Coronavirus, test e tamponi picco di richieste: i malati in coda. «Via ad altri tre ambulatori»

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Corriere.it

L’appuntamento per il test sierologico regionale? In alcuni casi bisogna pazientare fino alla fine di giugno. E se per i casi sospetti di coronavirus «recenti» il tampone si ottiene nel giro di pochi giorni, esiste una coda lunga di quarantene risalenti al lockdown che viene smaltita meno rapidamente.
Dalle voci dei medici di famiglia emergono alcuni rallentamenti nel meccanismo di esami e referti legato all’emergenza Covid-19. «Mi sono sottoposto al test sierologico per rintracciare gli anticorpi del virus 15 giorni fa - racconta Irven Mussi, con studio in via Palmanova a Milano -, ma ancora non ho il risultato. Ad una paziente che ha avuto sintomi a marzo il prelievo del sangue è stato fissato alla fine del mese prossimo. Così si rischia di indirizzare verso gli ambulatori privati a pagamento i cittadini stanchi di aspettare». Altri colleghi riportano le lamentele dei «pazienti senza più pazienza», con chiamate per i tamponi a volte immediate, a volte a rilento. Paola Pedrini, segretario del sindacato dei medici Fimmg Lombardia, racconta di lavoratori dei servizi essenziali convocati dopo una settimana per sottoporsi al tampone di fine quarantena (come previsto durante la Fase 1) e che hanno ricevuto il risultato dieci giorni dopo. Lo stesso assessore alla Sanità Giulio Gallera venerdì ha ammesso: «So che abbiamo qualche arretrato, stiamo cercando di accelerare».



Dall’11 maggio le regole sono cambiate: tutti i sospetti devono essere segnalati dal proprio medico e chiamati velocemente per il tampone, così da capire se l’infezione da Covid-19 è in corso e bloccare la diffusione dei contagi. La procedura della Fase 2 sembra funzionare, almeno per quanto riguarda l’Ats di Milano. Sono 704 le persone segnalate dall’11 al 17 maggio, altre 1.164 fino al 21 maggio. Di queste 1.868, 1.505 sono state sottoposte a tampone. Il paziente è invitato a sottoporsi all’esame in un ambulatorio, in genere nel giro di 24 ore. Se non può spostarsi in sicurezza, il test avviene a domicilio. L’Ats spiega che l’esito arriva in 48/72 ore al medico di famiglia, mentre il paziente è avvisato tramite sms.
Nell’elenco ricompaiono anche sospetti della Fase 1: forse per una ripresa dei sintomi o perché ora possono sottoporsi al tampone difficile da ottenere durante il picco dell’emergenza. La situazione dei pazienti della Fase 1 è invece variegata e complessa. I casi certi di coronavirus risalenti al lockdown hanno bisogno di un doppio tampone per tornare in comunità. Il picco di contagi risale a metà aprile, che corrisponde al picco di fine quarantene di questi giorni. Sono circa 4 mila le persone che l’Ats deve contattare per questa procedura, dove al momento si fa più fatica. È stato rinforzato il call center per tenere il passo con le richieste. Capita inoltre che alcuni laboratori, per problemi interni, siano più lenti nel processare i campioni. Praticamente esauriti invece gli esami sui 6 mila lavoratori dei servizi essenziali da «liberare» grazie a un tampone finale.
Capitolo a parte per i test sierologici, utili a dire chi ha gli anticorpi al coronavirus ma che non hanno valore diagnostico. Sono circa 16 mila i candidati a questo esame facoltativo tra il Milanese e il Lodigiano, territorio di competenza dell’Ats. Si tratta di sospetti o contatti di casi certi della Fase 1. Vengono contattati da corso Italia e le liste d’attesa si stanno allungando. Per accorciare le agende, ai cinque ambulatori dove ora vengono fatti i prelievi la prossima settimana se ne aggiungeranno tre (dei privati Cdi, Cerba e dell’ospedale di Melegnano) e si lavora per trovare altre disponibilità. È bene ricordare che a differenza di chi attende il tampone, chi si sottopone al test sierologico non deve più rimanere in isolamento. In base al bollettino di ieri, sono 88 i nuovi positivi nella provincia di Milano, 40 dei quali in città. In tutta la Lombardia se ne contato 441 in più. I malati in terapia intensiva scendono sotto quota 200. Sono 56 i morti a causa del virus, per un totale di 15.840 dall’inizio dell’emergenza.

