Basta aiuti  ai disoccupati  che vogliono ritrovare lavoro

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Politiche attive addio. E pensare che sembravano l’unico obiettivo in grado di mettere d’accordo i diversi partiti del lavoro. L’assegno di ricollocazione è la “dote” da spendere in formazione e orientamento, presso il collocamento pubblico o le agenzie private, per trovare un nuovo lavoro. È lo strumento principe delle cosiddette politiche attive. Il concetto è: invece di pagarti per non fare niente come succede con la cassa integrazione ti aiuto a trovare un altro posto. Su questa idea convergevano sia la destra sacconiana che la sinistra renziana. Adesso il governo giallo-verde toglie l’assegno di ricollocazione a chi perde il posto di lavoro e lo assegna soltanto ai poveri disoccupati. Se perdi il posto ma non hai un isee sotto i 9360 non ti aiuto a ricollocarti. E’ vero che lo strumento non era mai decollato. Ma così viene eliminato ancora prima di partire a regime. In qualche modo si riconosce però la sua ratio visto che ai poveri viene dato.
Al momento sono alcune migliaia (meno di 10 mila) gli assegni di ricollocazione in essere. La loro erogazione dovrebbe essere sospesa. A meno di cambiamenti in fase di conversione del decreto. L’assegno di ricollocazione spettava a chi aveva avuto la Naspi (la disoccupazione) da almeno 4 mesi. Ma anche ai lavoratori in cassaintegrazione nelle aziende in cui era stato fatto un accordo sindacale per anticipare l’erogazione dell’assegno. Tra queste anche il Pd. Che un’azienda non è, ma i dipendenti in cassa integrazione ce li ha comunque. Oltre un centinaio aveva intenzione di sfruttare l’assegno per ricollocarsi. D’ora in poi non sarà più possibile.


Non è escluso che a far decidere il governo per l’eliminazione dell’assegno di ricollocazione sia stata una valutazione legata alle coperture. Anche se va registrata in questo primo semestre di governo giallo-verde una maggiore propensione alle politiche passive del lavoro. A partire dalla reintroduzione della cassa integrazione per cessazione dell’attività d’impresa. Ora a supportare i disoccupati nella ricerca di un nuovo posto di lavoro resteranno solo le misure regionali attivate in alcuni territori. In primis la Lombardia con la «Dote lavoro». E da poco anche il Veneto.

Tag: #Economia

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato domenica, 17 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

ROMA Hanno raggiunto lo scopo che forse si prefiggevano quando si sono autodenunciati: il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il suo vice Luigi Di Maio e il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli sono indagati per sequestro di persona in concorso...

Pubblicato domenica, 17 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Un sovversivo si aggira per l’Italia, dice frasi sconnesse che turbano l’ordine pubblico, sostiene tesi rivoltose, mina alle radici quanto di buono i nostri governanti stanno facendo. Difficile capire come il vice premier poliziotto non lo abbia...

Pubblicato domenica, 17 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Il presidente americano Donald Trump chiede a Gran Bretagna, Francia, Germania e altri alleati europei di «prendersi gli 800 combattenti dell’Isis che gli Stati Uniti hanno catturato in Siria e di processarli». Il Califfato è pronto a cadere, ci...

Pubblicato domenica, 17 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

A due giorni dall’inizio di Milano Moda donna, Michela Vittoria Brambilla lancia una nuova campagna contro le pellicce. Un appello duplice: «Alle signore e al Parlamento» ha spiegato ieri, a Milano, la deputata di Forza Italia e presidente del...

Pubblicato domenica, 17 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

C’era molta gente in strada questa sera a Mugnano (Napoli) dove è stato ucciso in modalità ancora da accertare Giovanni Pianese, un venditore ambulante di 63 anni di prodotti ittici. L’omicidio è avvenuto non lontano dalla abitazione della vittima ...

Pubblicato domenica, 17 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Una lite violenta, poi l’inseguimento, infine la sparatoria all’ora di cena alla periferia di Carmagnola. Un agguato brutale sulla strada statale che collega l’area metropolitana di Torino alla provincia di Cuneo: un uomo è morto in una...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Studiava Lingue all’università e da un giorno all’altro si è ritrovata un gregge da portare al pascolo, pecore e capre da mungere. Daniela Poggiu, nuorese, pastora per dovere e poi perché «questo è un lavoro duro, ma mi è entrato nel cuore ed...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, l’Ue ha trovato un accordo sul copyright con le grandi piattaforme online. L’Italia ha votato contro, come aveva già fatto sul tema Venezuela, impedendo di raggiungere l’unanimità. La questione è questa: quando società come...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Si è già andati oltre, troppo. Lo strappo tra l’Inter e Mauro Icardi ha portato a un’aggressione alla moglie dell’ex capitano nerazzurro, ritenuta una delle responsabili della rottura tra il giocatore e il club. Ieri mattina presto, intorno alle...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

«Il ritorno dell’ambasciatore francese a Roma era nelle cose». Pace fatta, ministro Enzo Moavero Milanesi?«Da quanto si è capito, il richiamo è dipeso più da dinamiche politiche, che dai rapporti diplomatici tra i due Paesi ed è importante...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

l posto dei nidi si potrebbero creare nuove case di riposo. Provocazione più che giustificata: gli italiani hanno smesso di fare figli, mentre aumentano gli anziani. Nel 2017 sono nati 458 mila bambini, e sembrava già il massimo dei minimi. Invece nel...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Loredana Bertè, lei non ha ancora detto una parola dalla notte di Sanremo...«Non ho molta voglia di parlare». Ma l’Ariston si è alzato in piedi per lei. Sia il duetto con Irene Grandi, sia l’esibizione finale hanno mandato in visibilio il...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Se nulla di nuovo dovesse accadere, la settimana entrante inizierà in maniera inusuale per quell’organismo il cui nome esatto è «Segreteria unica tecnico-normativa» dell’Inps. Non solo perché l’Istituto nazionale di previdenza sociale, che...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

La decisione di smantellare la tendopoli di San Ferdinando era stata presa nel febbraio 2016. Tre anni fa, quando un migrante fu ucciso da un carabiniere intervenuto per sedare una lite e si rischiò una vera e propria rivolta degli stranieri, il...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Il radicale Marco Perduca non risparmia una notazione severa: «Ma che senso ha? Il ministro Lorenzo Fontana sta parlando di riforma delle norme sulla droga con il ministro dell’Interno e non con quello della Giustizia». Ieri il ministro leghista...