I 2.500 capolavori rubati dai nazisti agli ebrei in mano al governo tedesco

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

 Più di 70 anni dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale il governo tedesco è ancora in possesso di migliaia di opere d’arte, quasi sicuramente rubate dai nazisti in Germania e in tutta l’Europa, in grandissima parte a famiglie ebraiche. Come ha confermato il ministero delle Finanze tedesco a Bild Zeitung, sono esattamente 2.500 i capolavori non ancora restituiti ai legittimi proprietari che attualmente si trovano in musei statali, nei ministeri o nel deposito federale delle opere d’arte di Weissensee, a Berlino.
La notizia emerge sull’onda delle rinnovate polemiche suscitate dall’appello del direttore della Galleria degli Uffizi, Eike Schmidt, che ha chiesto la restituzione del «Vaso di Fiori» di Jan van Huysum, un olio del Settecento trafugato al museo fiorentino dalle truppe hitleriane e attualmente in possesso di una famiglia tedesca. Ma se nel caso del dipinto olandese siamo di fronte a un privato, con tutte le difficoltà legali di una eventuale restituzione, in quello del governo tedesco c’è anche un problema di azione insufficiente e di lentezza burocratica. Non che Berlino non abbia fatto o faccia nulla per attivarsi nella ricerca dei proprietari o dei loro eredi. Nell’agosto del 2018, la Germania ha rinnovato il suo impegno a rispettare e tradurre in pratica i cosiddetti accordi Washington, firmati nel 1998, in cui 40 nazioni si impegnarono a far luce sull’arte rubata dai nazisti in guerra e a rintracciare gli eredi per restituire «in tutti i casi nei quali è possibile» le opere trafugate.


«La soluzione dei furti d’arte dei nazionalsocialisti è un dovere permanente, in particolare per la Germania. Noi non abbandoneremo questa responsabilità», aveva dichiarato la ministra federale per la Cultura, Monika Gruetters. Gli accordi di Washington non comportano alcuna regola giuridicamente vincolante, ma si basano sulla volontà politica dei Paesi che vi aderiscono. Anche perché, secondo il codice civile tedesco, la restituzione non è obbligatoria essendo passati più di 35 anni. Il problema è che in venti anni, sono stati restituiti appena 54 tra dipinti e sculture. Attualmente, sempre secondo informazioni della Bild, il governo tedesco ha in corso trattative per la restituzione di una dozzina di opere. Poco rispetto alla mole del deposito.
Lunedì scorso, la ministra Gruetters ha personalmente consegnato agli eredi il «Ritratto di una giovane donna seduta» del pittore francese Thomas Couture, appartenuto a un ex ministro dell’Interno francese Georges Mandel, condannato all’ergastolo dal regime collaborazionista di Vichy. L’opera faceva parte della collezione di Cornelius Gurlitt, il mercante d’arte che l’aveva ereditata dal padre, il quale grazie ai suoi rapporti con i gerarchi nazisti era riuscito ad impossessarsi, spesso pagandoli pochissimo, di centinaia di capolavori, fra cui opere di Max Liebermann, Chagall, Picasso, Otto Dix, Emil Nolde e Ernst Ludwig Kirchner.
Forte di oltre 1.200 lavori, venne scoperta per caso nel 2012 durante una ispezione fiscale in un appartamento di Monaco di Baviera e in seguito sequestrata dalle autorità tedesche. Da sola, la collezione Gurlitt ha praticamente raddoppiato il numero delle opere d’arte rubate ora nella disponibilità del governo tedesco. Secondo gli storici, furono almeno 5 milioni le opere d’arte sottratte dai nazisti ai loro proprietari, soprattutto ebrei, durante la Seconda Guerra Mondiale. Ma per anni in Germania il tema è stato tabù. A musei e case d’asta non interessò mai la provenienza delle opere, pur di assicurarsele.

