«A 40 anni la nostra vita complicata è rinata grazie alle torte» Buone Notizie in edicola

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

È un regno di cioccolata e glassa, profuma di zucchero, cacao e cannella, quello di Elisa e Marylise. Tra panna, creme, mousse, muffin e biscotti, la vita per loro è ricominciata a 40 anni. Amiche da sempre, complici nei momenti difficili, ora socie con la passione per il cake design nel laboratorio «EliseMarie» nel cuore di Padova, colorato e goloso come il paese delle meraviglie. Torte a piani, decorazioni di zucchero e sculture di glassa, file di pasticcini che sembrano gioielli. C’è il Piccolo Principe sul suo asteroide, Peter Pan pronto ad alzarsi in volo, Barbie in un tripudio di rosa, un campo da calcio, un camion, sette piani di frutta, la tastiera di un pianoforte, creme e cioccolata: sculture da mangiare.
Tutta questa dolcezza nasconde un segreto, una sfida vinta. Perché Elisa Botton e Marylise Poggio, quarantenni di Padova, sulla passione per i dolci hanno puntato tutto, proprio nel momento in cui la vita sembrava andare a rotoli. Per Marylise, mamma di quattro figli, il baratro è stato un divorzio complicato e combattuto che l’ha lasciata prostrata e senza nulla. Per Elisa, due figlie, è invece arrivata una separazione dolorosa dall’attività di famiglia, con strascichi conflittuali. Marylise Poggio racconta: «Non avevamo soldi, nessun capitale. Solo il nostro sogno. Così ci siamo rimboccate le maniche e via, verso questa avventura». È la differenza che scatta quando si trasforma il sogno in progetto. «Giravamo a cercare il locale adatto - incalza Elisa Botton - e poi ci chiedevamo: ma come lo paghiamo?». Hanno chiesto due prestiti in banca, li hanno ottenuti, sono partite. Così è nato il regno della dolcezza.



«Ci siamo conosciute a vent’anni, partecipavamo entrambe alle selezioni regionali per Miss Italia - rivela Marylise - e ci divertivamo, lo facevamo con spirito goliardico, senza troppe ambizioni. È stata un’estate tra passerelle e discoteche. È finita lì. Ma siamo rimaste amiche. Nel frattempo la vita è andata avanti, matrimoni, figli. Ci vedevamo meno, però l’una per l’altra c’era sempre». Affinità elettive e una spiccata somiglianza fisica: alte, capelli lunghi, sorriso contagioso. «Ci scambiano per sorelle», tengono a dire. Quando il matrimonio di Marylise va a rotoli e lei si trova in mezzo a una bufera legale Elisa è lì, a sostenerla. Fantasticano di torte e di un lavoro autonomo. Parlano di mousse, sculture di zucchero e orari professionali innovativi, per dare tempo e spazio ai figli, crescerli e stargli accanto, sul modello dei Paesi del Nord. Proprio nel momento peggiore della loro vita, decidono di provarci.
Aprono il laboratorio di cake design «EliseMarie» e rivoluzionano il concetto di «orario di lavoro». «Facciamo torte dalle 9 alle 15.30, solo fino a quando i bambini sono a scuola. Poi siamo a loro totale disposizione. Non vogliamo perderci nulla della crescita dei nostri figli. Se c’è una torta da realizzare “fuori orario” i bambini vengono in laboratorio con noi. Hanno uno spazio dedicato, si divertono. Respirano una bella armonia. Sono orgogliosi di noi». Per questo motivo niente pasticceria tradizionale: le avrebbe obbligate a orari da negozio. Hanno scelto il laboratorio. Che passo dopo passo diventerà anche un locale su misura per le feste per bambini e i corsi di cake design, rivolti a grandi e piccoli.
«EliseMarie» è un luogo a misura di mamma, voluto così. Il lavoro è rigorosamente dalle 9 alle 15.30, senza perdere tempo. Un welfare che Elisa e Marylise si sono ritagliate addosso, pensando alla nutrita schiera dei loro figli, tutti campioncini in erba, con tanti impegni tra scuola e sport. Quattro figli per Marylise: Ginevra, 14 anni, campionessa di nuoto sincronizzato; Diletta, 12 anni, nella nazionale di pattinaggio su ghiaccio; Pietro 9 anni e Andrea 6, mini-atleti di hockey su ghiaccio. Due figlie per Elisa: Noemi di 9 anni con la passione per il golf e Sofia di 6, ballerina. Una girandola i vari corsi sportivi, le gare, i saggi… Le due mamme artiste della dolcezza hanno organizzato l’attività professionale mettendo i bambini al primo posto.
«Con gli orari che ci siamo imposte conciliamo tutto. I clienti sono contenti, i nostri figli anche. E noi viviamo lavoro e famiglia senza sensi di colpa o ansie». La torta più strana? «Quando ci hanno chiesto un enorme cactus come dolce di nozze… spiazzante. Non sembrava augurare bene. Ma i due sposini erano entrambi appassionati di piante grasse». Elisa Botton è stata campionessa italiana di cake design nel 2014, Marylise Poggio prima delle nozze lavorava nella maison Pierre Cardin, organizzava eventi. Oggi i loro ruoli nell’impresa «EliseMarie» sono intercambiabili, ognuna si occupa di tutto, dalle mousse di cioccolata alle pubbliche relazioni con i clienti. L’artista è Elisa Botton, crea torte che sono complesse opere d’arte di qualsiasi forma, per matrimoni, feste, battesimi, compleanni. Marylise pensa alle creme, mousse, gelée, pan di Spagna. Insieme formano un team che non si ferma davanti a nulla. “Le donne unite possono tutto e realizzano cose bellissime», dicono.
L’esistenza le ha messe davanti a una svolta. Hanno deciso di rischiare. «Quando entro in laboratorio sono felice - ribadisce Marylise - e sto bene perché faccio quello che mi piace. E pazienza se ancora lavoriamo solo per pagare i prestiti e le spese. Un giorno avremo finito. Nel frattempo qui regnano l’armonia e il divertimento». La crema di cioccolata scorre a fiumi, le mani sono sempre a impastare, gli assaggi mettono buonumore. «È la nostra terapia della felicità. Realizziamo i desideri di chi ci chiede dolci speciali - ripetono - e allo stesso tempo realizziamo anche il nostro bisogno di serenità e bellezza. Rendere magici momenti particolari della vita delle persone è la nostra arte. Mollare tutto e ripartire da questa passione comune ci ha salvato la vita. Quando tutto sembra perduto, è allora che si può rinascere, ripartire». Elisa ha appena creato una torta monumentale e colorata per il compleanno di Marylise, sopra campeggia il numero 25. «Noi compiamo sempre 25 anni», ridono tuffando il cucchiaio nella cioccolata.

