Il cricket torna a casa: Inghilterra vince i Mondiali dopo 44 anni

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Il tormento e l’estasi. Il panico e il giubilo nei tinelli della nazione. Ieri l’Inghilterra celebrava un traguardo agognato per anni: e non perché avessero finalmente portato a compimento la Brexit. Ma perché per la prima volta la nazionale, domenica sera, aveva trionfato ai Mondiali di cricket: e non in posto qualsiasi, ma allo stadio dei Lord’s di Londra, il tempio di quello sport bizzarro cui solo gli inglesi (e le loro ex colonie) riescono ad appassionarsi.
«La più grande partita della storia», titolavano ieri i giornali, che hanno dedicato pagine e pagine speciali all’evento, accompagnate da gigantografie ed editoriali. «Ci siamo mangiati le unghie, ci siamo nascosti dietro il divano, ma non abbiamo mai dubitato», proclamava la tempestiva pubblicità di una banca. «It’s just not cricket», «non è affatto cricket», dicono gli inglesi per definire qualcosa di scorretto, che non sta alle regole. Perché quello sport complicato — sono 25 anni che la mia amata consorte britannica prova inutilmente a spiegarmelo — riassume l’essenza del carattere nazionale. Fair play, flemma, attese: una partita di cricket può durare una giornata intera, durante la quale la cosa più eccitante che si verifica è la pausa per il tè.



Ma «chi ha detto che il cricket è noioso?», smentiva ieri il titolo di prima del Telegraph: perché la finale di domenica contro la Nuova Zelanda ha sovvertito tutte le tradizioni. L’Inghilterra è stata protagonista di una rimonta entusiasmante e ha portato a casa il risultato solo ai supplementari dei supplementari, dopo oltre otto ore di gioco: una cosa mai vista prima. Una maniera molto inglese di vincere, hanno osservato i commentatori. Perché era arrivata ai supplementari anche la vittoria ai Mondiali di calcio del 1966 (pure quelli in Inghilterra, allo stadio di Wembley), trionfo cui quello di questa domenica è stato paragonato. E la stessa cosa era avvenuta ai Mondiali di rugby a Sidney nel 2003. Sofferenza e stoicismo, il sigillo di una nazione.
Perdere a cricket era ormai il vero passatempo nazionale: soprattutto contro gli ex sudditi, indiani e pachistani, diventati maestri nello sport imposto dai colonizzatori. E dunque la vittoria di ieri ha in qualche modo restaurato le gerarchie storiche e mentali. Era da un po’ che l’Inghilterra andava a caccia di un successo sportivo: e lo aveva sfiorato due volte. L’anno scorso la nazionale maschile di calcio aveva trascinato gli animi, ma il suo sogno si era infranto in semifinale. E la stessa cosa è accaduta qualche giorno fa anche alle calciatrici donne, che pure hanno suscitato un travolgente entusiasmo collettivo.
C’è dunque dell’ironia e del simbolismo nel fatto che il trionfo finale abbia il sapore e il colore del cricket. Nella scena conclusiva di Another Country, il film degli anni 80 con Rupert Everett che rievoca la vita di Guy Burgess, la spia di Cambridge al soldo dei sovietici, la giornalista del Times va a Mosca a intervistare l’anziano ex agente, in esilio in Russia da decenni, e gli chiede se gli manchi qualcosa dell’Inghilterra. Lo sguardo del vecchio aristocratico si perde in lontananza e la sua voce sussurra: «Il cricket».

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 27 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

In quello stadio di San Siro che questa sera ospita, a porte chiuse, il ritorno di Europa League tra Inter e Ludogorets, un fuoriclasse olandese, il milanista Marco van Basten, ha scritto quasi tutta la sua carriera. «A Milano mi sentivo come se fossi...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Sempre più spesso mi capita di venir colta da un desiderio che avrei ritenuto impossibile fino a qualche anno fa. Contemplando i meravigliosi tramonti di questi giorni — rosso di sera, bel tempo si spera — osservando la luce che, già all’alba,...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Un cambio di strategia su più fronti. L’Italia prova a rialzare la testa e la prima novità è che non si faranno più tamponi sui soggetti asintomatici. Verranno eseguiti solo rispetto alle persone con sintomi del coronavirus «e su chi ha avuto...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

«Chi ha dato l’indicazione di fare i tamponi anche alle persone senza sintomi, gli asintomatici, ha sbagliato. La strategia del Veneto non è stata corretta perché ha derogato all’evidenza scientifica. Le linee guida dell’Organizzazione mondiale...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

La «donna guarita» è ancora molto arrabbiata. «Noi saremo anche ignoranti, ma qualcuno ha soffiato sul fuoco della nostra ignoranza». Dopo la morte di Adriano Trevisan, il primo decesso italiano che ha avuto come concausa il coronavirus, era stata...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

I ricercatori non sono maghi con la sfera di cristallo, ma stanno cercando di dare qualche risposta, con dati scientifici alla mano (i pochi oggi disponibili), alla difficile domanda che tutti, in questi giorni, si stanno ponendo: «Quando finirà questa ...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Paragonare il Duce al Capitano è «come confrontare Rita Hayworth ed Elettra Lamborghini». Parte da questa premessa Pietrangelo Buttafuoco, per il volume che PaperFirst, la casa editrice del Fatto quotidiano, sta per mandare in libreria. Una premessa...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

C i sono code che vale la pena di fare. Non per accaparrarsi una mascherina di garza o sei flaconi di candeggina. Ma per trovare il proprio «gemello genetico»: un Gabriele sconosciuto, e forse lontano, la cui sopravvivenza davvero dipende da un gesto,...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

REGGIO CALABRIA «Io sono allibita, spiazzata, sconcertata. Ma devo rimanere lucida per capire se mio marito è innocente, e quindi va tirato fuori dal carcere, o se ha delle responsabilità. Perché se risulterà colpevole io, figlia di un servitore...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, le chiedo di spiegarmi perché dal 1947 la Sicilia è ancora Regione autonoma a statuto speciale, e perché ancora nessun governo ha mai deciso di sospendere dopo 70 anni questa incomprensibile grande facilitazione. In materia di...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

All’ennesimo colpo di vento, nemmeno così violento, la Juve cade anche a Lione. La buona notizia è che l’1-0 è rimediabile e non è una cosa da poco. Ma altri segnali positivi non se ne vedono. La squadra di Sarri non sembra una squadra: zero tiri ...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Il Milleproroghe è stato approvato dal Senato: il testo è ora definitivo. Il via libera è arrivato con la fiducia (154 favorevoli, 96 contrari e nessun astenuto), come già successo alla Camera. I 44 articoli spaziano dall’iter di revoca delle...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

È morto lo scrittore Clive Cussler, aveva 88 anni. Autore americano, scomparso il 24 febbraio, era famoso in particolare per i romanzi d’avventura, tutti bestseller nel mondo. L’annuncio della scomparsa è stato dato dalla moglie su Twitter: «È...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Il Virtual Showroom firmato Ferragamo è stato realizzato in tempi record con la collaborazione di Hyphen, azienda che si occupa della trasformazione digitale. Lo spazio virtuale consente a buyer e partner di consultare e visualizzare i nuovi prodotti...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Gli analisti fanno i conti sull’Ops di Intesa Sanpaolo su Ubi: per Exane Bnp Paribas la proposta è vantaggiosa per i soci della banca lombarda per il premio del 24% sul valore del titolo pre-offerta e perché dà ai soci di Ubi la possibilità di...