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Neanche lei si è salvata dalla furia del compagno della madre. È sopravvissuta sì, Noemi, la sorella di Giuseppe Dorice, ucciso a Cardito dal convivente della madre Tony Essobti Badre. Ma anche lei ha vissuto l’orrore quotidiano che si consumava fra ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

L’annuncio dell’attrice arriva il 15 settembre 2018, con una foto su Instagram in cui si dichiara «grata e felice di essere ancora viva, ma molto triste per la perdita dei capelli» dovuta alle cure per uno dei tipi più rari di cancro, quello...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Lo avrà anche fatto per una buona causa: nella fattispecie, per promuovere la messa al bando della plastica, in favore dell'alluminio completamente riciclabile. Ma per i suoi fan è stato un brutto colpo lo stesso, perché Jason Momoa senza barba è...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Pesava 1.500 kg ed era in grado di affrontare animali delle dimensioni di elefanti e ippopotami. Ricercatori internazionali hanno studiato i resti di uno dei più grandi mammiferi carnivori che sia mai comparso sulla Terra. Ribattezzato "Simbakubwa...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

C’è un mondo zen sotto una volta di argilla blu che viene dal pliocene, tre milioni di anni fa, quando a Bolgheri nuotavano le balene. Un mondo sotterraneo di acciaio, legno e vetro. È la casa del Masseto, uno dei Merlot più costosi al mondo. Per 32 ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

«Salva il mondo, salva le api». Se l’allarme per salvare i piccoli insetti impollinatori dal cambiamento climatico, l’abuso di pesticidi e la distruzione del loro habitat è già stato lanciato da tempo, l’aiuto può arrivare anche dai più...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Gli italiani che si sposteranno in auto durante le feste di Pasqua e per i prossimi ponti del 25 aprile e 1 maggio dovranno però mettere in conto una stangata con rincari complessivi per 110 milioni di euro per la benzina. Lo scrive in una nota il...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Debutta a Shanghai la prima macchina di serie firmata da Giorgetto e Fabrizio Giugiaro dopo l’uscita dal gruppo Volkswagen. Per il nome bisogna decifrare gli ideogrammi scritti sul posteriore, che porta delle linee e una firma europea nella Terra del...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Comunque vada, sarà il primo successo. Dei quattro allenatori rimasti in Champions League, infatti, nessuno l’ha mai vinta: Klopp ci è andato vicino con due finali (Dortmund e Liverpool) ma sta a zero proprio come Valverde (Barcellona), Pochettino...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Claudio Marchisio, lei ha scritto «quando un sogno — come quello della Juve — va in frantumi, bisogna raccogliere ogni pezzo e ricostruirlo». Perché?«C’erano grandi attese, costruite anche giustamente dentro e fuori la Juve. Con Ronaldo si...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Revoca dell’affidamento terapeutico per Fabrizio Corona. Finito il periodo delle «ospitate» in tv e della frenetica attività tra palestra, serate e promozione del suo marchio. Le porte di San Vittore per lui si sono richiuse e ora, a quanto...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Il ritorno della Bari. Promossa in C dopo una sola (trionfale) stagione fra i dilettanti della D. La, femminile, già, perché per tutti i tifosi galletti (calcio e zoologia: binomio un filo démodé ma irresistibile per chi è nato con le figu Panini)...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

L’Europa saprà ripararsi dal vento del sovranismo, piuttosto dovrà trovare una soluzione comune sull’emergenza migranti, tema centrale delle prossime elezioni. Diversi gli argomenti toccati dal Capo dello Stato Sergio Mattarella in una intervista...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Anche Facebook è intenzionata ad entrare nell’arena degli assistenti virtuali puntando a competere con Siri di Apple, Alexa di Amazon e Google Assistant dell’azienda di Mountain View. A Menlo Park se ne sta occupando ormai dall’inizio del 2018 la...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Sapete qual è il peggior rimprovero che si possa rivolgere ad un cane, il peggior castigo che gli si possa infliggere? Ignorarlo. Proprio così: distogliere lo sguardo, voltarsi di scatto, andarsene via provocano nel cane che ha fatto qualcosa di...