Chandrayaan-2: l'India va sulla Luna

Pubblicato domenica, 14 luglio 2019 ‐ Focus.it

È pronta per il suo viaggio verso la Luna la sonda indiana Chandrayaan-2, che il 14 luglio, alle 23:21 ora italiana, sarà lanciata grazie al più potente razzo indiano, l'GSLV Mk.3 (Geosynchronous Satellite Launch Vehicle Mk.3), per raggiungere tra circa due mesi il nostro satellite, dopo una lunga serie di orbite attorno alla Terra. «La missione consiste di tre componenti: un orbiter, ossia la sonda che rimarrà in orbita attorno alla Luna, un lander - il modulo per l'atterraggio - del peso di 1,4 tonnellate, e un rover che pesa solo 27 chilogrammi», spiega Kailasavadivoo Sivan, presidente della Indian Space Research Organization.

 



I tre componenti della missione indiana Chandrayaan-2. | ISRO


Chandrayann-2 è la prima missione indiana che prevede di raggiungere il nostro satellite con un robot e la seconda alla Luna, dopo Chandrayaaan-1 (nel 2008). Se avrà successo l'India diventerà la quarta nazione a compiere un atterraggio morbido controllato sulla Luna, dopo l'ex Unione Sovietica, gli Stati Uniti e la Cina. La space company israeliana SpaceIL ha tentato un'operazione analoga nell'aprile scorso, ma la sua sonda Beresheet, finanziata quasi unicamente da privati, si è schiantata nell'ultima fase della discesa.

 

Un viaggio lungo due mesi. Impiega così tanto tempo perché non verrà spinta su una traiettoria diretta alla Luna, ma in una serie di orbite eccentriche attorno alla Terra, che prevedono l'accensione di un razzo di spinta per alcuni minuti a ogni avvicinamento al nostro pianeta: in questo modo l'orbita si "allarga" progressivamente finché, passaggio dopo passaggio, è così larga che interseca quella della Luna, e a quel punto la gravità la cattura. Poi si dovranno fare delle manovre di correzione per portarla al luogo prescelto per l'atterraggio, ma questo sistema utilizzato anche dalla Beresheet, è molto economico dal punto di vista della potenza dei razzi e del consumo di carburante.

 



Questo schema, che si riferisce alla recente missione Beresheet, della space company israeliana SpaceIL, spiega il motivo di un viaggio tanto lungo, che permette però notevoli risparmi in temini tecnologici e di consumo di carburante. | SpaceIL


 

Situato a circa 71 gradi di latitudine sud, il luogo previsto per l'atterraggio di Chandrayaan-2 è il più vicino al polo sud della Luna rispetto a qualsiasi missione precedente, a circa 350 chilometri dal bordo del bacino del Polo Sud-Aitken. Gli scienziati pensano che quella regione sia uno dei siti di impatto di asteroidi più antichi del Sistema Solare: la sua esplorazione è particolarmente importante, perché i dati raccolti potranno probabilmente momenti cruciali della caotica storia iniziale del Sistema Solare.

 



Chandrayaan-2. | ISRO


Il rover della missione, Pragyan (saggezza in sanscrito), trasporta uno spettrometro a raggi X per misurare la composizione elementare delle rocce sul sito di atterraggio.

 

A differenza dei rover cinesi e russi già scesi sulla Luna, il rover indiano non può comunicare direttamente con la Terra, ma deve trasferire le comunicazioni attraverso il lander perciò non potrà allontanarsi più di 500 metri dal punto di allunaggio. Importanti strumenti di analisi del suolo lunare si trovano comunque anche sul lander e sulla sonda che rimarrà in orbita. Complessivamente, il costo della missione, che dovrebbe durare circa un giorno lunare (14 giorni terrestri), è estremamente contenuto: secondo il Times of India, non dovrebbero superare i 165 milioni di dollari, meno del film di fantascienza del 2014 Interstellar.

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato domenica, 20 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Si è conclusa la tappa di Trento di Focus Live 2019 al Muse: in tre giorni, da venerdì a domenica sera, abbiamo accompagnato oltre 6.000 visitatori alla scoperta e alle meraviglie della scienza. Dopo la giornata di venerdì, dedicata soprattutto alle...

