Sanremo, Baglioni  e i migranti: così la Rai vuole chiudere il caso

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

ROMA — Sanremo non si tocca. L’amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini, blinda l’imminente edizione dell’appuntamento più atteso della tv pubblica. E fa sapere con molta chiarezza che nemmeno le dichiarazioni sugli immigrati del direttore artistico Claudio Baglioni hanno mai messo neppure lontanamente in discussione l’eccellente rapporto di stima tra i due: ogni Sanremo, ha minimizzato Salini, ha avuto il suo scontro, è successo anche quest’anno, ma si va avanti senza esitazione. Non c’è solo stima tra i due: Baglioni e Salini, in queste settimane, si sentono continuamente per mettere a punto il progetto. Ormai hanno un confronto sincero, diretto e amichevole.

La parola d’ordine degli uffici dell’amministratore delegato è garantire che la macchina del festival proceda con la massima tranquillità, dopo le frasi di Baglioni («non si può pensare di risolvere il problema dell’immigrazione evitando lo sbarco di 40-50 persone, siamo un po’ alla farsa») e l’attacco della direttrice di Rai1, Teresa De Santis («le sue parole, e non solo per la sua responsabilità, sono state trasformate nel solito comizio»). La sua reazione affidata a Dagospia ha preso in contropiede Salini: non ne sapeva nulla, l’ha letta online con una certa sorpresa, decidendo poi di inviare immediatamente un tweet rassicurante: «Il Festival di Sanremo è patrimonio degli italiani. Il mio compito, e quello di tutta la Rai, è garantirne la qualità e il successo». Un modo per riportare la questione su un binario strettamente aziendale. Salini, fino a ieri sera tardi, ha ripetuto ai più stretti collaboratori che Sanremo è il brand più importante della Rai, atteso non solo dai telespettatori della tv pubblica ma in generale da milioni di italiani, dunque un capitolo del nostro costume che va protetto da polemiche e ostacoli. Anche perché — sottolineano a viale Mazzini — si tratta di una poderosa macchina economica: 12 milioni di costi, in calo rispetto alle cifre ben più alte di anni fa, e un’attesa di ricavi pubblicitari di quasi il doppio, se non di più, magari ci sarà anche un record di raccolta (lo aveva confermato proprio De Santis durante la conferenza stampa di presentazione del festival). Impensabile, dice Salini, bloccare tutto per una frase. Per un’espressione che ha scatenato una marea di reazioni politiche, a partire da quella del vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini (« Mi piace Claudio Baglioni quando canta e non quando fa politica, i ministri fanno e i cantanti cantano»).


Qualcuno, nelle ore successive, aveva immaginato un «licenziamento» di Baglioni. Ipotesi mai presa in considerazione dall’amministratore delegato che, con la legge di riforma dei criteri di nomina dei vertici aziendali del dicembre 2015, è il vero uomo forte di viale Mazzini.Il presidente della Rai, Marcello Foa, preferisce non intervenire: «Non entro nelle polemiche per scelta. Credo che il mio scopo debba essere quello di permettere alla Rai e ai suoi dipendenti di lavorare al meglio e in modo proficuo». Ma Baglioni avrà o no il terzo incarico per il Festival di Sanremo 2020? Nulla di deciso. Tutto è nelle mani dell’amministratore delegato che valuterà con la direttrice De Santis. Ascolti finali alla mano, se ne riparlerà a canzone vincitrice proclamata.

Tag: #Spettacoli

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

L’Etna torna a eruttare: da uno dei criteri sommitali, spiega l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, escono fontane di lava, accompagnate da boati, che hanno causato la nascita di una colata. Il fenomeno, concentrato nella zona alta e...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

L’unico sorriso di una giornata nera Matteo Salvini lo dispensa affidando le sorti del governo a una metafora meteorologica: «Guardate che bel cielo... La finestra è sempre aperta, se non si lavora ne trarremo le conseguenze». La finestra è quella...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«È importante essere più obiettivi nei dibattiti». La neoeletta presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha indicato quale sarà il suo modo di affrontare i dossier europei in un’intervista concessa al consorzio Lena, che...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Se le danno di santa ragione per tutta la giornata, come una coppia che sta per andare in frantumi, sempre sull’orlo di una crisi di nervi, o di governo, in questo caso. La parola chiave è crisi, ormai sulla bocca sia Salvini che di Di Maio. Ore...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Quando nostra figlia è nata eravamo molto giovani, ma è stato il regalo più grande che potessimo ricevere», racconta tra le lacrime Paolo Codognola, un passato da portiere del Chievo Verona. La sua Swami, 17 anni, è morta martedì all’alba...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Quando ieri tutto sembrava perduto, quando la prima tappa pirenaica aveva già generato il centesimo sbadiglio (fuga inutile e imprendibile, big addormentati, salite facili e troppo lontane dal traguardo per far selezione), il Tour de France ha giocato...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Magari se si arriverà al nuovo stadio semi-interrato, alto solo 30 metri, con 12mila posti vip, e un’area completamente nuova attorno cambierà idea. Oggi però Silvio Berlusconi ha uno sguardo inevitabilmente sentimentale mentre torna nella sua...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

MILANO — Tra un impegno politico e l’altro, in questi giorni Silvio Berlusconi si è dedicato anche alla sua nuova passione calcistica, il Monza, maturata dopo le delusioni patite in un recente passato con il Milan. Lunedì, prima di volare a...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Avremo modo nei prossimi giorni di occuparci dei programmi dedicati al 50° anniversario del primo passo dell’uomo sulla Luna, «un’impresa che cambiò il mondo per sempre». Intanto, ci piace riproporre un brano di Giorgio Manganelli (tratto da...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

L’ appello che lanciammo due anni fa al Governo di allora — Il ritorno alla terra. Opportunità per i giovani, Corriere della Sera, 14.10.2017 — è rimasto inascoltato. Proponevamo alcuni interventi per favorire il ritorno alla terra e al lavoro...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, sono passati 17 anni dall’assassinio di Pim Fortuyn e, le confesso, continuo a credere che non solo l’Olanda ma la stessa Europa abbiano perso un possibile grande leader. Qualcuno potrà rinfacciarmi che Fortuyn sia stato un precursore ...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Tre mesi dopo l’incendio che ha fatto crollare la guglia di Notre-Dame, la cattedrale più celebre al mondo resta al centro delle attenzioni di politici, cittadini, media, esperti d’arte. Martedì il Parlamento ha adottato in via definitiva il...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Sono con Marisa Laurito, siamo abbattuti, ma confortati dal fatto che Luciano se ne sia andato avendo intorno i suoi amici. Sono stati 14 giorni di sofferenza...». Il vostro primo incontro era un classico che lui amava raccontare: vi ritrovaste a una...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Quello squillo che ti perseguita. Quel continuo chattare a testa in giù, con gli occhi incollati allo schermo, magari senza accorgersi che intorno ci sono la bellezza del Canal Grande o l’empireo delle Dolomiti. Schiavi dello smartphone. Sempre in...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Le voci di un suo possibile ritorno in Formula 1 si rincorrevano da settimane, tanto da scomodare Helmut Marko, manager della Red Bull, che aveva dovuto dichiarare che per lui nella scuderia austriaca posto non ce n’era. Ma adesso è lo stesso pilota...