Social e vanità. Savoini,  il faccendiere 2.0 ossessionato dai selfie

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Chissà se Matteo Salvini, scottato dal pasticcio russo, saprà finalmente capire che l’ossessione compulsiva dei selfie può anche portare male. Una malattia con molti e spiacevoli effetti collaterali: come fai a dire di ignorare Gianluca Savoini se poi un intero archivio di foto dimostra che Savoini ti sta fotograficamente attaccato come una ventosa, sulla Piazza Rossa a Mosca e a Palazzo Chigi e dappertutto, chissà quante altre decine di immagini stanno a testimoniare una lunga e continuativa frequentazione? Per Savoini vale ovviamente il contrario: lui è come Zelig che si ficca ovunque per godere dell’opportunità fotografica universale e per farsi vedere con i potenti e nelle occasioni storiche. Solo che lui, Savoini, non Zelig, non si ficca ovunque, ma solo nei posti dove sia possibile farsi immortalare con Salvini. I faccendieri di una volta, quelli affidabili, lavoravano nell’ombra, non si facevano vedere mai, stavano sempre due passi indietro, protetti dall’invisibilità che li rendeva ancora più potenti e carismatici.
Il faccendiere dell’età dei social invece deve apparire, deve far vedere che frequenta chi davvero conta per accreditarsi con interlocutori sospettosi: gli interlocutori dei faccendieri sono sempre sospettosi, figuriamoci i russi. Quindi per Savoini la foto è tutto, è curriculum, è prova, è alimento della propria vanità, è l’accredito della propria esistenza pubblica, insomma è un documento di identità. Ma per Matteo Salvini? Tutto il contrario. Al limite si potrebbe dire che propria la sua disponibilità a lasciarsi immortalare con Savoini è la prova che non era suo desiderio nascondere una frequentazione che avrebbe potuto metterlo in imbarazzo. Ma poi arriva il conto. Savoini chi? E poi Savoini appare in mille foto, in mille pose, in mille occasioni, in mille incontri. E il tentativo di relegare Savoini a intruso occasionale, oppure a una delle migliaia e migliaia di persone che si lasciano fotografare con il «Capitano», come era capitato con il mariuolo al raduno del Milan. Ma la voglia incontenibile di apparire può diventare un boomerang, una tagliola. Una foto in più, che vuoi che sia. Ma una foto in più con una persona che alla fine dovrai rinnegare, far finta quasi di non conoscerlo, può essere l’eccesso che fa vacillare il terreno. Troppa vanità non porta niente di buono, lo dicevano anche le nonne. Troppa vanità e dalla Russia può partire un siluro che può produrre conseguenze nefaste. Un selfie in meno e un po’ di (buon) governo in più: magari questa è la ricetta giusta.

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Le previsioni del tempo sono un argomento classico di discussione. In giorni normali vogliamo sapere se a Pasqua si potrà andare al mare. Oggi ci chiediamo se il caldo primaverile ucciderà il coronavirus? Non è un argomento da bar (d’altra parte i...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Un’applicazione per verificare le code davanti ai supermercati che utilizza lo stesso principio di Waze, l’app più conosciuta per monitorare le file in autostrada grazie alla collaborazione degli automobilisti che le segnalano. Quella che può...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

A Liverpool, Bill Shankly è entrato direttamente nella leggenda. Qui da noi, l’allenatore che tra il 1959 e il 1974 portò i Reds dalla Seconda Divisione alla grandezza mai più tramontata, è entrato solo nella storia per una frase: «Alcuni credono...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Cosa si può fare ma soprattutto cosa non si può fare nell’intimità durante l’emergenza che stiamo vivendo? Se lo chiedono in molti: abbiamo girato le domande più comuni a due esperti, la sessuologa Roberta Rossi, presidente della Federazione...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Bari. Pausa pranzo. Una vocina mi dice di non essere sarcastico sull’essenzialità del mio lavoro, quindi scriverò semplicemente che sono in ufficio. Stamattina sveglia presto, ho infornato il pane che avevo preparato ieri e l’ho portato caldo e...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Quando esplodono drammi impensati e dirompenti, capaci di stravolgere le nostre attività quotidiane, lo spavento, l’ansia e la visione catastrofica del domani spazzano via tutto, circondando di ombre letali anche le cose che fino al giorno prima...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

La Lega perde 2 punti in 2 mesi, cioè da quando è scattata l’emergenza Coronavirus, e ora si attesta al 26,5%. Italia viva, il partito dell’altro Matteo (Renzi), crolla al 2,2%. Il Pd, nello stesso arco di tempo, rosicchia quasi altri 3 punti ed...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il 25 marzo del 1300 iniziava il viaggio ultraterreno dell’Alighieri nell’aldilà (data concordata dagli studiosi) attraverso il capolavoro senza tempo della Commedia. E in quella stessa data inizia il viaggio del Dantedì, la prima giornata...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il Papa tutti i giorni su Rai1. Nei momenti duri, si sa, in tanti riscoprono la preghiera e le chiese tornano a riempirsi. Ma in questo caso per legge le chiese devono restare vuote e dunque, grazie alla tecnologia, chiese e preghiere entrano nelle case, ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

«Il coronavirus? Come essere travolti da un camion», dice adesso Pepe Reina, ancora sconvolto dall’esperienza. Tra i calciatori che in Europa sono stati contagiati c’è anche l’ex portiere spagnolo di Napoli e Milan, oggi in Premier League...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il co-design coordinator del team Luna Rossa Prada Pirelli Horacio Carabelli che spiega come è nato (e come è stato sviluppato) il progetto del battello che, Coronavirus permettendo, parteciperà alla Coppa America nel 2021. Poi dei documentari che...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

E’ presto per fare un bilancio sulla pandemia scatenata dal virus Sars-Cov-2 a partire dalla fine di dicembre. Ma alcune cose le abbiamo già imparate. Fra queste sicuramente l’importanza dei dati e delle tecnologie di «contact tracing»,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il blocco dei rifornimenti finirebbe per paralizzare quei trasporti necessari per tenere in piedi il Paese. Un problema serissimo. Il Garante per gli scioperi chiede di revocare la protesta, ma i sindacati rispondono che non si tratta di uno sciopero,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

L’immagine di una bimba di quattro anni che bacia il suo papà attraverso il vetro di una finestra è diventata l’emblema dell’importanza dell’isolamento nella lotta al coronavirus. Lei si chiama Mila Sneddon, abita con la famiglia a Falkirk, in...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Si chiama Aurora e pesa 3 chili e mezzo la bambina più piccola di Moncenisio, il comune meno popoloso d’Italia, trentanove abitanti più una neonata, la figlia di Jonida ed Enrico Perottino, l’escavatorista della zona. Il primo fiocco rosa dopo...