«A 40 anni la nostra vita complicata è rinata grazie alle torte» Buone Notizie in edicola

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

È un regno di cioccolata e glassa, profuma di zucchero, cacao e cannella, quello di Elisa e Marylise. Tra panna, creme, mousse, muffin e biscotti, la vita per loro è ricominciata a 40 anni. Amiche da sempre, complici nei momenti difficili, ora socie con la passione per il cake design nel laboratorio «EliseMarie» nel cuore di Padova, colorato e goloso come il paese delle meraviglie. Torte a piani, decorazioni di zucchero e sculture di glassa, file di pasticcini che sembrano gioielli. C’è il Piccolo Principe sul suo asteroide, Peter Pan pronto ad alzarsi in volo, Barbie in un tripudio di rosa, un campo da calcio, un camion, sette piani di frutta, la tastiera di un pianoforte, creme e cioccolata: sculture da mangiare.
Tutta questa dolcezza nasconde un segreto, una sfida vinta. Perché Elisa Botton e Marylise Poggio, quarantenni di Padova, sulla passione per i dolci hanno puntato tutto, proprio nel momento in cui la vita sembrava andare a rotoli. Per Marylise, mamma di quattro figli, il baratro è stato un divorzio complicato e combattuto che l’ha lasciata prostrata e senza nulla. Per Elisa, due figlie, è invece arrivata una separazione dolorosa dall’attività di famiglia, con strascichi conflittuali. Marylise Poggio racconta: «Non avevamo soldi, nessun capitale. Solo il nostro sogno. Così ci siamo rimboccate le maniche e via, verso questa avventura». È la differenza che scatta quando si trasforma il sogno in progetto. «Giravamo a cercare il locale adatto - incalza Elisa Botton - e poi ci chiedevamo: ma come lo paghiamo?». Hanno chiesto due prestiti in banca, li hanno ottenuti, sono partite. Così è nato il regno della dolcezza.



