Elia Viviani: «Netflix e la pizza di Elena... Quando sono salito in bici sembrava la prima volta»

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

L’11 maggio era un lunedì. «Fine del lockdown per noi professionisti. Sono risalito in sella a Ciconicco, frazione di Fagagna, Udine, dove mi ero chiuso a casa della mia fidanzata Elena (Cecchini, ndr). Qualche pedalata, una sensazione stranissima, come di non essere mai stato in bici. Dopo 2-3 ore si è spenta la luce. Ho capito che dovevo fare le cose per gradi».Da allora la progressione di Elia Viviani è stata inarrestabile: 18 ore la prima settimana, 23 la seconda, 28 la terza che comincia oggi, con il naso puntato verso la ripartenza di una stagione messa in pausa dalla pandemia, se tutto va bene il primo agosto con le Strade Bianche. «Non mi era mai successo di stare fermo così a lungo, nemmeno da junior — ride Elia — né in otto anni di relazione con Elena». Partiamo da qui.



Crash test superato?
«Abbiamo capito che sì, vogliamo stare insieme, che il dopo carriera non sarà tutto una lite. Di matrimonio si è parlato, ma non c’è una data. L’importante, per entrambi, è tornare a correre».
Cosa le è mancato di più?
«Lo spirito di squadra, la competizione. Alzarsi la mattina senza un obiettivo, è pesantissimo. La sera ero abituato a coricarmi pensando a una tappa favorevole per me o a una classica da vincere».
Una a caso: la Sanremo.
«Ho rifatto il programma più volte, mentre cambiava il calendario, ma l’obiettivo resta il traguardo di Via Roma. Sull’idea di arrivarci l’8 agosto senza gare e a venti giorni dal Tour, resto scettico: allora sarebbe meglio correrla il 22. Aspettiamo l’ufficialità».
Tour o Giro?
«Da quest’anno sono leader della Cofidis, squadra francese. La priorità è il Tour. Ma vorrei tornare al Giro con lo spirito del 2018: a manetta dall’inizio alla fine e la maglia ciclamino in spalla».
Il posticipo dei Giochi di Tokyo, dove difenderà l’oro nell’Omnium, è un dispetto o un favore a 31 anni?
«La pista è un progetto che per forza di cose è rallentato, però presto vorrei riprendere gli allenamenti al velodromo di Montichiari. L’Olimpiade è un obiettivo strano: senza Coppe del Mondo quest’inverno rischiamo di arrivarci solo con l’Europeo nelle gambe... Sarà una sensazione assurda non avere confronti con il mondo prima di Tokyo».
Dov’è l’oro di Rio?
«Nella casa di Montecarlo, dentro la sua custodia, un bellissimo guscio. La tengo sul comò, come soprammobile: quando viene qualcuno, la mostro con orgoglio».
Cosa le è mancato meno, invece, del ciclismo?
«I viaggi».
L’aspetto più pesante della quarantena?
«Io sono uno molto attivo. La preparazione atletica indoor è stata la parte più pesante, poi il pomeriggio sul divano non passava mai. Ho messo in atto la volontà di stare in forma, ma senza stressarmi troppo. Il sabato sera è stato dedicato alla pizza: sfida tra la mia e quella di Elena. Sono un po’ troppo pasticcione: vince sempre lei».
E il peso forma?
«Sono uscito dal lockdown con 3 kg di troppo, come d’inverno. Mi ero dato il limite di 5, poi diventa difficile rientrare. Già ora, con i primi blocchi di bici, mi sento meglio».
App di svago preferita?
«Netflix. Sui rulli mi sono ingozzato di serie tv. Suits, roba di avvocati, l’ultima della Casa di carta e Michael Jordan. Bello. E poi ho letto tutto dell’addio di Vettel a Maranello. Da ferrarista, penso fosse prevedibile: ha sofferto troppo l’exploit di Leclerc e non si è voluto prendere la responsabilità di restare con un pilota predestinato a prendere la prima guida».
Tra Cofidis e Nazionale che stagione sarà, Elia?
«Flash, senza fiato né pause. Quando partiamo non ci fermiamo più».
I protocolli anti-Covid sono pronti?
«Il dottore ci ha mandato le raccomandazioni sull’igiene. Dobbiamo uscire in bici da soli, faremo un primo ritiro in altura a luglio, a piccoli gruppi. Sono fortunato perché fin qui ho ricevuto lo stipendio pieno, sono previste riduzioni del 15-20% solo se la stagione non ripartisse per niente. Ma so di colleghi rimasti senza stipendio e sponsor. Se è andato in crisi il calcio, che sembrava intoccabile, figuriamoci il ciclismo...».
Grazie al virus, gli italiani hanno riscoperto le bici.
«Nel negozio di Verona papà non riesce a stare dietro agli ordini! Mi fa piacere ma il punto è sempre quello: se poi in strada le auto non ci rispettano, se non si isola una fascia di un metro a lato carreggiata, se ci considerano un inutile rallentamento, il boom sarà solo rischioso».

