Diventi papà? L’azienda ti regala 8 settimane di congedo

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Perchè P&G ha intrapreso questa iniziativa? “Vogliamo permettere ai nostri dipendenti di poter trascorrere un periodo di tempo significativo con i propri neonati, rimuovendo la barriera dalla retribuzione ridotta che in molti casi ne impedisce la fruizione. Siamo convinti che attraverso questa esperienza, la persona tornera’ al lavoro arricchita e con una sensibilita’ diversa nei confronti delle esigenze della genitorialita’ in generale, quindi anche piu’ disponibile ed aperta verso le colleghe donne che affrontano una gravidanza. In secondo luogo, pensiamo che l’aumento del numero di papa’ che prendono un periodo di congedo per prendersi cura dei propri bambini, possa rompere gli stereotipi attualmente esistenti sul ruolo della donna e dell’uomo nell’ambito familiare, restituendo ad entrambi la liberta’ di scegliere. Un padre dovrebbe avere il diritto di dedicarsi per un periodo alla cura del proprio figlio, aiutando la mamma nei primi mesi e condividendone la fatica, lo stress e le gioie; una madre dovrebbe poter scegliere di rientrare al lavoro potendo contare sul proprio partner cui affidare il bambino, prima di trovare soluzioni alternative di assistenza al di fuori della famiglia” spiega Francesca Sagramora, direttore risorse umane P&G Italia.Ma quando si può richiedere? Si potrà godere di questo beneficio nei primi 18 mesi dalla nascita o dall’adozione del bambino e dopo i giorni di congedo obbligatorio previsti dalla legge. Il congedo viene concesso ai dipendenti che diventano padri, o genitori in una coppia dello stesso sesso, in contemporanea con il congedo parentale previsto dall’Inps. “ Per le 8 settimane previste, P&G si impegna ad integrare le previsioni di legge al cento per cento. In caso di non eligibilità (es.: nelle coppie dello stesso sesso o qualora la mamma avesse già usufruito del periodo retribuito dall’INPS al 30%”), P&G si impegna a pagare il 100%” precisa la Sagramora. Quali possono essere i vantaggi per le mamme?”Se questa iniziativa fosse piu’ diffusa, o diventasse legge dello stato, le responsabilita’ familiari sarebbero piu’ equamente distribuite e ci sarebbero meno discriminazioni nei confronti delle donne nel mondo del lavoro. Una donna potrebbe contare sul proprio partner in un’ottica di alternanza. D’altro canto, secondo molti studi, una partecipazione piu’ attiva dei papa’ alla cura e crescita dei figli determina un coinvolgimento piu’ generale alle responsabilita’ domestiche e familiari che potrebbe influire positivamente non solo sull’equilibrio della donna ma anche sulla educazione e sulla crescita dei figli” aggiunge la direttrice risorse umane.Anche se c’e’ ancora molto da fare nell’ambito delle pari opportunità, perché, secondo quanto riferisce la Sagramora, sui temi delle pari opportunita’ ed eguaglianza di diritti siamo indietro rispetto a molti paesi europei e ci sarebbe bisogno di una accelerazione degli interventi. A pochissimi giorni dalla comunicazione della nuova procedura, 3 giovani papa’ hanno richiesto di poterne usufruire. Attraverso le loro esperienze P&G cercherà di espandere piu’ possibile l’iniziativa ed il desiderio di usufruirne. P&G adotta tra l’altro una politica di flessibilita’ sul lavoro molto estesa (part-time, smart-working, flessibilita’ di orario in entrata ed uscita) di cui donne e uomini usufruiscono ampiamente. “Abbiamo poi una serie di programmi specifici volti a rimuovere gli ostacoli che ad oggi ancora penalizzano le donne nel mondo del lavoro. Collaboriamo ad esempio con Catalyst, un’organizzazione no-profit dedicata a migliorare la vita lavorativa delle donne e con MARC (Men Advocating Real Change) movimento indirizzato alla sensibilizzazione del mondo maschile sul tema della parità e dei pregiudizi. Partecipiamo ad “Ispiringirls”, progetto promosso da ValoreD per dialogare con le bambine e ragazze delle scuole secondarie ed introdurle alle possibilita’ del mondo del lavoro. Abbiamo programmi di selezione dedicati alle donne, come il “Future Female Leaders”, che cerca di avvicinare più donne a mansioni e professioni che vedono normalmente un interesse primariamente maschile” rivela la responsabile che ci tiene a ricordare che l’azienda adotta anche un programma per le “neoMamme e neoPapà @ Lavoro”, volto all’efficace reinserimento dei neo genitori nel contesto lavorativo dopo il periodo di astensione fornendo utili strumenti per valorizzare le competenze sviluppate nella esperienza della genitorialità e creando una rete di supporto e scambio reciproco attraverso professionisti e personal coaches.