«Ci siamo conosciute a vent’anni, partecipavamo entrambe alle selezioni regionali per Miss Italia - rivela Marylise - e ci divertivamo, lo facevamo con spirito goliardico, senza troppe ambizioni. È stata un’estate tra passerelle e discoteche. È finita lì. Ma siamo rimaste amiche. Nel frattempo la vita è andata avanti, matrimoni, figli. Ci vedevamo meno, però l’una per l’altra c’era sempre». Affinità elettive e una spiccata somiglianza fisica: alte, capelli lunghi, sorriso contagioso. «Ci scambiano per sorelle», tengono a dire. Quando il matrimonio di Marylise va a rotoli e lei si trova in mezzo a una bufera legale Elisa è lì, a sostenerla. Fantasticano di torte e di un lavoro autonomo. Parlano di mousse, sculture di zucchero e orari professionali innovativi, per dare tempo e spazio ai figli, crescerli e stargli accanto, sul modello dei Paesi del Nord. Proprio nel momento peggiore della loro vita, decidono di provarci.
Aprono il laboratorio di cake design «EliseMarie» e rivoluzionano il concetto di «orario di lavoro». «Facciamo torte dalle 9 alle 15.30, solo fino a quando i bambini sono a scuola. Poi siamo a loro totale disposizione. Non vogliamo perderci nulla della crescita dei nostri figli. Se c’è una torta da realizzare “fuori orario” i bambini vengono in laboratorio con noi. Hanno uno spazio dedicato, si divertono. Respirano una bella armonia. Sono orgogliosi di noi». Per questo motivo niente pasticceria tradizionale: le avrebbe obbligate a orari da negozio. Hanno scelto il laboratorio. Che passo dopo passo diventerà anche un locale su misura per le feste per bambini e i corsi di cake design, rivolti a grandi e piccoli.
«EliseMarie» è un luogo a misura di mamma, voluto così. Il lavoro è rigorosamente dalle 9 alle 15.30, senza perdere tempo. Un welfare che Elisa e Marylise si sono ritagliate addosso, pensando alla nutrita schiera dei loro figli, tutti campioncini in erba, con tanti impegni tra scuola e sport. Quattro figli per Marylise: Ginevra, 14 anni, campionessa di nuoto sincronizzato; Diletta, 12 anni, nella nazionale di pattinaggio su ghiaccio; Pietro 9 anni e Andrea 6, mini-atleti di hockey su ghiaccio. Due figlie per Elisa: Noemi di 9 anni con la passione per il golf e Sofia di 6, ballerina. Una girandola i vari corsi sportivi, le gare, i saggi… Le due mamme artiste della dolcezza hanno organizzato l’attività professionale mettendo i bambini al primo posto.
«Con gli orari che ci siamo imposte conciliamo tutto. I clienti sono contenti, i nostri figli anche. E noi viviamo lavoro e famiglia senza sensi di colpa o ansie». La torta più strana? «Quando ci hanno chiesto un enorme cactus come dolce di nozze… spiazzante. Non sembrava augurare bene. Ma i due sposini erano entrambi appassionati di piante grasse». Elisa Botton è stata campionessa italiana di cake design nel 2014, Marylise Poggio prima delle nozze lavorava nella maison Pierre Cardin, organizzava eventi. Oggi i loro ruoli nell’impresa «EliseMarie» sono intercambiabili, ognuna si occupa di tutto, dalle mousse di cioccolata alle pubbliche relazioni con i clienti. L’artista è Elisa Botton, crea torte che sono complesse opere d’arte di qualsiasi forma, per matrimoni, feste, battesimi, compleanni. Marylise pensa alle creme, mousse, gelée, pan di Spagna. Insieme formano un team che non si ferma davanti a nulla. “Le donne unite possono tutto e realizzano cose bellissime», dicono.
L’esistenza le ha messe davanti a una svolta. Hanno deciso di rischiare. «Quando entro in laboratorio sono felice - ribadisce Marylise - e sto bene perché faccio quello che mi piace. E pazienza se ancora lavoriamo solo per pagare i prestiti e le spese. Un giorno avremo finito. Nel frattempo qui regnano l’armonia e il divertimento». La crema di cioccolata scorre a fiumi, le mani sono sempre a impastare, gli assaggi mettono buonumore. «È la nostra terapia della felicità. Realizziamo i desideri di chi ci chiede dolci speciali - ripetono - e allo stesso tempo realizziamo anche il nostro bisogno di serenità e bellezza. Rendere magici momenti particolari della vita delle persone è la nostra arte. Mollare tutto e ripartire da questa passione comune ci ha salvato la vita. Quando tutto sembra perduto, è allora che si può rinascere, ripartire». Elisa ha appena creato una torta monumentale e colorata per il compleanno di Marylise, sopra campeggia il numero 25. «Noi compiamo sempre 25 anni», ridono tuffando il cucchiaio nella cioccolata.

Tag: #Corriere

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato domenica, 23 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Bernie Sanders vince anche in Nevada. Il senatore del Vermont si aggiudica i caucus e, staccando i lontani inseguitori Pete Buttigieg e Joe Biden, lancia la sua volata alla conquista della nomination democratica. La nuova vittoria consente a Sanders di...

Pubblicato domenica, 23 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Nella mappa dei contagi in Lombardia, con i numeri in aggiornamento di ora in ora, c’è un prima e un dopo. Sono le 18.30 di ieri sera quando crolla ogni certezza. E dalla Lombardia al Veneto il mistero si infittisce perché in entrambe le regioni si...

Pubblicato domenica, 23 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Posti di blocco intorno ai paesi del contagio per impedire ai residenti di uscire. Corridoi «sterili» per far entrare derrate alimentari e farmaci garantendo così ai cittadini l’approvvigionamento delle merci indispensabili. È il piano di...