Tag: #Sport

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Dalla setta australiana detta «Chiesa della Salute», finita in un’inchiesta per avere venduto come «Miracolosa soluzione minerale» anti-Covid una bibita a base di candeggina; alla Corea del Sud, dove i seguaci del culto Shincheonji, 300 mila...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

La wagon del Leone sta vivendo (bene) l’ultima parte di carriera: il prossimo anno dovrebbe essere presentata la nuova generazione, molto probabilmente con il debutto dell’ibrido. Intanto continua a riscuotere successo per la linea piacevole e un...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un bambino di tre anni è caduto, intorno alle 10 di lunedì, dal balcone di casa, al quinto piano. È accaduto in una palazzina di via Cavallotti, a Casalpusterlengo, nel Lodigiano. Lo ha reso noto l’Areu, spiegando che il piccolo è stato soccorso in ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il Coronavirus ha dato una forte spallata a tutti i settori economici, ma l'alimentare è quello che si è maggiormente trovato coinvolto nel cambiamento repentino delle abitudini dei cittadini, anche per via delle restrizioni e delle misure di sicurezza ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

«È chiaro che io vorrei evitare chiusure a tutela di chi sta lavorando, però è altrettanto chiaro che questo weekend non è stato “sereno” e che non possiamo immaginarne un altro così». Beppe Sala tra poche ore incontrerà il prefetto di Milano ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Si parla molto di assembramenti e luoghi a rischio contagio e non a torto si citano casi di focolai originatisi in chiese, palestre, ristorantie, in genere, luoghi chiusi e affollati dove si rimane per un certo periodo di tempo. Un gruppo di casi di...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il libro Poter capire, voler spiegare. Walter Tobagi quarant’anni dopo, dedicato al giornalista ucciso dai terroristi il 28 maggio 1980, viene presentato in anteprima lunedì 25 maggio a Milano (ore 17) con un incontro, presso la Sala Buzzati, tramesso ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Potrebbe essere un’incredibile storia di guerra. Oppure un’avvincente spy story, un intrigo internazionale. O forse il racconto di una sopravvivenza in condizioni al limite dell’impossibile. Di certo Saturn, alligatore di 84 anni morto l’altro...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Gli alunni che hanno frequentato quest’anno ormai giunto alle fasi finali sono dunque ammessi alla classe successiva, ha sancito l’ordinanza ministeriale del 16 maggio, anche quelli con insufficienze più o meno numerose o gravi, per i quali i...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il test di Medicina quest’anno si farà sotto casa:«Stiamo mettendo a punto un sistema per cui gli studenti iscritti alla prova di ingresso possano svolgere il test nelle università della propria regione di residenza senza doversi spostare». Lo...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un pollo è un pollo, qualcuno potrebbe pensarla semplicemente così. Ma per molte persone assume invece grande importanza il modo con cui è stato allevato. E per tanti motivi: etici, compassionevoli, salutistici o per la tutela dell'ambiente. Per...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Nei parchi, nelle spiagge libere e nelle zone della movida: un esercito di sessantamila volontari sta per essere schierato a vigilare «con gentilezza» nelle zone più a rischio assembramenti di città e luoghi di vacanza e sostenere la parte più...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il rombo cupo e ritmato come il battito cardiaco non c’è più. Soppiantato da un ronzio più simile a un sibilo. L’Harley Davidson del futuro è silenziosa come un oggetto tecno a batteria. Si chiama LiveWire, ha un motore a magneti permanenti che...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Attualmente, in italia, abbiamo tre situazioni pensionistiche: con la riforma Dini, chi alla fine del 1995 aveva almeno 18 anni di contributi è rientrato nel sistema retributivo e, per la riforma Fornero, ha il calcolo della pensione contributiva solo a ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

«Scherzando, dicevo a Elena che era come una bollicina di champagne: spinge sempre per uscire. Ecco, anche stavolta è andata così». Laforza di Graziella Viviano è questa invincibile capacità di trovare un senso anche nelle disgrazie e trasformarlo...