Don Zuppi: «I migranti? Non è solo un problema di sicurezza» Buone Notizie in edicola

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

I simboli contano. I portici, per esempio. «Che cosa incredibile sono i portici, io mica lo sapevo: sono pubblici. Tutti possono passarci, ma la proprietà è dei privati che li gestiscono a nome della comunità». Così dice don Matteo (che oggi sarà all’evento in programma alle ore 18 all’Antoniano di Bologna, seconda tappa di Buone Notizie). Poi le Torri. Degli Asinelli, ma anche Altabella e Prendiparte, vicine di casa della Curia. Sempre lì, rassicuranti, sopra i tetti di Bologna. «Biffi le chiamava orgoglio dell’uomo, come a dire che erano fatte per contrapporsi in qualche modo al potere della Chiesa. Io dico anche ingegno dell’uomo». E piazza Maggiore. «Lì ci siamo tutti: il Comune, San Petronio e, appena discostata, l’università, con l’Archiginnasio. Per collaborare come è sempre stato in questa città. Anche quando forse non sembrava». La città dei tanti Peppone e don Camillo, variamente declinati e apparentemente opposti. E di cui sotto le Torri resta un’eco importante.
Don Matteo Zuppi, che poi è anche il vescovo di Bologna (come è ormai noto se lo si chiamasse eccellenza reverendissima non si volterebbe neppure: meglio don Matteo) ha un’agenda fitta, tra Case dell’accoglienza e centri per gli anziani. «Umanesimo», nel suo discorso, è la chiave di volta. «Umanesimo» versus «individualismo». Gli piace la parola volontariato in purezza. Ancor prima dell’espressione Terzo settore, di cui tesse ampie lodi. Snocciola: «Vogliamo parlarne? L’Opera padre Marella, l’Antoniano, Villa Pallavicini, le Case della carità. Ma anche realtà laiche, come l’associazione Sokos. A Bologna il tessuto è ricco».


Prima dell’intervista c’è il tempo per una sosta al bar di via Altabella, sotto la Curia. Caffè, cornetto e la gag con un signore di mezza età e dall’accento bolognese, che lì fuori tende la mano per la carità. Un habitué in sosta fissa davanti al cancello dell’arcivescovado. «Don Matteo perché non mi dà tutti gli spiccioli? Lei è il miglior vescovo di Bologna», declama. Lui sorride: «Visto? Basta poco. Una moneta in più…». ln nome di papa Francesco, Zuppi, romano con un trascorso importante nella Comunità di Sant’Egidio, occupa la cattedra che un tempo fu di Giacomo Lercaro e Giacomo Biffi. Due porporati di stampo conservatore (sebbene Lercaro sia stato poi rimosso per le critiche ai bombardamenti in Vietnam) e in quella stessa Diocesi che lanciò Dossetti. E perdipiù nella capitale dei cattolici adulti (copyright Romano Prodi), meglio noti anche come cattolici di centrosinistra. Categorie che Zuppi, che pure verrebbe da definire di scuola dossettiana, non vuole adottare per la Chiesa e per se stesso, «perché è come guardare la realtà che ci circonda con gli occhiali di un altro tempo».
A proposito di Biffi, per usare una sua famosa definizione, Bologna e l’Emilia sono ancora sazie e disperate?«Questa cosa me l’ha spiegata bene Pierluigi Bersani».Che cosa le disse?«Che quel graffio di Biffi fu utile a capire che alcuni presìdi di sicurezza erano stati messi in discussione in Emilia. Non è un caso che qui si sia svolto il secondo processo più importante per mafia».E oggi? «Mah… oggi siamo anche un po’ meno sazi… C’è un patrimonio di umanesimo profondo che fatica a trovare a Bologna una dimensione di comunità. C’è molta accoglienza ma anche molta paura».Paura di cosa?«Sono le stesse paure del resto d’Italia. Quella degli immigrati è la più evidente. Paura e individualismo rischiano di corrodere una rete che è sicuramente grande. Mi ricordo, appena arrivato, quando andai all’Istituto Salvemini. Lì dove l’aereo aveva centrato la scuola uccidendo gli studenti oggi c’è la sede di un gruppo di associazioni che si occupano del bene del prossimo. Un fatto che racconta tanto. E così tipicamente bolognese».A proposito di migranti lei è stato protagonista, suo malgrado, di una polemica con il sottosegretario leghista Lucia Borgonzoni, bolognese, che in un dibattito pubblico si è alzata e se n’è andata quando lei doveva parlare. Tema: l’immigrazione.«Quella polemica è nata sul nulla. La Borgonzoni doveva prendere un treno».Diciamo allora che sui migranti le sue posizioni non sono propriamente quelle di Salvini. Lei ha più volte detto che è inutile la distinzione tra profughi che scappano dalle guerre e migranti economici.«Io dico che è un errore affrontare quello dei migranti solo come un problema di sicurezza. Se vuoi crescere devi abbattere i muri. Così come fece Bologna nella sua fase di espansione ai primi del Novecento. Bisogna avere il coraggio di dire: prima il futuro. Un futuro in cui c’è spazio per tutti».
E che cosa pensa dell’opera delle navi ong nel Mediterraneo?
«Io penso che se uno affoga va salvato. I fenomeni bisogna gestirli. La guerra tra poveri c’è perché non si combatte la povertà».Che peso attribuisce alle minacce che ha ricevuto per l’apertura all’ipotesi di una moschea a Bologna?«Su certi temi c’è un clima di scontro e poco desiderio di capire. È come se entrare nella complessità dei problemi significasse non volerli affrontare energicamente». Lei ha reinvestito parte degli utili della Faac, l’azienda di cancelli automatici di proprietà della Curia, in un progetto di reinserimento al lavoro dei disoccupati. Un’operazione fatta insieme con il sindaco di Bologna Virginio Merola. Funziona?«Stiamo ottenendo buoni risultati. Con casi anche curiosi come quello di due detenuti assunti da una coop che si occupa di rimettere in ordine l’archivio del tribunale. Ma c’è ancora da fare. Soprattutto sul fronte dell’aiuto all’autoimprenditorialità».Come si incrocia il vostro progetto con il reddito di cittadinanza?«Il reddito di cittadinanza è qualcosa che dobbiamo scoprire ma che potrebbe in parte andare nella stessa direzione. Bisogna aiutare le persone a stare in piedi da sole».I cristiani devono rifarsi partito per fare passare le loro idee?«No, sarebbe accanimento terapeutico».Però quello che lei pratica è un ruolo pubblico della religione.«La religione ha un ruolo pubblico per la dimensione sociale della Chiesa, ma liberata da qualunque collateralismo. Poi ognuno, certo, ha le proprie sensibilità. I cristiani devono portare la loro visione nel rispetto di tutti».Tornerebbe al centro sociale Tpo? La visita di un vescovo ha fatto un certo effetto.«Certo che ci tornerei, bisogna superare gli steccati. Non c’era nulla di male ad accettare l’invito. Anche se prima di andarci ho chiesto: “Pagate regolarmente l’affitto?”».

