suo appoggio. Il presidente del Torino, Urbano Cairo, non annuncia mai il suo blitz nel ritiro. Ma arriva sempre quando è il momento di fare il punto...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Chissà se Matteo Salvini, scottato dal pasticcio russo, saprà finalmente capire che l’ossessione compulsiva dei selfie può anche portare male. Una malattia con molti e spiacevoli effetti collaterali: come fai a dire di ignorare Gianluca Savoini se...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Ha cercato di nascondere le prove del crimine, ma non c’è riuscito. Troppe le tracce e gli indizi: la polizia ha arrestato un uomo di 27 anni con l’accusa di aver assassinato in modo brutale la biologa americana Suzanne Eaton a Creta. E secondo i...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Come un «giovanissimo aspirante guerriero» diventa uomo d’impresa. Romano Artioli, bolzanino di origini mantovane, classe 1932, ex proprietario di Bugatti e Lotus, lo racconta in un’autobiografia che ha l’urgenza della confessione, il filo...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

È il 2080, il 95 per cento di Venezia è sommerso ed è rimasto soltanto un pugno di residenti. La città è diventata il polo museale Venice Park -Venezia 2.0, gestito da un Ente Parco che la monitora in tutti i modi, estrema evoluzione dei tornelli di ...