Social e vanità. Savoini,  il faccendiere 2.0 ossessionato dai selfie

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Chissà se Matteo Salvini, scottato dal pasticcio russo, saprà finalmente capire che l’ossessione compulsiva dei selfie può anche portare male. Una malattia con molti e spiacevoli effetti collaterali: come fai a dire di ignorare Gianluca Savoini se poi un intero archivio di foto dimostra che Savoini ti sta fotograficamente attaccato come una ventosa, sulla Piazza Rossa a Mosca e a Palazzo Chigi e dappertutto, chissà quante altre decine di immagini stanno a testimoniare una lunga e continuativa frequentazione? Per Savoini vale ovviamente il contrario: lui è come Zelig che si ficca ovunque per godere dell’opportunità fotografica universale e per farsi vedere con i potenti e nelle occasioni storiche. Solo che lui, Savoini, non Zelig, non si ficca ovunque, ma solo nei posti dove sia possibile farsi immortalare con Salvini. I faccendieri di una volta, quelli affidabili, lavoravano nell’ombra, non si facevano vedere mai, stavano sempre due passi indietro, protetti dall’invisibilità che li rendeva ancora più potenti e carismatici.
Il faccendiere dell’età dei social invece deve apparire, deve far vedere che frequenta chi davvero conta per accreditarsi con interlocutori sospettosi: gli interlocutori dei faccendieri sono sempre sospettosi, figuriamoci i russi. Quindi per Savoini la foto è tutto, è curriculum, è prova, è alimento della propria vanità, è l’accredito della propria esistenza pubblica, insomma è un documento di identità. Ma per Matteo Salvini? Tutto il contrario. Al limite si potrebbe dire che propria la sua disponibilità a lasciarsi immortalare con Savoini è la prova che non era suo desiderio nascondere una frequentazione che avrebbe potuto metterlo in imbarazzo. Ma poi arriva il conto. Savoini chi? E poi Savoini appare in mille foto, in mille pose, in mille occasioni, in mille incontri. E il tentativo di relegare Savoini a intruso occasionale, oppure a una delle migliaia e migliaia di persone che si lasciano fotografare con il «Capitano», come era capitato con il mariuolo al raduno del Milan. Ma la voglia incontenibile di apparire può diventare un boomerang, una tagliola. Una foto in più, che vuoi che sia. Ma una foto in più con una persona che alla fine dovrai rinnegare, far finta quasi di non conoscerlo, può essere l’eccesso che fa vacillare il terreno. Troppa vanità non porta niente di buono, lo dicevano anche le nonne. Troppa vanità e dalla Russia può partire un siluro che può produrre conseguenze nefaste. Un selfie in meno e un po’ di (buon) governo in più: magari questa è la ricetta giusta.

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

ROMA Un possibile show down nella maggioranza appare sempre più vicino, fra una settimana sia il Pd che Italia viva terranno le rispettive assemblee e i leader prenderanno la parola per dire la loro sulla possibilità di andare avanti con l’esecutivo...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Caro direttore, mi meraviglia che gli attuali esponenti del Pd contestino a Matteo Renzi di voler logorare il loro partito allo scopo di lucrare consensi. Mi pare di rivedere a parti invertite quanto accadde durante la segreteria Renzi, quando si...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

dal nostro inviatoTREVISO Oleg Mandić arrivò ad Auschwitz nell’estate del 1944. Aveva 11 anni, con lui c’erano la madre Névenka e la nonna Olga. Gli tatuarono sul braccio sinistro il numero 189488 e gli assegnarono un triangolo rosso....

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Violazione dell’intimità della vita privata» e «diffusione senza accordo di immagini a carattere sessuale» sono le motivazioni dell’arresto dell’artista russo Piotr Pavlenski, 35 anni, e della sua compagna l’avvocata Alexandra de Taddeo, 29,...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

È la concorrente più vecchia: 35 anni. È la prima Miss Germania con un figlio, di lavoro fa l’imprenditrice online e ha già detto che «del titolo di più bella me ne farò poco, e non intendo andare in giro a tagliare nastri come un manichino» e...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

DAL NOSTRO INVIATORICHMOND Primo applauso: «Mi sono candidato per battere Donald Trump». Secondo, più convinto: «Non sono qui di passaggio, sosterrò chiunque uscirà dalle primarie democratiche». Michael Bloomberg è, finalmente, in campagna...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

L’Inter si illude per 50 minuti poi la carenza di un portiere di livello, fino ad allora mascherata dalla difesa, s’impone in tutta la sua urgenza: Skriniar anticipa Padelli che era uscito un po’ a caso, la palla finisce a Immobile che viene...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

LONDRA «Terrificante» posare davanti all’ospedale con in braccio un bimbo appena nato. «A volte ci si sente sole a fare la mamma». L’arrivo di un figlio è accompagnato da «emozioni miste». Da una parte «l’euforia», dall’altra «l’ansia ...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Dorme solo quattro ore per notte, non sa rinunciare al cioccolato, ama la moda e lo spritz, vorrebbe essere più alta (è 158 cm) e meno muscolosa, vive a Cavalese in Val di Fiemme con il marito Stefano ma è a casa solo 70 giorni all’anno. Non le...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

«Wait and see», traducibile (meno elegantemente) con il «calma e gesso» che pronunciano i giocatori di biliardo quando devono fare un tiro difficile e prendono tempo strofinando con il gesso la punta della stecca. Ecco la sintesi che esce dal...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Una storia di volontà ed emancipazione, coraggio e amore, che si snoda a cavallo del mare Mediterraneo e che segue la vita di una famiglia italiana, i Muccio, divisa tra due sponde, la Libia e l’Italia. Su questa vicenda Roberto Costantini sta...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Durante un talk show la conduttrice che lo stava intervistando lo aveva rimproverato affettuosamente: «Ma lei ce la mette tutta per far parlare di sé». Il dottor Urtis, ammiccando, aveva risposto: «Sa, è anche una questione di marketing». Strategie ...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

«Zia Antonietta era una semplice cameriera, ingenua e sprovveduta. La ricostruzione prevalente fu questa: era rimasta incinta e il futuro padre le aveva promesso di portarla all’altare...» Ma lei scopre che lui è sposato e si arrabbia. O lui ci...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

La copertina del progetto con il titolo «Un piano per il Sud è un progetto per l’italia», l’hashtag «#Sud2030» e la foto di Duino, il Comune in Friuli-Venezia Giulia, con una splendida vista sul Golfo di Trieste e le sue falesie. Non proprio un...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Sono gravi le condizioni di un bambino di 5 anni investito a Cigliano, nel Vercellese. È successo nel pomeriggio di oggi, domenica 16 febbraio. Stando alle prime notizie, il 118 avrebbe prestato sul posto le prima cure al piccolo, che ha riportato...