Pubblicato domenica, 20 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Il sesso è sempre stato materia di conversazione e di dibattiti, oggi diventa spesso argomento di studio per i ricercatori - basti pensare che la celeberrima università americana di Harvard, dove studiarono anche Mark Zuckerberg e...

Pubblicato domenica, 20 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Vi è mai capitato di tornare a casa dopo un pranzo in famiglia tenendovi la pancia dolorante e maledicendovi perché avete mangiato troppo? Be', la colpa non è della cucina della nonna ma della nostra storia evolutiva. È la conclusione a cui...

Pubblicato sabato, 19 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Quando si parla di commercio degli animali il pensiero va subito a pochi, eclatanti casi di specie portate sull'orlo dell'estinzione dal bracconaggio, per esempio gli elefanti africani e i rinoceronti. Ma la tratta di specie selvatiche è un'industria...

Pubblicato sabato, 19 ottobre 2019 ‐ Focus.it

La megattera è una delle balene più grandi, e per molti anni una delle più minacciate: nel 1966 la popolazione mondiale di Megaptera novaeangliae si era ridotta del 90%, e solo negli ultimi cinquant'anni i loro numeri sono...

Pubblicato sabato, 19 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Uno studio da poco commissionato dall'OMS non lascia spazio a dubbi: il mondo non è pronto per fronteggiare una pandemia. Che la minaccia arrivi da un virus influenzale aggressivo come quello della Spagnola, da un patogeno subdolo e letale come Ebola,...

Pubblicato sabato, 19 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Corallo di fuoco avvelenato... non è l'ultima maledizione di Harry Potter ma il nome comune di un fungo mortale (il Podostroma cornu-damae) che di corallo ha solo l'aspetto. Già noto agli esperti, fa notizia il luogo del suo ultimo...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Oggi nella splendida cornice del Muse di Trento ha aperto i battenti FocusLive, il nostro festival della divulgazione scientifica che, in questa tappa, si pone un obiettivo davvero ambizioso: approfondire con conferenze, spettacoli ed esperienze...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Un problema tecnico a bordo della Stazione Spaziale Internazionale ha scombinato la scaletta delle attività extraveicolari già fissate, stabilendo che il 18 ottobre 2019 sarà il giorno della prima EVA eseguita - all'esterno - soltanto da astronaute...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Di tanto in tanto sbucano fuori nuove idee per tentare di accelerare i voli spaziali fino a velocità prossime a quella della luce: questo perché siamo troppo lenti per poter raggiungere le stelle in tempi umani. Purtroppo fino a oggi tutti i progetti...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Il benessere soggettivo, ossia il grado di soddisfazione espresso da ciascuno per la propria esistenza e per le prospettive future, è legato a una migliore qualità di vita, a minori problemi di salute e a una maggiore produttività: anche per queste...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Continuano le operazioni per contenere e riparare i danni del tifone Hagibis, il più forte di quest'anno; sale il numero di vittime causate dall'alluvione e dai forti venti, che hanno raggiunto i 155 km/h sulle città. Le piogge...

Pubblicato giovedì, 17 ottobre 2019 ‐ Focus.it

«Bisogna trasformare l'informazione in conoscenza, e trasformare la conoscenza in coscienza», ha affermato il Premio Nobel per la pace Elie Wiesel, anche scrittore e saggista. Non importa quali siano i mezzi usati, è importante che ciò accada. Il...

Pubblicato giovedì, 17 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Pulire un pavimento, asciugare una tazza, prendere un bicchiere da un armadio... Operazioni semplici ma che possono risultare impossibili a persone anziane, ammalate o disabili.   In un futuro non lontano queste categorie di persone potrebbero...

Pubblicato giovedì, 17 ottobre 2019 ‐ Focus.it

La data di consegna segnata in Agenda è il 2030. Ma sul raggiungimento dei Sustainable Development Goals (SDG), ossia i 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile che dettano il programma di lavoro ufficiale delle Nazioni Unite...