Tag: #Milano #Cronaca

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Dalla setta australiana detta «Chiesa della Salute», finita in un’inchiesta per avere venduto come «Miracolosa soluzione minerale» anti-Covid una bibita a base di candeggina; alla Corea del Sud, dove i seguaci del culto Shincheonji, 300 mila...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

La wagon del Leone sta vivendo (bene) l’ultima parte di carriera: il prossimo anno dovrebbe essere presentata la nuova generazione, molto probabilmente con il debutto dell’ibrido. Intanto continua a riscuotere successo per la linea piacevole e un...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un bambino di tre anni è caduto, intorno alle 10 di lunedì, dal balcone di casa, al quinto piano. È accaduto in una palazzina di via Cavallotti, a Casalpusterlengo, nel Lodigiano. Lo ha reso noto l’Areu, spiegando che il piccolo è stato soccorso in ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il Coronavirus ha dato una forte spallata a tutti i settori economici, ma l'alimentare è quello che si è maggiormente trovato coinvolto nel cambiamento repentino delle abitudini dei cittadini, anche per via delle restrizioni e delle misure di sicurezza ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

L’11 maggio era un lunedì. «Fine del lockdown per noi professionisti. Sono risalito in sella a Ciconicco, frazione di Fagagna, Udine, dove mi ero chiuso a casa della mia fidanzata Elena (Cecchini, ndr). Qualche pedalata, una sensazione stranissima,...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

«È chiaro che io vorrei evitare chiusure a tutela di chi sta lavorando, però è altrettanto chiaro che questo weekend non è stato “sereno” e che non possiamo immaginarne un altro così». Beppe Sala tra poche ore incontrerà il prefetto di Milano ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Si parla molto di assembramenti e luoghi a rischio contagio e non a torto si citano casi di focolai originatisi in chiese, palestre, ristorantie, in genere, luoghi chiusi e affollati dove si rimane per un certo periodo di tempo. Un gruppo di casi di...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il libro Poter capire, voler spiegare. Walter Tobagi quarant’anni dopo, dedicato al giornalista ucciso dai terroristi il 28 maggio 1980, viene presentato in anteprima lunedì 25 maggio a Milano (ore 17) con un incontro, presso la Sala Buzzati, tramesso ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Potrebbe essere un’incredibile storia di guerra. Oppure un’avvincente spy story, un intrigo internazionale. O forse il racconto di una sopravvivenza in condizioni al limite dell’impossibile. Di certo Saturn, alligatore di 84 anni morto l’altro...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Gli alunni che hanno frequentato quest’anno ormai giunto alle fasi finali sono dunque ammessi alla classe successiva, ha sancito l’ordinanza ministeriale del 16 maggio, anche quelli con insufficienze più o meno numerose o gravi, per i quali i...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il test di Medicina quest’anno si farà sotto casa:«Stiamo mettendo a punto un sistema per cui gli studenti iscritti alla prova di ingresso possano svolgere il test nelle università della propria regione di residenza senza doversi spostare». Lo...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un pollo è un pollo, qualcuno potrebbe pensarla semplicemente così. Ma per molte persone assume invece grande importanza il modo con cui è stato allevato. E per tanti motivi: etici, compassionevoli, salutistici o per la tutela dell'ambiente. Per...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Nei parchi, nelle spiagge libere e nelle zone della movida: un esercito di sessantamila volontari sta per essere schierato a vigilare «con gentilezza» nelle zone più a rischio assembramenti di città e luoghi di vacanza e sostenere la parte più...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il rombo cupo e ritmato come il battito cardiaco non c’è più. Soppiantato da un ronzio più simile a un sibilo. L’Harley Davidson del futuro è silenziosa come un oggetto tecno a batteria. Si chiama LiveWire, ha un motore a magneti permanenti che...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Attualmente, in italia, abbiamo tre situazioni pensionistiche: con la riforma Dini, chi alla fine del 1995 aveva almeno 18 anni di contributi è rientrato nel sistema retributivo e, per la riforma Fornero, ha il calcolo della pensione contributiva solo a ...