Neonazi contro il capo di Siemens «Finirai ucciso come meriti»

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

BERLINO Per essere il capo di Siemens, una delle aziende simbolo del sistema Germania, Joe Kaeser è un’eccezione fra i grandi manager tedeschi. Non parliamo qui delle sue capacità imprenditoriali, che sono notevoli, riconosciute e non dissimili da quelle di tanti altri suoi colleghi. No, nel paesaggio dell’industria renana Kaeser è un numero a parte perché prende spesso e volentieri posizione su temi politici attuali e controversi.
Molto presente sui social media, Kaeser critica le esternazioni razziste di Alice Weidel, la co-presidente dei deputati di AfD al Bundestag quando definisce con disprezzo Kopftuch-Mädel le ragazze musulmane che portano il velo. Cancella la partecipazione a una conferenza di investitori a Riad dopo il brutale assassinio del giornalista Jamal Khashoggi nei locali del consolato saudita di Istanbul. Da ultimo prende le difese di Carola Rackete, la capitana della Sea Watch, «arrestata per aver salvato vite umane».



Ora Joe Kaeser ha un problema. Da tempo oggetto di insulti e accuse via email o e twitter, il capo di Siemens ha ricevuto nei giorni scorsi una minaccia di morte. Con una firma e un riferimento che fanno compiere un preoccupante salto di qualità alla vicenda. «I tipi come te hanno bisogno di essere trattati come Lübcke», è scritto sul messaggio di posta elettronica che gli è stato recapitato. Indirizzo del mittente: adolf.hitler@nsdap.de. Dove Lübcke sta per Walter Lübcke, il prefetto di Kassel e dirigente della Cdu assassinato all’inizio di giugno sul terrazzo di casa sua da un notorio neo-nazista, probabilmente aiutato da complici, ora agli arresti dopo una lunga caccia. Un delitto che ha scosso il Paese e soprattutto ha svelato quanto pericolosa e sanguinaria sia la trama dell’estrema destra radicale in Germania.
Kaeser, 62 anni, non ha esitato a rendere pubblico l’avvertimento di morte, inoltrandolo via il suo account twitter. «Ci sono segnali che la digitalizzazione è arrivata all’Inferno: ora anche il diavolo ha una mail», ha commentato. «La mia risposta — ha aggiunto — è #neverforget, #NieWieder, #NazisRaus», non dimentichiamo, mai più, via i nazisti». Kaeser ha specificato che Siemens non ha presentato alcuna denuncia, ma che la Procura del Land ha deciso di aprire un’inchiesta.
La rete ha reagito in grande maggioranza esprimendo apprezzamento per il coraggio di Joe Kaeser. Di più, a un sondaggio anonimo interno fra i dipendenti della Siemens su cosa pensino del fatto che il loro top-manager faccia spesso esternazioni politiche, il 90% ha risposto di trovarlo giusto. Ma come ha fatto notare ieri la Süddeutsche Zeitung, solo un assordante silenzio arriva dal mondo dell’imprenditoria tedesca: perché, si chiedono molti imprenditori, dovremmo esprimere un’opinione politica se questo ci può alienare i nostri clienti? Certo ci sono aziende e aziende. I critici di Kaeser obiettano che per il capo di Siemens dire pubblicamente la sua è più facile, poiché vende turbine, apparecchiature mediche o treni, quindi i suoi clienti sono soprattutto Stati o aziende pubbliche non privati cittadini.
Ma il problema della posizione di un imprenditore nella società rimane: «Chi si tiene in disparte dalla politica — commenta Thomas Fromm sul giornale bavarese — perché teme di danneggiare i propri affari, non ha capito che i manager in quelle posizioni hanno una responsabilità pubblica e quindi sono anche un riferimento».
E comunque anche Kaeser rischia. Qualche giorno fa non ha esitato a criticare Matteo Salvini per il caso di Carola Rackete, definita dal ministro dell’Interno «una comunista tedesca ricca e viziatella». Giusta o sbagliata è una critica non priva di alea, Siemens essendo presente sul mercato italiano dal 1899. «Chi salva vite umane non può essere arrestato, a differenza di chi uccide e semina odio», aveva scritto Kaeser.© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

