«Scritta nazista, presto una svolta»

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

«Penso che arriveremo presto a un risultato», dice con un certo ottimismo il procuratore di Cuneo, Onelio Dodero. Per risolvere in tempi rapidi il caso delle scritte naziste a Mondovì, Dodero ha messo in campo una vera e propria task force: Digos, Scientifica della Polizia, Ros dei carabinieri, oltre a decine di uomini dell’Arma mobilitati nel Cuneese. C’è da dare un nome al responsabile dell’oltraggio antisemita che ha provocato l’indignazione del Paese richiamando di colpo alla memoria i tempi neri dello sterminio. Riflettori puntati su quelle due parole, «Juden Hier», qui ci sono ebrei, scritte velocemente con uno spray nero sulla porta d’ingresso della casa di Lidia Rolfi, staffetta partigiana deportata nel 1944 nel campo di concentramento tedesco di Ravensbruck. Un’insegnante, una testimone dell’inferno, un simbolo della resistenza. Da quando lei non c’è più, anno 1996, nella vecchia abitazione di due piani che si affaccia sulla stretta viuzza a lei intitolata, ci vive il figlio Aldo.
«Si lavora a 360 gradi», ha sottolineato il magistrato. Ma nei 360 gradi, che comprendono anche la ragazzata, il gesto sconsiderato e il gruppo neonazi, c’è un aspetto sul quale si stanno concentrando le indagini. È la particolarità della scritta, che non ha precedenti in Italia. «Juden Hier» è associata alla Notte dei cristalli, quando nel novembre del 1938 sui territori del Terzo Reich la Germania nazista massacrò e violentò uomini e donne, distruggendo e incendiando i luoghi della comunità ebraica, con una feroce caccia casa per casa, negozio per negozio, sinagoga per sinagoga. Di fatto, il punto di partenza dell’Olocausto. Gli inquirenti sospettano che l’autore del gesto sia un buon conoscitore della notte di sangue in cui si scatenò la furia antisemita. Non è ancora dato sapere quali siano gli elementi che portano a questo approfondimento ma si parla di qualche stranezza da verificare e non si escludono sorprese. Sono stati visionati i filmati della zona, in particolare quello di una telecamera posizionata proprio su via Rolfi, anche se l’inquadratura non è favorevole. La Scientifica sta analizzando i colori della scritta, per un’indagine tecnica che procede di pari passo con quella tradizionale: sentiti decine di testimoni, fra cui i negozianti di bombolette spray. In attesa di sviluppi dal fronte investigativo, parla il rappresentante del mondo ebraico piemontese, mondo del quale, è bene ricordarlo, Lidia Rolfi non faceva parte per il semplice fatto che era cattolica. «Ma chi coltiva simpatie naziste non fa molte distinzioni: ebrei, partigiani, deportati, tutti nello stesso mazzo — ricorda Dario Disegni, presidente della Comunità ebraica di Torino —. Quanto alla scritta, in effetti in Italia non l’avevamo mai vista. Chi frequenta il web non ha però difficoltà a trovarla. È comunque tutto così angosciante e inquietante: l’ebreo come nemico». L’ultimo a Mondovì fu Marco Levi, imprenditore della ceramica e banchiere, mancato nel 2001, che lasciò in eredità alla cittadina un museo. «Debito di gratitudine per essere sopravvissuto alla shoah grazie alla copertura dei monregalesi, ma dopo di lui, più nessuno», precisa il professore Stefano Casarino, presidente dell’Associazione partigiani di Mondovì, per dire che le famiglie di un tempo oggi non ci sono più. «O il mentecatto è un profondo conoscitore — azzarda — o è uno che non se ne intende per niente». Cioè, o si tratta di uno che conosce anche le sfumature di «Juden Hier», dove si confondono ebrei e amici, o è uno sprovveduto che non sa nulla di Lidia Rolfi, deportata politica, cattolica.

