Caso Siri, quelle parole di Arata sono un’ammissione di colpevolezza

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Una lunga conversazione tra l’imprenditore Paolo Arata e suo figlio Francesco captata dagli investigatori della Dia nel dicembre 2018 grazie a una “cimice” inserita nel telefonino. Su questa intercettazione – trasmessa per competenza dai magistrati di Palermo ai colleghi di Roma – si fonda l’accusa di corruzione contro il sottosegretario ai Trasporti e senatore leghista Armando Siri. E proprio sulla trascrizione del colloquio gli inquirenti capitolini chiederanno al tribunale del Riesame di confermare il sequestro di cellulari e computer di Arata, presi una settimana fa durante le perquisizioni. Si tratta infatti del perno di un’inchiesta che – nonostante i tentativi di delegittimazione arrivati da più parti addirittura negando che esistesse la registrazione – sembra destinata ad allargarsi.
Si torna dunque alla fine dell’estate scorsa. Gli Arata discutono dei propri affari. Non immaginano di essere ascoltati e il padre parla a ruota libera. Spiega al figlio i rapporti con Siri, le richieste per farlo intervenire su provvedimenti di legge che riguardano gli impianti eolici per cui loro hanno svariate società e in particolare gli incentivi che loro non possono ottenere. Parla esplicitamente di 30 mila euro che ha dovuto impegnare. Il senso del colloquio per i magistrati è chiaro: quei soldi sono il “costo” per garantirsi l’impegno del politico del Carroccio. Per loro è un’ammissione sufficiente a procedere contro Siri e infatti nel decreto di perquisizione esplicitano esattamente il contenuto dell’intercettazione. E infatti sono proprio gli inquirenti a confermare che «l’interpretazione di quanto affermato da Paolo Arata nell’intercettazione è univoca», soprattutto che non c’è alcun dubbio che si riferisca proprio al suo rapporto con Siri.



Elementi sufficienti per affermare nel provvedimento: «Siri è indagato in qualità di pubblico ufficiale, per l’esercizio delle sue funzioni o dei suoi poteri, asservendoli a interessi privati — tra l’altro proponendo e concordando con gli organi apicali dei ministeri competenti per materia — l’inserimento in provvedimenti normativi di competenza governativa di rango regolamentare e di iniziativa governativa di rango legislativo, ovvero proponendo emendamenti contenenti disposizioni in materia di incentivi per il cosiddetto «minieolico» — riceveva indebitamente la promessa e/o la dazione di 30.000 € da parte di Paolo Franco Arata amministratore della Etnea srl, della Alqantara Srl, dominus della Solcara srl (amministrata dal figlio Francesco Arata) e dalla Solgesta srl (amministrata dalla moglie Alessandra Rollino) imprenditore che da tali provvedimenti avrebbe tratto benefici di carattere economico».
Nelle conversazioni intercettate Arata si vanta anche di aver brigato affinché Siri avesse un posto nel governo gialloverde e per questo il pubblico ministero Mario Palazzi evidenzia nel decreto il fatto che «Arata è stato sponsor per la nomina proprio in ragione delle relazioni intrattenute». L’imprenditore si occupava delle relazioni con i politici anche per conto di Vito Nicastri il “re dell’eolico”, arrestato perché ritenuto uno dei finanziatori della latitanza del boss Matteo Messina Denaro tanto che nel 2017 ha subito la confisca dei beni per un valore di oltre un miliardo di euro. Anche in questo caso sono le intercettazioni a rivelare come i due fossero in realtà soci di numerose aziende specializzate nelle “rinnovabili”.
Le nuove verifiche mirano a ricostruire l’intera rete di rapporti di Arata anche tenendo conto che il «gruppo Arata-Nicastri», come lo definiscono i magistrati palermitani «alla fine del 2018 ancora incassava i fondi a sostegno del mini-eolico dal Gse, Gestore dei servizi energetici, società per azioni interamente controllata dal ministero delle Finanze». Il legale di Arata, Gaetano Scalise, è perentorio: «Chiariremo tutto facendoci interrogare dai magistrati».