Pubblicato sabato, 22 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

L’uomo che vedete nella foto, scattata il 30 maggio 1973, è stato decisivo per la conquista della Coppa dei Campioni quell’anno vinta dalla Juventus. L’altro, a sinistra, è Johan Cruyff. Non vi sembri indelicato riciclare una vecchia battuta per...

Pubblicato sabato, 22 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Se il paziente zero fosse stato lui si sarebbero spiegate tante cose. Suo cognato risultato positivo al test, per esempio. L’amico con il quale è andato a cena, infettato e ora ricoverato in condizioni molto gravi. Il legame evidente con la Cina,...

Pubblicato sabato, 22 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Dopo una notte insonne, quella mattina di quindici anni fa Matt Hahn ha fatto la cosa giusta, contro il suo interesse immediato (e senza sapere che in realtà si stava assicurando il futuro). Ha preso la memory card rubata, l’ha messa in un borsellino...

Pubblicato sabato, 22 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, rispondendo a un lettore lei lascia intendere che Francesco Cossiga fosse un presidente un po’ particolare, dove per particolare intendo bizzarro. Ne può descrivere la figura? Abituati ad avere presidenti posati, non mi dispiacerebbe...

Pubblicato sabato, 22 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

DAL NOSTRO INVIATOVO’ EUGANEO (Padova) «Ma è proprio sicuro? Guardi che è meglio se fa il giro largo». A mezzogiorno gli agenti della polizia locale e i volontari della protezione civile esercitano gli unici poteri dei quali dispongono, fino a...

Pubblicato sabato, 22 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Milan e Fiorentina pareggiano 1-1 nell’ultimo anticipo della 25ª giornata. In gol Rebic al 56’ e Pulgar su rigore (conquistato dall’ex Cutrone) all’84’. Viola in 10 dal 62’ per l’espulsione di Dalbert, fallo da ultimo uomo su Ibrahimovic. ...

Pubblicato sabato, 22 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Non chiamiamola più «quarantena», come si faceva nel Medioevo, ma «isolamento domiciliare». L’idea di fondo è la stessa: confinare le persone, che sono venute a contatto con un germe contagioso e potrebbero trasmetterlo ad altre, in strutture...

Pubblicato sabato, 22 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Per capire cosa sia stata Torino e cosa sia stata — e non sia più — la borghesia italiana, bisogna venire alla Crocetta nella casa al pianterreno di Marida Recchi: donna di impresa e di filantropia, testimone di un secolo di storia del nostro...

«La Lettura» premia Sandro Veronesi E (in edicola) celebra il romanzo Pubblicato sabato, 22 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Il protagonista, lunedì 24 febbraio al Piccolo Teatro Grassi di Milano (via Rovello 2), sarà il romanzo italiano. Lo sarà perché alle 18.30 a salire sul palco per ricevere il premio de «la Lettura» come miglior libro del 2019 sarà Sandro Veronesi...

Pubblicato sabato, 22 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

In Italia continuano a manifestarsi nuovi casi di coronavirus, con i focolai principali in Lombardia e in Veneto; e proprio in Veneto si è registrata la prima vittima del contagio. In dieci comuni del Lodigiano è stata istituita una sorta di «zona...

Pubblicato sabato, 22 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

La Juventus ha battuto per 2-1 la Spal nell’anticipo della 25/a giornata di Serie A. I gol di Cristiano Ronaldo al 39’ e Ramsey al 60’. Per la Spal a segno su rigore Petagna al 70’. Con il 21esimo gol in campionato, Ronaldo eguaglia il record di ...

Pubblicato sabato, 22 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Alla lista di contagi di Coronavirus (Covid-19) in Italia si aggiunge un primo caso positivo a Milano. Si tratta di un residente di Sesto San Giovanni ricoverato all’ospedale San Raffaele da una settimana. Allo studio le misure di emergenza da fare...