ROMA Un possibile show down nella maggioranza appare sempre più vicino, fra una settimana sia il Pd che Italia viva terranno le rispettive assemblee e i leader prenderanno la parola per dire la loro sulla possibilità di andare avanti con l’esecutivo...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Caro direttore, mi meraviglia che gli attuali esponenti del Pd contestino a Matteo Renzi di voler logorare il loro partito allo scopo di lucrare consensi. Mi pare di rivedere a parti invertite quanto accadde durante la segreteria Renzi, quando si...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

dal nostro inviatoTREVISO Oleg Mandić arrivò ad Auschwitz nell’estate del 1944. Aveva 11 anni, con lui c’erano la madre Névenka e la nonna Olga. Gli tatuarono sul braccio sinistro il numero 189488 e gli assegnarono un triangolo rosso....

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Violazione dell’intimità della vita privata» e «diffusione senza accordo di immagini a carattere sessuale» sono le motivazioni dell’arresto dell’artista russo Piotr Pavlenski, 35 anni, e della sua compagna l’avvocata Alexandra de Taddeo, 29,...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

È la concorrente più vecchia: 35 anni. È la prima Miss Germania con un figlio, di lavoro fa l’imprenditrice online e ha già detto che «del titolo di più bella me ne farò poco, e non intendo andare in giro a tagliare nastri come un manichino» e...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

DAL NOSTRO INVIATORICHMOND Primo applauso: «Mi sono candidato per battere Donald Trump». Secondo, più convinto: «Non sono qui di passaggio, sosterrò chiunque uscirà dalle primarie democratiche». Michael Bloomberg è, finalmente, in campagna...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

L’Inter si illude per 50 minuti poi la carenza di un portiere di livello, fino ad allora mascherata dalla difesa, s’impone in tutta la sua urgenza: Skriniar anticipa Padelli che era uscito un po’ a caso, la palla finisce a Immobile che viene...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

LONDRA «Terrificante» posare davanti all’ospedale con in braccio un bimbo appena nato. «A volte ci si sente sole a fare la mamma». L’arrivo di un figlio è accompagnato da «emozioni miste». Da una parte «l’euforia», dall’altra «l’ansia ...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Dorme solo quattro ore per notte, non sa rinunciare al cioccolato, ama la moda e lo spritz, vorrebbe essere più alta (è 158 cm) e meno muscolosa, vive a Cavalese in Val di Fiemme con il marito Stefano ma è a casa solo 70 giorni all’anno. Non le...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

«Wait and see», traducibile (meno elegantemente) con il «calma e gesso» che pronunciano i giocatori di biliardo quando devono fare un tiro difficile e prendono tempo strofinando con il gesso la punta della stecca. Ecco la sintesi che esce dal...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Una storia di volontà ed emancipazione, coraggio e amore, che si snoda a cavallo del mare Mediterraneo e che segue la vita di una famiglia italiana, i Muccio, divisa tra due sponde, la Libia e l’Italia. Su questa vicenda Roberto Costantini sta...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Durante un talk show la conduttrice che lo stava intervistando lo aveva rimproverato affettuosamente: «Ma lei ce la mette tutta per far parlare di sé». Il dottor Urtis, ammiccando, aveva risposto: «Sa, è anche una questione di marketing». Strategie ...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

«Zia Antonietta era una semplice cameriera, ingenua e sprovveduta. La ricostruzione prevalente fu questa: era rimasta incinta e il futuro padre le aveva promesso di portarla all’altare...» Ma lei scopre che lui è sposato e si arrabbia. O lui ci...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

La copertina del progetto con il titolo «Un piano per il Sud è un progetto per l’italia», l’hashtag «#Sud2030» e la foto di Duino, il Comune in Friuli-Venezia Giulia, con una splendida vista sul Golfo di Trieste e le sue falesie. Non proprio un...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Sono gravi le condizioni di un bambino di 5 anni investito a Cigliano, nel Vercellese. È successo nel pomeriggio di oggi, domenica 16 febbraio. Stando alle prime notizie, il 118 avrebbe prestato sul posto le prima cure al piccolo, che ha riportato...