Cristiano Ronaldo, già arrivata la rogatoria per il prelievo del Dna: la decisione al ministero

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

ROMA — La richiesta è già arrivata ed è al vaglio del ministero della Giustizia. Cristiano Ronaldo potrebbe essere invitato a sottoporsi a un prelievo del Dna da inviare poi al Dipartimento di polizia di Las Vegas che indaga sulla presunta violenza sessuale nel 2009 del campione portoghese denunciata per la seconda volta l’anno scorso dall’ex modella Kathryn Mayorga. Sono stati proprio gli investigatori della città del Nevada a richiedere, per rogatoria, alla controparte italiana di provvedere al prelievo ma adesso i magistrati stanno esaminando la richiesta per capire se ci siano compatibilità fra la nostra procedura penale e quella Usa. Se insomma la richiesta abbia caratteristiche di congruità con l’ordinamento italiano che possano portare poi a ordinare a Cr7 di sottoporsi all’esame in questione.

Ronaldo, che attualmente risulta residente a Torino, ha la possibilità di fare ricorso per opporsi a un’eventuale decisione del gip dopo la richiesta del pm incaricato del caso, ma nell’eventualità di un rigetto non avrà altra scelta, dopo che la magistratura avrà incaricato polizia o carabinieri. Peraltro la nostra procedura penale in determinate circostanze prevede anche il prelievo coattivo. Insomma un altro colpo di scena. Come ha anticipato qualche giorno fa il Wall Street Journal, l’esame ha lo scopo di comparare il Dna prelevato al fuoriclasse della Juventus con le tracce biologiche repertate sugli abiti della modella.

«Il mio assistito - ha spiegato Peter Christiansen, l’avvocato di Cr7, in un’intervista a Bbc Sport - ha sempre sostenuto, e lo fa anche adesso, che quello che è successo a Las Vegas nel 2009 fu un rapporto consensuale, per cui non è una sorpresa se risultasse il suo Dna, nè che la polizia abbia fatto una richiesta standard come quella per le sue indagini». D’altra parte anche il Dipartimento di polizia, confermando la richiesta inoltrata alle autorità italiane, sottolinea come in questo caso «siano stati seguiti gli stessi passi di una qualsiasi altra indagine di violenza sessuale per l’acquisizione di prove legate al Dna». Nel 2009 l’ex modella, pur denunciando l’aggressione subìta dopo aver incontrato il campione in un locale notturno, non fece il nome di Ronaldo - che all’epoca giocava nel Manchester United e stava per passare al Real Madrid per 94 milioni di euro - ma solo qualche mese più tardi.


Secondo l’accusa il calciatore avrebbe pagato 375 mila dollari per assicurarsi il silenzio della donna su una violenza che per Ronaldo e il suoi entourage non è mai avvenuta. I legali del giocatore hanno peraltro sempre sostenuto che firmare quell’accordo «non è comunque un’ammissione di colpevolezza». Ma l’indagine è scattata e dagli accertamenti della polizia di Las Vegas è emerso che sugli abiti — e forse anche su altri reperti in possesso di chi indaga — sarebbero state rinvenute tracce di Dna che non sono dell’ex modella. Da qui la necessità di capire se siano di Ronaldo o di un’altra persona. Una storia tutt’altro che chiusa, almeno per la giustizia, che per ora non ha avuto riflessi sulle prestazioni in campo di Cr7. «È una vicenda privata, io parlo solo di calcio. L’ho visto sereno», si limita a commentare il tecnico bianconero Massimiliano Allegri.

Tag: #Sport

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Corsa contro il tempo per l’apertura di Matera 2019 Open Future. Turni rinforzati per concludere i lavori e prove in piazza per la serata evento di Raiuno, in diretta a partire dalle 18.55, nella quale il presidente della Repubblica Sergio Mattarella,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Atteggiamento spocchioso», «Parole disarmanti», «Frase stupida», «C’è tutto il fallimento del Pd», «Si calpestano gli italiani», «Non sa che cosa vuol dire povertà e disperazione». Sono alcuni dei 2.270 commenti che su Twitter Maria...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sarà Roberto Tomasi, già direttore generale, il nuovo amministratore delegato di Autostrade per l’Italia (Aspi), al posto di Giovanni Castellucci, dimissionario, dopo la catastrofe del crollo del Ponte Morando di Genova. Alla nomina procederà il...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Siamo europei. Il destino dell’ Europa è il destino dell’Italia». Così si apre il «Manifesto per la costituzione di una lista unica delle forze politiche e civiche europeiste alle elezioni europee» di Carlo Calenda. Con il sottotitolo-slogan:...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Alvaro Lojacono, uno dei due brigatisti rossi condannati per la strage di via Fani e l’omicidio Moro fino a oggi sfuggiti alla giustizia italiana (l’altro è Alessio Casimirri) rompe il suo silenzio: lo fa con un’intervista esclusiva pubblicata dal ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il corpo carbonizzato di una donna è stato trovato venerdì pomeriggio nella campagne di Erbusco, paese bresciano della Franciacorta, terra di pregiati vitigni. È stato un uomo che faceva jogging lungo via Lovere a lanciare l’allarme dopo aver...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Kalidou Koulibaly resta squalificato: respinto il ricorso dopo l’espulsione di San Siro. Il difensore del Napoli, che salterà il confronto di domenica sera con la Lazio, aveva perso la testa, a suo dire, per i cori razzisti subiti a San Siro durante...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Prima di tutto occorre sfatare il preconcetto che gli hotel di fascia alta siano immuni dai micro-organismi e che se si paga di più per una stanza, si ha la certezza di averla più pulita. «In realtà i reporter investigativi hanno scoperto che non è...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il settore degli smartwatch non è mai realmente esploso. Però ci sono delle compagnie, come Fossil, che con la tecnologia al polso sono riuscite a diversificare la produzione. Il lavoro della texana è andato talmente avanti che un big dell’hi-tech...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un uomo di 55 anni si è dato fuoco a Praga in piazza San Venceslao. Secondo alcuni testimoni, si è cosparso di un liquido infiammabile e poi ha acceso il rogo. Le fiamme sono state spente dai passanti. L’uomo è stato soccorso e portato in ospedale, ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sono stati condannati a pene comprese tra i 5 e i 9 anni di carcere i quattro giovani imputati per l’aggressione a coltellate, calci e pugni ai danni di Niccolò Bettarini, dello scorso 1° luglio davanti alla discoteca «Old Fashion» di Milano. Lo ha ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un decreto che scontenta tutti, al netto dei tassisti. Si tratta della riforma della disciplina degli «autoservizi pubblici non di linea» immaginata dal governo. Impone una serie di vincoli al noleggio con conducente che penalizza la concorrenza,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Per i genitori di Mario, che non hanno mai creduto alla tesi del suicidio, è la notizia più attesa. Svolta nel caso della morte di Mario Biondo, il cameraman italiano trovato impiccato a Madrid nel maggio del 2013. Sarà indagato il medico legale che...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

LIVORNO – Sarà giudicata il 1 marzo Fausta Bonino, l’infermiera accusata di aver ucciso con iniezioni di eparina dieci pazienti ricoverati all’ospedale di Piombino. E’ stata l‘avvocato della Bonino, Cesarina Barghini, a chiedere e ottenere al...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Vedendo la foto sui social, in molti hanno pensato che il 71enne Arnold Schwarzenegger avesse deciso di accettare la #10YearsChallenge, postando un'immagine di se stesso in versione bodybuilder. Un errore del tutto comprensibile, visto che la posa e i...