Tag: #Roma #Cronaca

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 22 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Eseguita una condanna a morte in Texas, la 12esima negli Stati Uniti dall’inizio dell’anno. L’esecuzione è stata portata a termine a Huntsville, città dello stato americano dove sono in programma altre 11 esecuzioni entro la fine del 2019, e ha...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

«Mazzarri Santo» da qualche mese è anche l’idea che avanza tra i tifosi del Toro. Però ora Walter Mazzarri contro Nuno Espirito Santo è, più concretamente, uno dei temi di questa terza sfida continentale. Sono cento e ottanta minuti che potranno...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Si complica la strada di Gianmarco Tamberi (foto Afp) verso il Mondiale di Doha, al via il 27 settembre: il campione europeo indoor dell’alto, infatti, è alle prese con un problema al polpaccio sinistro. A preoccupare non è tanto il fatto che Mister...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Il protagonista de «La carta e il territorio» di Michel Houellebecq è un immaginario artista d’avanguardia. Si chiama Jed Martin. In apertura di questo romanzo — tra le più originali riletture in chiave narrativa dei paesaggi dell’arte del...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

MILANO «E se accadesse a me?», si sono chiesti molti, e anche se non sono escursionisti o camminatori solitari, devono essersi immedesimati nella storia di Simon Gautier, ferito e solo su una scogliera del Cilento, in quella mattina del 9 agosto in cui ...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

«Il giorno in cui Pippa è morta, un po’ sono morta anche io. Ho impiegato tutti questi undici anni per trovare un nome alle cose e accettarne cause e conseguenze, per superare la depressione e ricompormi nella mia azione da artista». Silvia Moro...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Ieri Boris Johnson era a Berlino, oggi sarà a Parigi e domani a Biarritz. È la settimana più complicata della sua carriera politica. Ma forse anche della sua vita. Da studente, a Oxford, era famoso per l’organizzazione caotica del lavoro, le...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

La privacy e la riservatezza della del presidente del Garante europeo per la privacy sono state violate. Proprio nel giorno della morte del magistrato che da più di 20 anni si occupava con competenza e dedizione della protezione dei dati personali, se ...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Erano molti anni, forse sei, che un segretario del Partito democratico non incassava un applauso di acclamazione alla sua relazione. Approvato all’unanimità il documento proposto da Nicola Zingaretti alle anime del Pd con cui si traccia il primo passo ...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Manca solo la «Regina di Bitinia». Tolti i tweet, i post e le dirette facebook, però, lo scontro fra Matteo Salvini e Luigi Di Maio ricorda l’odio insanabile che divise Gaio Giulio Cesare e Marco Calpurnio Bibulo. I due consoli che, a dispetto del...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, mi ha colpito che Prodi apra ai Cinque Stelle: i grandi rinnovatori hanno forse bisogno del viatico del grande vecchio? Fabio Guaita, Bologna Un’alleanza Pd-5Stelle mi sembra già un’ipotesi di governo molto complessa, ma...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

«Non ci impicchiamo al nome di Giuseppe Conte e possiamo lavorare a individuare un presidente del Consiglio “terzo”, fuori dai due partiti». A far decollare la trattativa tra Pd e M5S basta un segnale. E quel segnale raggiunge il quartier generale...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

I cari vecchi episodi di Friends sono come il comfort food, notava ieri il Guardian: un’immersione in un mondo rassicurante dove il peggio che può capitare è un battibecco tra amici. E poi il binge watching — un episodio dopo l’altro come...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

«Noi siamo la generazione degli accordi di pace, non vogliamo un’Irlanda più unita o un Ulster più separato, vogliamo una vita migliore», scriveva Lyra McKee, 29 anni. Il suo futuro si è fermato fra le case di mattoni rossi di Creggan, il popolare ...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Il sogno di Glory era guardare negli occhi la sua bambina, non desiderava altro. Anche se un tumore cattivissimo e feroce si era impossessato di una parte del suo corpo, proprio dove Greta stava crescendo mese dopo mese. Glory era arrivata in Italia...