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Le previsioni del tempo sono un argomento classico di discussione. In giorni normali vogliamo sapere se a Pasqua si potrà andare al mare. Oggi ci chiediamo se il caldo primaverile ucciderà il coronavirus? Non è un argomento da bar (d’altra parte i...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Un’applicazione per verificare le code davanti ai supermercati che utilizza lo stesso principio di Waze, l’app più conosciuta per monitorare le file in autostrada grazie alla collaborazione degli automobilisti che le segnalano. Quella che può...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

A Liverpool, Bill Shankly è entrato direttamente nella leggenda. Qui da noi, l’allenatore che tra il 1959 e il 1974 portò i Reds dalla Seconda Divisione alla grandezza mai più tramontata, è entrato solo nella storia per una frase: «Alcuni credono...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Cosa si può fare ma soprattutto cosa non si può fare nell’intimità durante l’emergenza che stiamo vivendo? Se lo chiedono in molti: abbiamo girato le domande più comuni a due esperti, la sessuologa Roberta Rossi, presidente della Federazione...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Bari. Pausa pranzo. Una vocina mi dice di non essere sarcastico sull’essenzialità del mio lavoro, quindi scriverò semplicemente che sono in ufficio. Stamattina sveglia presto, ho infornato il pane che avevo preparato ieri e l’ho portato caldo e...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Quando esplodono drammi impensati e dirompenti, capaci di stravolgere le nostre attività quotidiane, lo spavento, l’ansia e la visione catastrofica del domani spazzano via tutto, circondando di ombre letali anche le cose che fino al giorno prima...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

La Lega perde 2 punti in 2 mesi, cioè da quando è scattata l’emergenza Coronavirus, e ora si attesta al 26,5%. Italia viva, il partito dell’altro Matteo (Renzi), crolla al 2,2%. Il Pd, nello stesso arco di tempo, rosicchia quasi altri 3 punti ed...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il 25 marzo del 1300 iniziava il viaggio ultraterreno dell’Alighieri nell’aldilà (data concordata dagli studiosi) attraverso il capolavoro senza tempo della Commedia. E in quella stessa data inizia il viaggio del Dantedì, la prima giornata...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il Papa tutti i giorni su Rai1. Nei momenti duri, si sa, in tanti riscoprono la preghiera e le chiese tornano a riempirsi. Ma in questo caso per legge le chiese devono restare vuote e dunque, grazie alla tecnologia, chiese e preghiere entrano nelle case, ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

«Il coronavirus? Come essere travolti da un camion», dice adesso Pepe Reina, ancora sconvolto dall’esperienza. Tra i calciatori che in Europa sono stati contagiati c’è anche l’ex portiere spagnolo di Napoli e Milan, oggi in Premier League...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il co-design coordinator del team Luna Rossa Prada Pirelli Horacio Carabelli che spiega come è nato (e come è stato sviluppato) il progetto del battello che, Coronavirus permettendo, parteciperà alla Coppa America nel 2021. Poi dei documentari che...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

E’ presto per fare un bilancio sulla pandemia scatenata dal virus Sars-Cov-2 a partire dalla fine di dicembre. Ma alcune cose le abbiamo già imparate. Fra queste sicuramente l’importanza dei dati e delle tecnologie di «contact tracing»,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il blocco dei rifornimenti finirebbe per paralizzare quei trasporti necessari per tenere in piedi il Paese. Un problema serissimo. Il Garante per gli scioperi chiede di revocare la protesta, ma i sindacati rispondono che non si tratta di uno sciopero,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

L’immagine di una bimba di quattro anni che bacia il suo papà attraverso il vetro di una finestra è diventata l’emblema dell’importanza dell’isolamento nella lotta al coronavirus. Lei si chiama Mila Sneddon, abita con la famiglia a Falkirk, in...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Si chiama Aurora e pesa 3 chili e mezzo la bambina più piccola di Moncenisio, il comune meno popoloso d’Italia, trentanove abitanti più una neonata, la figlia di Jonida ed Enrico Perottino, l’escavatorista della zona. Il primo fiocco rosa dopo...