Tag: #Economia

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Le fiamme sono divampate alle 23. Poi in un attimo si sono propagate a tutta l’ex baraccopoli in via Collatina Vecchia, nella zona di Colli Aniene. E una densa nube con un odore insopportabile di rifiuti bruciati si è alzata su tutta la periferia est...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Mai visto un Dio così. «Miracle Workers», la nuova serie comedy in onda su Italia1 prodotta da Lorne Michaels, è un’operazione divertente e dissacrante allo stesso tempo, un tentativo curioso di raccontare l’onnipotente in modalità del tutto...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Una lunga conversazione tra l’imprenditore Paolo Arata e suo figlio Francesco captata dagli investigatori della Dia nel dicembre 2018 grazie a una “cimice” inserita nel telefonino. Su questa intercettazione – trasmessa per competenza dai...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Potrebbero giocarsi la vittoria sfidandosi nella loro specialità, il mezzofondo. Ma a mettere insieme la mole di accuse, repliche, insinuazioni, minacce di querela, richieste di danni e persino vecchie storie emerse con un tempismo perfetto (o sospetto, ...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Stavolta ci si gioca il tutto per tutto. A Baku, dove domenica si correrà il Gp dell’Azerbaigian, la Ferrari punta solo alla vittoria. Un nuovo k.o. avrebbe infatti risultati disastrosi in termini di punteggio e morale sul prosieguo del Mondiale. Se...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Stranieri irregolari in Italia, quanti sono davvero? «Il ministero dell’Interno ha i dati aggiornati in tempo reale. Gli altri possono giocare a lotto, ma i numeri dicono questo», ribadisce Matteo Salvini che anche nel giorno della Liberazione...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

TORINO I sogni volano, Neymar anche. L’attaccante brasiliano del Psg, di solito, viaggia con un jet privato. Come quello atterrato ieri sulla pista dell’aeroporto di Torino-Caselle. Neymar da Silva Santos Junior, 27 anni, numero 10 del club campione...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

MILANO Lui non se ne vuole andare, il club non lo vuole svendere e, soprattutto, non ha ricevuto offerte. Mauro Icardi non ha intenzione di lasciare l’Inter. È convinto che la sua storia in nerazzurro non sia affatto finita, lo ha fatto capire alla...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

MILANO La lunga notte del Diavolo. Smarrito, svuotato, impaurito. E spalle al muro: polverizzato anche il terzo obiettivo stagionale su quattro — dopo Europa League e Supercoppa italiana, l’addio alla Coppa Italia con la Juve ormai fuori dai giochi...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Sarà l’Atalanta di Gian Piero Gasperini a giocarsi, il 15 maggio a Roma contro la Lazio, la finale di Coppa Italia. Dopo il 3-3 dell’andata a Firenze, i bergamaschi vincono 2-1 nel ritorno con la Fiorentina e staccano il pass per la finale. Subito...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

«Il bambino piangeva, e lui gli ha dato due schiaffi». Donatella Di Bona lo racconta nella sua confessione davanti al pm e ai carabinieri. Accusa l’amante Nicola Feroleto di aver assistito senza fare nulla mentre lei strangolava il piccolo Gabriel...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Il sommo Michelangelo, poco prima di congedarsi dal mondo, diede alle fiamme la maggior parte dei suoi schizzi. Non voleva che i Medici ne venissero in possesso. Gerhard Richter, che probabilmente è il più grande pittore vivente e per nostra fortuna è ...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

«Solo lui può dare / Dare del tu al mare». Gino Paoli lo descrive così, con i versi che gli ha dedicato dieci anni fa nella canzone «Il marinaio». E uomo di mare Giulio Frezza lo era davvero. Subacqueo, velista, skipper «con una cima per legarsi...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

ROMA Ogni 25 aprile Annita lo celebrava nello stesso modo. In piedi davanti alla lapide dei martiri di Pietralata, vittime della retata nazista del 1943. Suo papà Crispino fu uno dei deportati della borgata, rinchiuso prima a Regina Coeli e poi spedito...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Ci sono sessanta persone, nel nostro Paese, che hanno avuto la certezza matematica di essere criminali sfortunati, ammesso che nel loro caso si possa parlare di sfortuna. Sfortunati perché sono stati smascherati come autori di un reato grazie alla...