Tag: #Corriere

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Da Mondovì fu costretta ad andarsene e a Mondovì, cittadina medievale adagiata fra le Langhe e le Alpi, nei mesi bui della prigionia promise a se stessa di tornare: «Voglio vivere per ricordare, per mangiare, per vestirmi, per darmi il rossetto e per...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

A vent’anni dalla scomparsa di Bettino Craxi si è tornati a parlare di uno dei principali protagonisti della politica italiana del Dopoguerra: la sua figura ha da sempre polarizzato le opinioni per la sua azione politica e la forte personalità. Cosa...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Nuova impresa in Bundesliga del diciannovenne attaccante norvegese Haaland: entrato al 65’ con la sua squadra, il Borussia Dortmund, già in vantaggio per 3-1 nel confronto interno con il Colonia, segna due gol in venti minuti, fissando il risultato...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Il Milan vince 1-0 a Brescia grazie a un gol di Rebic al 26’ della ripresa. Ad avviare l’azione era stato Ibrahimovic che nel primo tempo aveva fallito un gol semplice. Il Brescia può rammaricarsi per le tante occasioni sciupate, mentre i rossoneri...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

È stata uccisa Ambra Pregnolato, la 41enne trovata senza vita, riversa a terra, in una pozza di sangue, nella sala del suo appartamento in via Carlo Alberto Dalla Chiesa 5, a Valenza, in provincia di Alessandria. A trovare la donna sarebbe stato il...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Quando il vicepresidente degli Stati Uniti mette piede a Palazzo Chigi è ancora a telefono con Donald Trump. Chiude la telefonata, scende dalla macchina, stringe la mano a Conte e gli dice che il capo della Casa Bianca lo saluta calorosamente. Dazi,...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Quella di C’è posta per te è la storia di un successo nato quasi per caso. Se vent’anni fa Maria De Filippi non avesse avuto in agenda un incontro al ministero dell’Istruzione, forse ora non sarebbe in palinsesto una delle poche trasmissioni...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Una forte scossa di terremoto con una magnitudo intorno a 6.7 della scala Richter è stata registrata alle 18,55 (ora italiana) in Turchia a una profondità di 5 chilometri. L’epicentro è stato posizionato presso Doganyol, una località a circa 80...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Violazione del diritto d’autore: è l’accusa contestata a Massimo Scambelluri, il presidente del Consiglio di amministrazione di “Data Stampa”, società che vende la rassegna stampa quotidiana per clienti privati e istituzionali. La procura di...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

La trattativa è in corso all’Aran e la prossima settimana, mercoledì 29, è previsto un nuovo incontro con i sindacati. Dunque, i quasi 2.000 statali della Presidenza del Consiglio hanno dovuto attendere un po’ più di altri colleghi, che lavorano...

Claudio Scajola, condanna  a 2 anni per l’ex ministro dell’Interno Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Reggio Calabria - L’ex ministro dell’Interno Claudio Scajola è stato condannato alla pena di due anni per procurata inosservanza della pena. L’ex ministro era imputato perché avrebbe cercato di aiutare l’ex parlamentare di Forza Italia Amedeo...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Oltre ad aver provocato uno sconquasso nel Regno (Unito), la Megxit ha portato delle novità anche nell’armadio di Meghan Markle. A giudicare infatti dalle ultime foto arrivate dal Canada, dove la duchessa di Sussex è stata immortalata a passeggio per ...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Articolo in aggiornamento... Una donna di 41 anni è stata trovata morta nella sua abitazione di Valenza. È stato il marito, rientrando in casa dal lavoro, a dare l’allarme. Sul posto i sanitari del 118, che ne hanno constatato il decesso, e i...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Una mezza crisi diplomatica oscura l’odierna visita di Angela Merkel in Turchia, dove la cancelliera tedesca incontra il presidente Recep Tayyip Erdogan. Domenica scorsa, mentre la colonna di auto del leader anatolico stava arrivando in ritardo alla...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Quando era in vita Mia Martini fu vittima di voci infamanti, che puntavano ad affossare la sua carriera (oltre che la sua persona). Per questo il premio della Critica di Sanremo, a lei ancora intitolato - lo vinse nel 1989 con il brano «Almeno tu...