Tag: #Corriere

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

La figura di Sergio Marchionne, più di altre racchiude le contraddizioni del nostro tempo. Le decisioni di rottura, come l’uscita dalla Confindustria, il referendum di Pomigliano per tenere in vita lo stabilimento dove negli anni passati si...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

È stato Jeo Maxey, 68 anni, ex banchiere in pensione di Cedar Hill, nel Tennessee, a vincere l’ultima edizione del concorso dei sosia di Ernest Hemingway a Key West, in Florida, dove lo scrittore visse e lavorò negli anni Trenta del secolo scorso e...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Gli incendi che nel novembre 2018 devastarono la California le provocarono una grave crisi d’asma. Apprendere che la causa dei roghi che polverizzarono il territorio dov’era nata, attorno a Davis, era anche la temperatura innalzata...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

L’esperto del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, Pierluigi Coppola, è stato licenziato dalla Commissione costi-benefici sulla Tav. Con una mail, il ministro m5s Danilo Toninelli lo ha comunicato all’ingegnere, evitando preavvisi o altri ...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Il giubbotto è quello che ha fatto la storia, il sequel è del film cult. Ma ancora prima dell’uscita al cinema, prevista nelo 2020, è già scoppiata la polemica su «Top Gun: Maverick», sequel del fil culto del 1986 con Tom Cruise. La pellicola,...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

È il giorno del saluto di Milano a Francesco Saverio Borrelli. Alle 9.30 è stata aperta la camera ardente allestita a Palazzo di Giustizia, nell’atrio vicino all’Aula Magna, in quella che per 47 anni di toga è stata la casa del magistrato...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Sul palco faccio l'amore con migliaia di persone, poi torno a casa sola». Questa storica frase di Janis Joplin sintetizza alla perfezione non soltanto la sua parabola personale ma anche quella di un'altra artista piena di talento, nata esattamente...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Un disegno ritrae un uomo mentre accarezza ambiguamente una bimba. Ma è un falso perché qualcuno — una psicoterapeuta dei servizi della Val d’Enza secondo gli investigatori — ha aggiunto alla figura stilizzata due lunghe braccia. Tra le carte...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Diciassette spie addestrate dalla Cia sono state identificate e arrestate in Iran». Lo rende noto Farsnews citando il direttore generale del dipartimento di controspionaggio del ministero dell’Intelligence. Nei confronti degli arrestati sono già...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Il sorriso è un po’ sdentato, addosso la maglia da calcio oppure una polo, sorridente: George d’Inghilterra il 22 luglio compie sei anni. E la casa reale britannica lo festeggia diffondendo tre nuove foto, realizzate da mamma Kate Middleton. Nelle...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Lo dicono gli ultimi dati Istat disponibili, del 2017, in Italia fa sport il 70,3 per cento dei ragazzi tra gli 11 ed i 14 anni, poi inizia l’abbandono. Si scende al 63,4 per cento tra i 15 e i 17 anni e al 54 per cento tra i 18 e i 24 anni....

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Nel male e nel bene, un piccolo mondo a parte. Via Dalmazio Birago, aviatore. Civico 4, due numeri dopo (ma il complesso edilizio è lo stesso) i luoghi nei quali Luchino Visconti girò una parte di «Rocco e i suoi fratelli». Alle 21 di sabato, nella...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

E’ cresciuta, è matura, è pronta. Simona Quadarella centra la finale dei 1500 nella seconda giornata dei Mondiali di nuoto in Corea del Sud. Una prestazione autoritaria e autorevole quella della mezzofondista romana che martedì alle 13.10 ora...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Il mio obiettivo è compiere un hackeraggio del cervello per anticipare il senso di sazietà attraverso dispositivi che agiscono sui sensi per aumentarli». Questa l’idea da cui è partita Brenda De Ritis che, secondo lei, potrebbe essere uno degli...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Corriere.it

E così ha spiegato che si era messa a piangere e singhiozzare davanti ai colleghi — quasi tutti maschi — perché, durante una sessione di training sui pregiudizi inconsci, per esempio contro le donne al lavoro, le avevano chiesto se ne era mai stata ...